Li Na (tennista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Na Li)
Li Na
Li Na Photo by Sascha Grabow.jpg
Li Na
Dati biografici
Nome Cinese: 李娜; Pinyin: Lǐ Nà
Nazionalità Cina Cina
Altezza 172 cm
Peso 65 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 501 - 186 (72,92%)
Titoli vinti 9
Miglior ranking 2° (17 febbraio 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2014)
Francia Roland Garros V (2011)
Regno Unito Wimbledon QF (2006, 2010, 2013)
Stati Uniti US Open SF (2013)
Altri tornei
WTA Championships F (2013)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 4º posto (2008)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 121 - 50
Titoli vinti 2
Miglior ranking 54° (28 agosto 2006)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2006, 2007)
Francia Roland Garros 2T (2006, 2007)
Regno Unito Wimbledon 2T (2006)
Stati Uniti US Open 3T (2005)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 25 gennaio 2014

Li Na (李娜sempl., Lǐ Nàpinyin; Wuhan, 26 febbraio 1982) è una tennista cinese.

È fino a oggi la tennista di maggior successo del suo paese, avendo infranto diversi record e contribuito in maniera fondamentale alla popolarità del tennis in Cina. Tra i suoi record, è stata la prima cinese capace di vincere un titolo WTA (Guanghzhou 2004), la prima cinese a raggiungere i quarti in un torneo del Grande Slam (Wimbledon 2006), ad entrare tra le prime 20 del ranking (agosto 2006) e nelle top 10 grazie alla semifinale agli Australian Open 2010, prima cinese a raggiungere tale risultato insieme a Zheng Jie.

Un anno dopo, nello stesso torneo, ha migliorato questo primato raggiungendo la finale, avendo battuto in semifinale la numero 1 della classifica WTA Caroline Wozniacki in tre set[1], e pochi mesi dopo ha conquistato il Roland Garros superando in finale Francesca Schiavone. Nel circuito tennistico internazionale è anche nota come Na Li (pronunciando il suo nome di battesimo prima del suo cognome cinese).

Carriera[modifica | modifica sorgente]

1999-2003[modifica | modifica sorgente]

Li Na è diventata professionista nel 1999. Nel biennio 1999-2000 ottiene numerosi successi in tornei del circuito ITF e riesce a scalare il ranking fino al numero 136. Tali prestazione consentono alla giovane cinese di prendere parte al primo torneo WTA della carriera a Tashkent. Nel 2001 anche a causa di alcuni problemi fisici disputa pochi tornei e scende al numero 303 della classifica WTA di fine anno.

Nel marzo 2002 vince il torneo ITF di Midland. Dopodiché sparisce dal circuito per due anni. Le fonti variano per quanto riguarda le cause di questa assenza, alcuni dicono 'per "ragioni di salute", altri, affermano che ha deciso di prendersi una pausa dal tennis professionistico per studiare all'università.

2004[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio del 2004 Li Na fa il suo ritorno sui campi da tennis. Riparte dal circuito ITF e in poco tempo riesce ad ottenere importanti successi. Grazie ai risultati ottenuti la cinese riesce a conquistare una wild-card per giocare il torneo WTA di Pechino. In questo torneo per la prima volta Li Na riesce ad esprimersi ad alti livelli nel circuito maggiore battendo Antonella Serra Zanetti, Marta Domachowska e Nicole Pratt prima di essere sconfitta da Svetlana Kuznecova fresca vincitrice dello US Open.

La settimana successiva, Li Na partecipa alle qualificazioni del torneo di Guangzhou e riesce a farcela. Al primo turno batte Vera Duševina, al secondo Jelena Janković, ai quarti Kristina Brandi e in semifinale Li Ting. In finale batte Martina Suchá 6-3, 6-4 aggiudicandosi il suo primo titolo WTA, e così facendo, ha scritto il suo nome nei libri di storia come la prima donna cinese a vincere un torneo del WTA Tour. Il 4 ottobre 2004 fa irruzione nella Top 100 WTA per la prima volta.

2005[modifica | modifica sorgente]

Il 2005 vede Li Na abbandonare il circuito ITF e concentrarsi esclusivamente sugli eventi a livello WTA. Inizia l'anno nel mese di gennaio a Gold Coast venendo eliminata al secondo turno. La settimana successiva ottiene la semifinale a Hobart. Prende parte all'Australian Open venendo eliminata dalla russa Marija Šarapova al terzo turno dopo aver sconfitto Laura Granville e Shinobu Asagoe nei primi due turni. Ai primi di febbraio, raggiunge i quarti di finale a Hyderabad perdendo contro la russa Marija Kirilenko. Dopo aver superato le qualificazioni a Doha viene battuta da Patty Schnyder nel primo turno del tabellone principale.

A Dubai viene eliminata ancora una volta dalla svizzera Patty Schnyder al secondo turno. Dopo aver preso un mese di pausa dalle competizioni, la cinese torna a Estoril sconfiggendo Stéphanie Cohen-Aloro, Nicole Pratt, Dally Randriantefy e Dinara Safina prima di cedere in finale contro la ceca Lucie Šafářová, che ha prevalso 7-64, 4-6, 3-6. A maggio, a Rabat raggiunge la semifinale, ma una distorsione alla caviglia destra nel match contro Zheng Jie la costringe a stare fuori dai campi per tre mesi. Nonostante ciò ottiene la posizione nr. 33 del ranking suo miglior piazzamento in carriera.

Al suo ritorno a Los Angeles nel mese di agosto, cade al primo turno contro Anna Čakvetadze. La settimana successiva, però, al Canadian Open, batte ancora una volta Jelena Janković, e poi anche María Vento-Kabchi, prima di subire la sconfitta da Nadia Petrova nei quarti di finale. Il 26 settembre, Li Na inizia la sua difesa del titolo di Guangzhou, ma le viene impedito l'accesso ai quarti di finale dalla futura campionessa Yan Zi. Chiude la stagione al numero 56 del ranking.

2006[modifica | modifica sorgente]

L'inizio dell'anno appare subito complicato per la tennista cinese. Infatti, è costretta a subire in quasi tutti i tornei in cui prende parte sconfitte al primo o al secondo turno. Questi mediocri risultati la fanno scivolare indietro in classifica WTA fino al 71º posto. Nel mese di maggio perde in finale al torneo di Estoril contro la connazionale Jie Zheng. Al Roland Garros viene eliminata al terzo turno da Svetlana Kuznecova. Nel mese di giugno ottiene per la prima volta, a Wimbledon, i quarti di finale in un torneo dello Slam perdendo contro la belga Kim Clijsters. Agli US Open viene battuta al 4 turno dalla francese Mary Pierce per 4–6, 6–0 6–0.

2007[modifica | modifica sorgente]

Li Na inizia l'anno con la partecipazione a un evento Tier III a Gold Coast, in Australia, dove raggiunge il secondo turno. La settimana dopo, gareggia a Sydney perdendo contro Kim Clijsters 1-6, 6-1, 7-5, in semifinale. Tale risultato le consente di salire al nr. 16 del seeding. Li Na agli Australian Open raggiunge il quarto turno perdendo contro Martina Hingis 4-6, 6-3, 6-0. Al Tier I Pan Pacific Open di Tokyo, in Giappone, Li avanza al secondo turno, sconfiggendo Lilia Osterloh 6-3, 6-2, prima di perdere da Samantha Stosur 6-2, 6-4, non riuscendo a convertire ben 11 palle break.

All'importante Pacific Life Open di Indian Wells, California, Li ha un gran risultato, avanzando per le semifinali pur perdendo da Daniela Hantuchová in semifinale 7-5, 4-6, 6-1. Continua la sua buona forma al Masters di Miami, perdendo solo tre games nei suoi primi due incontri contro Tamira Paszek e Katarina Srebotnik, prima della vittoria sulla quarta testa di serie Kim Clijsters 4-6, 6-4, 6-2. Perde poi nei quarti di finale di Anna Čakvetadze 4-6, 7-5, 6-2. Si trasferisc poi sulla terra verde di Amelia Island, dove subisce in'inaspettata uscita al secondo turno dopo aver ricevuto un bye al primo turno dall'ex top venti giocatore Karolina Šprem in tre set 6-3, 6-3. Al Family Circle Cup svoltasi a Charleston, South Carolina, cade nel terzo turno ad opera di Anabel Medina Garrigues per 6-4, 7-5.

2008[modifica | modifica sorgente]

La cinese inizia bene l'anno vincendo il torneo di Goald Coast contro la bielorussa Viktoryja Azaranka. In seguito prende parte all'Australian Open ma dopo aver superato i primi due turni contro Séverine Brémond e Maria Elena Camerin perde al terzo turno contro Marta Domachowska. A febbraio partecipa al torneo di Anversa, ma in semifinale viene sconfitta dall'italiana Karin Knapp.

La settimana successiva al torneo di Doha viene di nuovo eliminata in semifinale da Vera Zvonarëva. Successivamente salta tutti i tornei fino al mese di giugno a causa di un problema fisico. Fa il suo ritorno nel circuito al torneo di Eastbourne. In tale circostanza esce al secondo turno contro la russa Nadia Petrova. Al Torneo di Wimbledon esce al secondo turno contro la giovane Anastasija Pavljučenkova. Ad agosto alle Olimpiadi di casa a Pechino ottiene un buon quarto posto.

2011: la vittoria al Roland Garros[modifica | modifica sorgente]

Durante l'Australian Open 2011, Li Na diventa la prima cinese ad accedere ad una finale di un Grande Slam ma perde contro Kim Clijsters. Qualche mese dopo, diventa anche la prima cinese ad accedere alla finale del Roland Garros e di conseguenza la prima ad aver disputato i quarti di finale di tutti i tornei di Grande Slam.

Li Na ha poi vinto il Roland Garros battendo in finale Francesca Schiavone 6-4, 7-60. Per il ritiro di Kim Clijsters, partecipa al torneo di Wimbledon come terza testa di serie; dopo aver battuto Alla Kudrjavceva al primo turno, viene sconfitta al secondo dalla tedesca Sabine Lisicki col risultato 3–6, 6–4, 8–6.[2]

2012[modifica | modifica sorgente]

Il 2012 inizia per Li Na nel miglior modo possibile. Arriva in finale a Sydney perdendo da Viktoryja Azaranka. All'Australian Open si ferma al quarto turno contro Kim Clijsters per 4-6, 7-64, 6-4, non sfruttando i quattro match point nel tie-break del secondo set. Si ritira al primo turno di Parigi per una lesione alla schiena e decide di non partecipare al torneo di Dubai per riabilitarsi.

Arrivano, poi, per la cinese quattro quarti di finale. La prima ad Indian Wells, eliminata dalla tedesca Kerber in semplici set; la seconda a Miami, eliminata dalla Šarapova; la terza arriva a Stoccarda, battuta dalla giovane Agnieszka Radwańska in tre set. Infine a Madrid, eliminata dalla Azaranka. Dopo questi buoni risultati arriva in finale a Roma, perdendo da Marija Šarapova 6-4 4-6 6-7, dopo l'annullamento del match per pioggia. La cinese conduceva 6-4 4-0 e ha avuto anche un match point sul 6-5 nel terzo set.

Li Na nel 2012

Con maggio arriva il Roland Garros, e Li Na deve difendere la vittoria dell'anno precedente, ma ciò non accade. Si ferma al quarto turno, eliminata dalla qualificata Jaroslava Švedova per 3-6, 6-2, 6-0. Nei tornei estivi in preparazione agli US Open ottiene ottimi risultati, nella Rogers Cup arriva fino alla finale dove si arrende a Petra Kvitová mentre al Cincinnati Open riesce a conquistare il sesto titolo in carriera superando nel match decisivo e in rimonta la tedesca Angelique Kerber.[3]

Agli US Open batte Heather Watson e Casey Dellacqua prima di essere eliminata al terzo turno col punteggio di 6-4, 6-77, 6-2 dalla diciottenne inglese Laura Robson, numero 89 del mondo[4]. Amaro si rivela anche il torneo di Tokyo, nel quale perde al terzo turno per 4-6, 6-3, 6-4 da Caroline Wozniacki. Ai China Open di Pechino, passando per una vittoria al terzo turno in due ore e 28 minuti contro la connazionale Peng Shuai, si arrende in semifinale 6-4, 6-0 a Marija Šarapova. Con questo risultato, però, diventa l’ottava giocatrice a qualificarsi per i WTA Tour Championships di Istanbul. In quello che è l’ultimo torneo dell’anno solare, Li Na non riesce a raggiungere le semifinali, chiudendo con una vittoria, contro Angelique Kerber, e due sconfitte, contro Serena Williams e Viktoryja Azaranka. Termina la stagione alla posizione numero 7 del ranking mondiale[5].

2013[modifica | modifica sorgente]

A Shenzhen, nel primo torneo del WTA Tour 2013, Li Na vince il titolo (il settimo della sua carriera), battendo Mandy Minella, Julia Cohen, Bojana Jovanovski, Peng Shuai e, in finale, Klára Zakopalová, 6-3, 1-6, 7-5 dopo oltre due ore di gioco[6]. A Sydney, invece, la cinese perde 6-3, 6-4 in semifinale da Agnieszka Radwańska, poi vincitrice del torneo. Entra nel tabellone degli Australian Open come testa di serie numero 6 e raggiunge la finale senza perdere neanche un set, sconfiggendo una dopo l’altra Sesil Karatančeva, Ol'ga Govorcova, Sorana Cîrstea, Julia Görges e le quotatissime Agnieszka Radwańska[7] e Marija Šarapova[8], rispettivamente numero 4 e numero 2 del mondo. In una sfortunata finale, nella quale è costretta a chiamare per ben due volte il medical timeout (complici due cadute nelle quali riporta problemi alle caviglie e alla testa), cede 4-6, 6-4, 6-3 alla numero 1 del mondo Viktoryja Azaranka[9]. A marzo gioca il Premier Mandatory di Miami, torneo in cui viene eliminata ai quarti di finale col punteggio di 6-3 7-65 dalla futura vincitrice Serena Williams.

Na Li a Wimbledon 2013

Sulla terra rossa di Stoccarda arriva in finale ma perde 6-4, 6-3 da Marija Šarapova[10]. A Madrid viene battuta al primo turno dalla lucky loser Madison Keys col punteggio di 6-3 6-2. Agli Internazionali di Roma non va oltre il terzo turno, sconfitta 7-62 7-5 da Jelena Janković[11]. Anche al Roland Garros Li Na non riesce a esprimere il suo tennis migliore: dopo aver superato Anabel Medina Garrigues, viene eliminata a sorpresa al secondo turno da Bethanie Mattek-Sands, numero 67 del mondo, col punteggio di 5-7, 6-3, 6-2[12].

A Eastbourne la cinese fa il suo esordio stagionale sull'erba e arriva fino ai quarti di finale, dove perde 7-64 6-3 dalla russa Elena Vesnina, poi vincitrice del torneo[13]. A Wimbledon batte Michaëlla Krajicek, Simona Halep, Klára Zakopalová (8-6 al terzo set) e Roberta Vinci ma ai quarti di finale cede 7-65 4-6 6-2 ad Agnieszka Radwańska in due ore e 47 minuti[14]. Il primo torneo delle US Open Series al quale Li Na prende parte è la Rogers Cup di Toronto. Nel Premier canadese viene sconfitta in semifinale 6-1 7-65 dalla rumena Sorana Cîrstea[15].

Anche a Cincinnati il cammino della cinese si interrompe in semifinale, qui è la numero 1 del mondo Serena Williams a estrometterla dal torneo con un duplice 7-5[16]. Agli US Open Li Na è iscritta come numero 5 del seeding e sfruttando il suo buon momento di forma supera Ol'ga Govorcova, Sofia Arvidsson, Laura Robson e Jelena Janković senza cedere neanche un set. Ai quarti di finale un'ostica Ekaterina Makarova impegna la cinese in un match lungo 2 ore e 20 minuti prima di capitolare. In semifinale Li Na trova la detentrice del titolo e futura vincitrice del torneo Serena Williams che la batte per la nona volta in carriera su dieci confronti diretti aggiudicandosi l'incontro con estrema facilità per 6-0 6-3[17].

Nonostante la brutta sconfitta, quella di quest'anno diventa la migliore prestazione della cinese nello Slam newyorkese visto che nelle sue precedenti sette partecipazioni non era mai riuscita a superare i quarti di finale. Inoltre, nella Grande Mela le viene conferito il premio US Open Sportsmanship Award da una giuria presieduta dall'ex tennista Todd Martin. Si tratta di un riconoscimento assegnato annualmente alle giocatrici e ai giocatori professionisti di tennis che più di altri dimostrano la propria sportività durante le US Open Series e gli US Open[18]. Nel Masters di fine stagione vince tutti i match del round robin e in semifinale sconfigge nettamente Petra Kvitová. Nell'incontro decisivo deve tuttavia arrendersi nuovamente a Serena Williams dopo essere riuscita a vincere il primo set per 6-2.[19]

2014: la vittoria all'Australian Open[modifica | modifica sorgente]

A inizio 2014 Li Na si riconferma campionessa in patria, a Shenzhen, dove ha la meglio in finale della connazionale Shuai Peng per 6-4, 7-5. L'anno continua bene per Na Li che partecipa al primo Grande Slam della stagione, l' Australian Open, arrivando in finale. Nel suo percorso non ha incontrato avversarie all'interno della top-20 mondiale e nel match decisivo supera la slovacca Dominika Cibulková per 7-63, 6-0, vincendo così il suo 2° Slam in carriera, dopo il Roland Garros 2011.[20] Li Na, chiusa la parentesi Australian Open, va a Doha per la prima volta dal 2011.

Le viene assegnata la testa di serie numero uno viste le assenze di Serena Williams e Viktoryja Azarenka ma viene a sorpresa eliminata nel terzo turno dalla emergente ceca Petra Cetkovská per 62-7, 6-2, 4-6.[21] A marzo gioca i due tornei premier statunitensi, ad Indian Wells viene eliminata in semifinale da Flavia Pennetta[22], futura campionessa, mentre a Miami raggiunge la finale dove è Serena Williams ad avere la meglio in due set.[23]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (9)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (1)
Tier III (2) Premier (1)
Tier IV & V (0) International (3)
Titoli per superficie
Cemento 7
Erba 1
Terra battuta 1
Sintetico 0
No. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 3 ottobre 2004 Cina Guangzhou International Women's Open, Canton Cemento Slovacchia Martina Suchá 6–3, 6–4
2. 5 gennaio 2008 Australia South Australian Open, Gold Coast Cemento Bielorussia Viktoryja Azaranka 4–6, 6–3, 6–4
3. 13 giugno 2010 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Russia Marija Šarapova 7-5, 6-1
4. 14 gennaio 2011 Australia Medibank International, Sydney Cemento Belgio Kim Clijsters 7–6, 6–3
5. 4 giugno 2011 Francia Roland Garros, Parigi Terra rossa Italia Francesca Schiavone 6-4, 7-60
6. 19 agosto 2012 Stati Uniti Cincinnati Open, Cincinnati Cemento Germania Angelique Kerber 1-6, 6-3, 6-1
7. 5 gennaio 2013 Cina Shenzhen Open, Shenzhen Cemento Rep. Ceca Klára Zakopalová 6–3, 1–6, 7–5
8. 4 gennaio 2014 Cina Shenzhen Open, Shenzhen (2) Cemento Cina Peng Shuai 6-4, 7-5
9. 25 gennaio 2014 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Slovacchia Dominika Cibulková 7-63, 6-0

Finali perse (12)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (1)
Tier I (0) Premier Mandatory (1)
Tier II (0) Premier 5 (2)
Tier III (0) Premier (2)
Tier IV & V (2) International (2)
No. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 1 maggio 2005 Portogallo Estoril Open, Oeiras Terra rossa Rep. Ceca Lucie Šafářová 6-74, 6-4, 6-3
2. 7 maggio 2006 Portogallo Estoril Open, Oeiras (2) Terra rossa Cina Jie Zheng 6-75, 7-5, r.
3. 8 marzo 2009 Messico Monterrey Open, Monterrey Cemento Francia Marion Bartoli 6-4, 6-3
4. 14 giugno 2009 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Slovacchia Magdaléna Rybaríková 6-0, 7-62
5. 28 gennaio 2011 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Belgio Kim Clijsters 3-6, 6-3, 6-3
6. 13 gennaio 2012 Australia Medibank International, Sydney Cemento Bielorussia Viktoryja Azaranka 6-2, 1-6, 6-3
7. 20 maggio 2012 Italia Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa Russia Marija Šarapova 4-6, 6-4, 7-65
8. 13 agosto 2012 Canada Rogers Cup, Montreal Cemento Rep. Ceca Petra Kvitová 7–5, 2–6, 6–3
9. 26 gennaio 2013 Australia Australian Open, Melbourne (2) Cemento Bielorussia Viktoryja Azaranka 4-6, 6-4, 6-3
10. 28 aprile 2013 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i) Russia Marija Šarapova 6-4, 6-3
11. 27 ottobre 2013 Turchia WTA Tour Championships, Istanbul Cemento (i) Stati Uniti Serena Williams 2-6, 6-3, 6-0
12. 29 marzo 2014 Stati Uniti Sony Open, Miami Cemento Stati Uniti Serena Williams 5-7, 1-6

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Legenda:
Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0)
Tier II (0)
Tier III (1)
Tier IV & V (1)
Titoli per superficie
Cemento 1
Erba 1
Terra battuta 0
Sintetico 0
No. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 17 settembre 2000 Uzbekistan Tashkent Open, Tashkent Cemento Cina Li Ting Uzbekistan Iroda Tulyaganova
Ucraina Anna Zaporožanova
3-6, 6-2, 6-4
2. 18 giugno 2006 Regno Unito DFS Classic, Birmingham Erba Serbia Jelena Janković Stati Uniti Jill Craybas
Sudafrica Liezel Huber
6–2, 6–4

Finali perse (0)[modifica | modifica sorgente]

Risultati in progressione[modifica | modifica sorgente]

Torneo 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 Carriera
Australian Open V F 4T F SF - 3T 4T 1T 3T - 1
Roland Garros 1T 2T 4T V 3T 4T - 3T 3T - - 1
Wimbledon 3T QF 2T 2T QF 3T 2T - QF - - 0
US Open SF 3T 1T 1T QF 4T - 4T 1T - 0
WTA Tour Championships F RR RR - - - - - - - 0
Finali 2 4 4 3 1 2 1 0 1 1 1 20
Tornei vinti 2 1 1 2 1 0 1 0 0 0 1 9
Posizione nel ranking di fine anno 3 7 5 11 15 23 29 21 57 80

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AUSTRALIAN OPEN - Li Na entra nella storia del tennis con la finale agli Australian Open
  2. ^ French Open champ Li loses to Lisicki at Wimbledon in The Seattle Times, 23 giugno 2011. URL consultato il 23 giugno 2011.
  3. ^ ubitennis.com, La Li spezza l’incantesimo, 19 agosto 2012. URL consultato il 20 agosto 2012.
  4. ^ gazzetta.it, Azarenka tornado su Zheng, Stosur e Kvitova scatenate, 31 agosto 2012. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  5. ^ ubitennis.com, Wozniacki di nuovo top 10 Errani chiude al 6: è record, 5 novembre 2012. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  6. ^ ubitennis.com, Aga vince ad Auckland, la Li a Shenzen, 5 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  7. ^ ubitennis.com, Li sfata la maga. Radwanska fuori! Masha sfascia Makarova, 22 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  8. ^ ubitennis.com, Tornado Li. Sharapova spazzata via in due set, 24 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  9. ^ ubitennis.com, Azarenka concede il bis Regina d'Australia e del ranking, 26 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  10. ^ ubitennis.com, Maria Porschova si conferma imbattibile regina della terra, 28 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  11. ^ ubitennis.com, Jankovic è tornata, fuori Na Li. Serena e Sharapova tritatutto, 16 maggio 2013. URL consultato il 23 maggio 2013.
  12. ^ gazzetta.it, Roland Garros: fuori la cinese Na Li. Ok Azarenka e Stosur, poi la pioggia, 30 maggio 2013. URL consultato l'11 giugno 2013.
  13. ^ ubitennis.com, WTA Eastbourne; in semifinale Wozniacki-Hampton, 20 giugno 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  14. ^ ubitennis.com, Lisicki, il day after è senza sorprese Epica Radwanska, 2 luglio 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  15. ^ gazzetta.it, Canada, finale Williams-Cirstea Battute Radwanska e Na Li, 11 agosto 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  16. ^ gazzetta.it, Tennis, a Cincinnati la finale è Serena Williams- Azarenka, 18 agosto 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  17. ^ gazzetta.it, Us Open: super Azarenka, Flavia Pennetta si arrende. La Williams è l'altra finalista, 7 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  18. ^ ubitennis.com, Us Open: premio sportività a Ferrer e Li Na, 6 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  19. ^ Serena Williams per la quarta volta Maestra, ubitennis.com, 27 ottobre 2013. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  20. ^ Tennis, Australian Open: Li Na regina a Melbourne, batte Cibulkova 7-6 6-0, gazzetta.it, 25 gennaio 2014. URL consultato il 30 marzo 2014.
  21. ^ Sorpresa a Doha: esce Li Na, Errani ai quarti con fatica, ubitennis.com, 13 febbraio 2014. URL consultato il 30 marzo 2014.
  22. ^ Pennetta in finale a Indian Wells: battuta la cinese Na Li, gazzetta.it, 15 marzo 2014. URL consultato il 30 marzo 2014.
  23. ^ Miami, Serena Williams travolge Na Li: settimo successo in Florida, gazzetta.it, 29 marzo 2014. URL consultato il 30 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]