NGC 5566

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 5566
Galassia a spirale barrata
Foto di NCG 5566 scattata dal telescopio Hubble (HST)
Foto di NCG 5566 scattata dal telescopio Hubble (HST)
Scoperta
Scopritore William Herschel[1]
Anno 1786[1]
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Vergine
Ascensione retta 14h 20m 19,95s [2]
Declinazione +03° 56′ 00,9″[2]
Distanza 65 milioni a.l.  
Caratteristiche fisiche
Tipo Galassia a spirale barrata
Categoria di oggetti astronomici

NGC 5566 è una galassia a spirale barrata nella costellazione della Vergine.[3] Si trova a circa 65 milioni di anni luce dalla Terra ed è la galassia più grande della costellazione della Vergine, con un diametro di circa 150 000 a.l..[4] La galassia NGC 5566 venne scoperta il 30 aprile 1786 dall'astronomo anglo-tedesco William Herschel.[1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) C. J. Lada, N. D. Kylafits, The Origin of Stars and Planetary Systems, Kluwer Academic Publishers, 1999, ISBN 0-7923-5909-7.
  • A. De Blasi, Le stelle: nascita, evoluzione e morte, Bologna, CLUEB, 2002, ISBN 88-491-1832-5.

Carte celesti[modifica | modifica sorgente]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I & II, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari