Nanismo insulare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il nanismo insulare è il processo di riduzione delle dimensioni di grossi animali (quasi sempre mammiferi), che avviene quando il loro pool genetico viene ristretto a causa di inincrocio, come accade ad esempio sulle isole, ma anche in foreste inaccessibili, valli isolate od oasi nel deserto. Questa tendenza all'incrocio diminuisce la variabilità ed aumenta le possibilità di avere malattie genetiche dovute a alleli recessivi.

Scheletro di un elefante nano di Creta

Sono state avanzate diverse ipotesi per spiegare questo processo: la più plausibile è quella secondo la quale le minori dimensioni consentono di sopravvivere in ambienti con risorse limitate, come lo possono essere, per l'appunto, le isole.

Casi di nanismo insulare[modifica | modifica sorgente]

Questo processo di riduzione della taglia, secondo alcuni studiosi, sarebbe osservabile anche su alcune specie vegetali, fra cui spiccherebbe una specie di sequoia nana.

Articoli collegati[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Ma quale effetto isola! Confutate le evidenze per cui la taglia originale della specie influirebbe sul gigantismo e sul nanismo degli animali rimasti isolati - Galileo 8.11.2007