Myotis rosseti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis rosseti
Immagine di Myotis rosseti mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.rosseti
Nomenclatura binomiale
Myotis rosseti
Oey, 1951
Areale

Myotis rosseti distribution (gray).png

Myotis rosseti (Oey, 1951) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso in Indocina.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 36 e 38 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 29 e 31 mm, la lunghezza della coda tra 35 e 38 mm, la lunghezza del piede di 7 mm, la lunghezza delle orecchie tra 13 e 14 mm e un peso fino a 6 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta. Le parti dorsali sono bruno-grigiastre mentre le parti ventrali sono più chiare, con la base dei peli marrone scura. Il muso è rosato. Le orecchie sono grigio scure, lunghe e a forma di imbuto. Il trago è largo alla base, angolato in avanti ed affusolato verso l'estremità. Le membrane alari sono attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi i quali sono relativamente piccoli. Un grosso cuscinetto rotondo è presente alla base del pollice, mentre uno più piccolo di forma triangolare è posto sulla pianta del piede. La lunga coda è completamente inclusa nell'ampio uropatagio. Ha soltanto un paio di premolari superiori ed inferiori.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia negli edifici, nelle cavità degli alberi e nelle canne di Bambù.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti catturati in zone disturbate e su piccoli corsi d'acqua.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Femmine catturate in novembre avevano segni di allattamento, il che fa supporre che le nascite avvengano tra la fine dell'estate e gli inizi dell'autunno, quindi con un probabile ciclo riproduttivo poliestro.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nella Thailandia centrale, Cambogia, Laos e Vietnam meridionali.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale ed alla tolleranza agli ambienti frequentati dall'uomo, classifica M.rosseti come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Csorba, G., Bumrungsri, S. & Bates, P. 2008, Myotis rosseti in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis rosseti in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Francis, 2008

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi