Myotis macrodactylus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis macrodactylus
Immagine di Myotis macrodactylus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.macrodactylus
Nomenclatura binomiale
Myotis macrodactylus
Temminck, 1840

Myotis macrodactylus (Temminck, 1840) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nell'Asia nord-orientale e in Giappone.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 42,06 e 52,94 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 35,5 e 41,5 mm, la lunghezza della coda tra 31,02 e 38,18 mm, la lunghezza del piede tra 9,54 e 12,06 mm, circa il 70-86% della tibia, la lunghezza delle orecchie tra 13,84 e 16,36 mm e un peso fino a 10,4 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è corta e soffice. Le parti dorsali sono bruno-grigiastro scuro, mentre le parti ventrali variano dal grigio al grigio scuro. Le orecchie sono strette, lunghe e con l'estremità arrotondata. Il trago è sottile e lungo più della metà del padiglione auricolare. Le membrane alari sono ampie e attaccate posteriormente lungo la tibia. I piedi sono molto più lunghi della metà della tibia stessa. La coda è lunga ed è inclusa completamente nell'ampio uropatagio, mentre il calcar è sottile e privo di carenatura. Il cranio è grande e robusto. Il cariotipo è 2n=44 FNa=50-52.

Ecolocazione[modifica | modifica sorgente]

Emette ultrasuoni a basso ciclo di lavoro, sotto forma di impulsi di breve durata a banda larga e frequenza modulata compresa tra 94,39±33,78 kHz e 39,4±4,03 kHz, con massima energia a 54,63±5,10 kHz. Oltre alla fondamentale sono presenti 1-2 armoniche.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia all'interno di grotte e costruzioni umane in gruppi fino a 100 individui. I siti sono spesso in prossimità di specchi d'acqua e vengono condivisi sia in inverno che in estate con altre specie di pipistrelli.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti che cattura in volo o sopra le superfici d'acqua.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa in estremo oriente dalla Cina nord-orientale alla Penisola coreana e la regione russa del Territorio del Litorale fino al Giappone, le Isole Curili e Sakhalin.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 3 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la mancanza di eventuali minacce e nonostante sia naturalmente raro, classifica M.macrodactylus come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Tsytsulina, K. 2008, Myotis macrodactylus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis macrodactylus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Yoshiyuki, 1989, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. Yoshiyuki, A Systematic study of the Japanese Bats, National Science Museum, Tokyo, 1989.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi