NXP Semiconductors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NXP Semiconductors
Logo
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Fondazione 2006 a Eindhoven
Sede principale Amsterdam
Persone chiave Richard Clemmer, Presidente e CEO
Settore Elettronica
Fatturato Green Arrow Up.svg$ 5,44 miliardi (2008)
Dipendenti 30.000 circa (2008)
Sito web www.nxp.com

NXP (abbreviazione di Next eXPerience) Semiconductors è la nuova società di semiconduttori fondata dalla Philips come annunciato dall'allora amministratore delegato Frans van Houten ai clienti e ai dipendenti a Berlino il 31 agosto 2006 e con un annuncio pubblico il giorno seguente.

Storia[modifica | modifica sorgente]

- Philips Semiconductors acquista VLSI Technology nel giugno 1999.

- Nel dicembre 2005 Philips annuncia l'intenzione di conferire la sua Divisione Semiconduttori in una società giuridicamente distinta. Questo processo di separazione era previsto terminare il 1 ottobre 2006.

- 2 agosto 2006: Philips stabilisce un accordo per vendere una quota azionaria dell'80,1% di Philips Semiconductors a un consorzio di investitori private equity costituito da Kohlberg Kravis Roberts & Co. (KKR), Silver Lake Partners e AlpInvest Partners. Philips manterrà il rimanente 19,9%.

- 21 agosto 2006: Bain Capital e Apax Partners annunciano di aver siglato accordi per cui entrano anche loro nel consorzio capeggiato da KKR, che sta per prendere il controllo della nuova società.

- 1 settembre 2006: NXP si presenta ai mezzi di informazione durante la fiera internazionale di elettronica Internationale Funkausstellung (IFA) di Berlino.[1]

- 14 settembre 2006: NXP annuncia il suo consiglio di amministrazione, in cui siedono anche Frans van Houten, Peter van Bommel, Theo Claasen e Hein van der Zeeuw.[2]

- 1 ottobre 2006: NXP diviene una società giuridicamente autonoma.

- 4 ottobre 2006: NXP annuncia la nomina di Peter Bonfield a presidente del comitato per il controllo interno.[3]

- 16 gennaio 2007: NXP annuncia che non rinnoverà il contratto con la Crolles2 Alliance, mettendo così termine all'alleanza alla fine del 2007.

- 8 febbraio 2007: NXP annuncia l'acquisto della divisione di comunicazioni cellulari della Silicon Laboratories.[4]

- 5 settembre 2007: DSP Group acquista le attività di NXP nei terminali cordless e VOIP

- 11 aprile 2008: NXP annuncia il conferimento della sua divisione "Mobile and Personal" per dar vita a una joint-venture con STMicroelectronics.

- 29 aprile 2008: Conexant annuncia la vendita delle proprie attività nel Broadband Media Processing a NXP Semiconductors.[5]

- 12 settembre 2008: NXP annuncia un piano di ristrutturazione e riduzione costi che prevede un taglio di 4500 posti in tutto il mondo[6][7]

- 31 dicembre 2008: NXP annuncia che l'amministratore delegato Frans van Houten lascerà il posto il giorno seguente, sostituito da Richard Clemmer, componente del comitato per il controllo interno.[8]

Principali mercati[modifica | modifica sorgente]

Dopo la separazione da Philips, la nuova società NXP si è concentrata nei seguenti mercati:

  • Automotive
  • Identificazione
  • Domotica
  • Multimarket semiconductors
  • Computer software

Sedi nel mondo[modifica | modifica sorgente]

La sede NXP ai Amburgo, in Germania
2007Computex Footbridge 101 NYNY Corridor.jpg
  • Europa
    • Eindhoven, Paesi Bassi
    • Nijmegen, Paesi Bassi
    • Böblingen, Germania (chiusa nel marzo 2007)
    • Dresda, Germania (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Amburgo, Germania
    • Monaco, Germania
    • Norimberga, Germania (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Starnberg, Germania (chiusa nel luglio 2006 poco prima della fondazione di NXP)
    • Caen, Francia
    • Le Mans, Francia (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Rennes, Francia (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Sophia Antipolis, Francia (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Suresnes, Francia (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Belfast, UK
    • Hazel Grove, UK
    • Southampton, UK
    • Monza, Italia
    • Vienna, Austria
    • Gratkorn, Austria
    • Lovanio, Belgio
    • Zurigo, Svizzera
    • Budapest, Ungheria
  • Asia
    • Bangalore, India
    • Hyderabad, India
    • Cabuyao, Laguna, Filippine
    • Calamba, Laguna, Filippine (entrata nella joint-venture ST-NXP Wireless)
    • Seul, Corea
    • Kaohsiung, Taiwan
    • Hongkong, Cina
    • Dongguan, Cina
    • Shanghai, Cina
    • Seremban, Malesia
    • Batam, Indonesia
    • Singapore
    • Bangkok, Tailandia
    • Haifa, Israele
  • America
    • Austin, USA
    • Boston, USA
    • Fishkill, USA (sarà chiusa nel 2009)
    • San Diego, USA
    • San Jose, USA
    • Schaumburg, USA
    • Tempe, USA

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Philips Semiconductors becomes NXP. URL consultato il 25 settembre 2008.
  2. ^ NXP Semiconductors announces Board of Management. URL consultato il 25 settembre 2008.
  3. ^ NXP Semiconductors Appoints Sir Peter Bonfield as Chairman of Supervisory Board. URL consultato il 25 settembre 2008.
  4. ^ NXP Semiconductors to Acquire Silicon Labs’ Cellular Communications Business. URL consultato il 25 settembre 2008.
  5. ^ NXP to Acquire Conexant's Set-top Box Operations. URL consultato il 25 settembre 2008.
  6. ^ NXP restructures: affects 4,500 jobs, costs $800 mln. URL consultato il 12 settembre 2008.
  7. ^ Redesign of NXP Semiconductors Organization. URL consultato il 25 settembre 2008.
  8. ^ NXP Announces Appointment of Richard L. Clemmer as CEO. URL consultato il 2 gennaio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]