Nansō satomi hakkenden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Nansō satomi hakkenden (Cronache degli otto cani in italiano) è un'opera letteraria formata da 106 volumi piuttosto grandi, scritta da Kyokutei Bakin.
Elaborata tra il 1814 e il 1842 e basato su un romanzo storico cinese noto come Suikoden, furono impiegati 38 anni per la stesura ed ebbe enorme popolarità all'epoca. Il numero di caratteri è incerto, ma molto probabilmente si tratta del romanzo più lungo mai scritto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel periodo Sengoku (350 della morte dell'autore), questo romanzo racconta la storia di otto fratelli samurai e di tutte le loro avventure, con i temi della lealtà, della famiglia e dell'onore, ma anche di molti altri come le religioni e la filosofia. Satomi Yoshizane, samurai del XV secolo, fa una promessa (in tono scherzoso) a Yatsufusa, il suo cane. La promessa è la seguente: chi batterà il nemico del clan potrà sposarsi con sua figlia, di nome Fuse. Yatsufusa uccide il nemico del clan e Fuse lascia la casa con il cane. Passato un po' di tempo, Fuse, in un ultimo disperato tentativo per dimostrare che non aveva avuto figli dal cane, si uccide. Alla morte, la sua collana buddista si rompe. Otto perle della collana si perdono in zone diverse. In questi otto posti nascono dei bambini, uno per ogni luogo dove è arrivata una perla. Il segno che li contraddistingue è una voglia sulla pelle. Ognuno possiede la sua perla, su cui c'è scritto un ideogramma. Gli otto ragazzi, un giorno, s'incontrano e decidono di andare al paese della principessa Fusa. Da lì partono tutte le vicende che il ciclo narrativo racconta.
Una serie precedente al romanzo di Bakin, "Chinsetsu Yumiharizuki" era stata illustrata dal celebre Katsushika Hokusai, ma i due non avevano lavorato bene insieme. Vi è una ristampa completa in dieci volumi disponibili, e varie traduzioni moderne giapponesi, soprattutto edizioni integrali. Purtroppo sono pochi i volumi tradotti in italiano e in tutte le altre lingue europee.

Film, TV e adattamenti teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Anche se molto conosciuto al suo debutto, il lavoro di Bakin perse popolarità dopo la Restaurazione Meiji, ma tornò di moda ancora una volta nel XX secolo. Ci sono adattamenti cinematografici, il primo dei quali girato nel 1938, poi una serie nel 1950, un'influente serie TV, Shin Hakkenden all'inizio del 1970, nel 1983 ha cambiato nome in "Satomi Hakkenden", de il più recente, una mini-serie TV (un dorama in due puntate intitolato Satomi Hakkenden) trasmessa nel 2006 con Hideaki Takizawa che interpreta la parte del protagonista maschile.

Altri adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sono stati disegnati diversi manga basati al romanzo, in cui i temi non sono andati perduti, anche se si perdono nella banalità dei fumetti;
  • Nel videogioco Okami, il giocatore deve cercare gli otto guerrieri canini, che vengono descritti come l'incarnazione delle otto virtù del confucianesimo. È una chiara parodia dei protagonisti del libro;
  • Questa storia è anche correlata ad un caso in Detective Conan, in cui otto fratelli, nel cui nome è presente il kanji di uno degli otto doveri morali, vengono uccisi da un fantomatico cane demoniaco, che lascia vicino ai cadaveri un oggetto di forma sferica;
  • C'è un museo dedicato al romanzo e al suo adattamento teatrale in Tateyama, Chiba;
  • Nell'anime "Naruto", il personaggio Kiba Inuzuka è basato su questa storia, così come il suo clan.
  • L'anime Shin Hakkenden è un libero adattamento in chiave fantascientifica di quest'opera.