Nador

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune dell'Algeria, vedi Nador (Algeria).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nador
città
ⴻⵏⵏⴰⴹⵓⵔ / Ennaḍur / الناظور
Nador – Veduta
Localizzazione
Stato Marocco Marocco
Regione Orientale
Provincia o prefettura Nador
Amministrazione
Sindaco Mohamed Aamar
Territorio
Coordinate 35°10′41.99″N 2°55′50.99″W / 35.17833°N 2.93083°W35.17833; -2.93083 (Nador)Coordinate: 35°10′41.99″N 2°55′50.99″W / 35.17833°N 2.93083°W35.17833; -2.93083 (Nador)
Altitudine 61 m s.l.m.
Abitanti 126 207
Altre informazioni
Cod. postale 62000
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Marocco
Nador

Nador (berbero ⴻⵏⵏⴰⴹⵓⵔ, arabo: الناظور) è una cittadina portuale del nord-est del Marocco, nella regione berberofona del Rif, posta sulla costa del Mar Mediterraneo (laguna di Bou Areg). È collegata tramite una autostrada con l'enclave spagnola di Melilla, che si trova una decina di chilometri più a nord. Le sue risorse economiche principali sono quelle legate alla pesca, al commercio di frutta, pesce e bestiame, ed all'industria metallurgica.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Secondo alcuni, il toponimo Nador sarebbe l'abbreviazione di Aït Nador, la popolazione di un villaggio nei pressi della laguna (Ait è un elemento berbero, corrispondente all'arabo banu, beni "figli di", impiegato per denominare vari gruppi etnici e sociali del Nordafrica). Secondo altri, invece, il nome deriverebbe dall' arabo ناظور Nāẓūr, «faro, torre d'avvistamento» (pronunciato Nāḍōr in arabo dialettale), alludendo al fatto che effettivamente questa località è un posto di osservazione strategico che controlla il Capo delle Tre Forche, proteso verso la Spagna.

La lingua[modifica | modifica sorgente]

Cartello di STOP a Nador in arabo e berbero. Apparso il 29-4-2003, rimosso in nottata

La lingua più parlata a Nador è il berbero, mentre l'arabo, benché lingua ufficiale del Marocco, resta ancora poco usato in questa regione. Un esempio dell'attaccamento dei cittadini di questa città alla loro lingua è un evento di qualche anno fa, quando il consiglio municipale, interpretando con una certa disinvoltura alcune indicazioni dell'IRCAM (Istituto Reale della Cultura Amazigh), decise, il 29 aprile 2003, di introdurre nei propri documenti pubblici e nella segnaletica stradale locale anche scritte in berbero, in caratteri tifinagh. La decisione durò solo poche ore: in breve tempo il ministro dell'Interno Mustapha Sahel invalidò la decisione del consiglio municipale e diede ordine di sostituire tutti i cartelli bilingui che erano stati collocati in quella città.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nador è stato un punto di incontro della civiltà indigena (berbera) e di quelle fenicia, cartaginese, romana, e successivamente islamica.

In epoche diverse, la regione ha anche ospitato diversi re del Marocco. Ciò avvenne, ad esempio, con Omar, figlio di Idris II (IX secolo) o, in seguito, con il sovrano Almoravide Yūsuf Ibn Tāshfīn, che si installò con le sue truppe sul Monte Temsamane nel Rif.

Anche il sultano Mohammed ben Abdallah scelse il sito di Nador come luogo in cui concentrare le sue truppe durante l'assedio di Melilla (1774).

Economia[modifica | modifica sorgente]

Nador, è la terza piazza finanziaria del Marocco, grazie alle rimesse dei marocchini emigrati all'estero. La città trae vantaggio anche dalla vicinanza con l'enclave spagnola di Melilla.

Nador si è vista recentemente sotto i riflettori della stampa internazionale in occasione dei tentativi di infiltrazione di cittadini dei paesi subsahariani nell'enclave di Melilla. Essi infatti avevano scelto come base per i loro tentativi il monte Gourougou, a pochi chilometri dalla città.

Nador è una città mediterranea splendidamente collocata ai bordi di un'immensa laguna ed al centro di una ricca regione agricola. Questa regione conosce attualmente un notevole rilancio economico.

Nador è il polo centrale dell'industria metallurgica e mineraria del Marocco: infatti è a Selouane, poco distante dalla città, che si trova il più importante complesso siderurgico del paese.

A livello delle infrastrutture, vi sono: l'aeroporto internazionale "Mont Arouit", il porto "Beni Ansar" (passeggeri, mercantile e industriale), zone industriali e strade (Nador sarà presto raggiungibile dalla superstrada della costa nord). Nador è anche senza alcun dubbio la terza piazza bancaria del Marocco.

Nei pressi di Nador vi è un colossale trasmettitore, che con le sue due antenne di 380 m è una delle costruzioni più alte di tutta l'Africa.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città è servita da due stazioni principali, quella di Nador Ville e di Nador Sud.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]