Nadi al-Muthanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nadi al-Muthanna (Al-Muthanna Club) fu un'influente associazione panaraba d'ispirazione fascista con sede a Baghdad. Creata nel 1935, rimase attiva fino al fallimento del colpo di Stato filo-nazista tentato da Rashid Ali al-Kaylani nel 1941. L'associazione prese il nome da Al-Muthanna ibn Haritha, antico guerriero e capo tribale musulmano protagonista della Battaglia di al-Qadisiyya. Il gruppo, successivamente rinominato "Partito Nazional Democratico", fu fortemente influenzato dall'esperienza dei fascismi europei e controllato da nazionalisti arabi radicali[1]. Esso mirò a diffondere gli ideali del nazionalismo arabo mobilitando gli iracheni contro l'Impero Britannico e facendo leva soprattutto sugli studenti. Nel dopoguerra vari esponenti del movimento si unirono ad al-Kaylani nel Partito Iracheno dell'Indipendenza.

Nadi al-Muthanna fu guidata da Saib Shawkat e dal suo braccio destro Muhammad Mahdi al-Kubba. Nel 1938, grazie alla forza crescente del movimento, Sami Shawkat fu nominato direttore generale dell'educazione[2] e, dietro suggerimento dell'ambasciatore tedesco Fritz Grobba, diede vita a un'organizzazione giovanile sul modello della Gioventù hitleriana[3], chiamata al-Futuwwa (parola legata all'Islam medievale e al sufismo)[4]. Un delegato dell'organizzazione partecipò al Congresso nazionalsocialista di Norimberga del 1938 e, a sua volta, il capo della Gioventù hitleriana Baldur von Schirach fu ospitato dal movimento iracheno[5]. Il Daily Telegraph ha scritto che anche se non vi sono prove oggettive, è probabile che il giovane Saddam Hussein abbia fatto parte di un'organizzazione paramilitare simile a al-Futuwwa nata negli anni '50. Giunto al potere egli parlò varie volte con ammirazione della Gioventù hitleriana[6]. Si ritiene inoltre che il panarabismo di Saib Shawkat abbia avuto una grande influenza ideale sul Partito Ba'th. Altro esponente di primo piano di Nadi al-Muthanna fu Yunis al-Sabawi, deputato e poi ministro dell'economia. Egli tradusse il Mein Kampf in lingua araba e veicolò messaggi politici di stampo antisemita. Nel giugno 1941 l'organizzazione partecipò a un pogrom antiebraico, noto con il nome di "Farhud".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Davis, Memories of state: politics, history, and collective identity in modern Iraq, 2005, p.74
  2. ^ Judith Miller - Laurie Mylroie, Saddam Hussein and the crisis in the Gulf, Times Books, 1990, p.73
  3. ^ Matthew Elliot, Independent Iraq: the monarchy and British influence, 1941-58, Tauris Academic Studies, Londra, 1996, p.46
  4. ^ Le regole della Cavalleria Spirituale Islamica (Futuwwa) Che cos’e’ la Futuwwa?
  5. ^ Israel Gutman, Encyclopedia of the Holocaust, 1990, Volume 2, p.716
  6. ^ Articolo del Daily Telegraph.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elie Kedourie, Arabic political memoirs and other studies, 1974
  • Youssef M. Choueiri, Arab nationalism: a history: nation and state in the Arab world, 2000
  • Edmund Ghareeb, Beth Dougherty, Historical dictionary of Iraq, 2004
  • Eric Davis, Memories of state: politics, history, and collective identity in modern Iraq, 2005
  • Orit Bashkin, The other Iraq: pluralism and culture in Hashemite Iraq, 2009