Myotis longipes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis longipes
Immagine di Myotis longipes mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.longipes
Nomenclatura binomiale
Myotis longipes
Dobson, 1873
Sinonimi

Vespertilio macropus

Myotis longipes (Dobson, 1873) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nel Subcontinente indiano e in Cina.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 43 e 46 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 36 e 39 mm, la lunghezza della coda tra 37 e 42 mm, la lunghezza del piede tra 9 e 10 mm, la lunghezza delle orecchie tra 10 e 15 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è soffice e densa. Le parti dorsali sono bruno-grigiastre, con le punte dei peli più chiari, mentre le parti ventrali sono nero-brunastre, con la base dei peli bianco-crema. Il muso è densamente ricoperto di peli. Le orecchie sono lunghe, strette e con la punta arrotondata. Il trago è stretto e lungo circa la metà del padiglione auricolare. Le ali sono attaccate posteriormente all'estremità dei metatarsi. I piedi sono lunghi più della metà della tibia. La coda è lunga ed è inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il cranio è robusto, la scatola cranica è rotonda, con una cresta sagittale mancante o poco sviluppata e le arcate zigomatiche espanse. Il terzo premolare superiore è piccolo e giace all'interno della linea alveolare.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia all'interno di grotte, crepacci, fessure di vecchi edifici, tunnel e canali sotterranei. Forma grandi colonie di diverse migliaia di individui. L'attività predatoria solitamente inizia molto presto la sera.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti catturati vicino ai corsi d'acqua.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nell'Afghanistan centro-orientale, Pakistan nord-occidentale, stati indiani del Jammu e Kashmir e del Meghalaya; Nepal centrale e nella provincia cinese del Guizhou. Gli avvistamenti in Vietnam sono invece considerati non attendibili.

Vive nelle foreste primarie e secondarie.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerata la mancanza di informazioni sufficienti sull'areale, i requisiti ecologici, le minacce e lo stato di conservazione, classifica M.longipes come specie con dati insufficienti (DD).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Molur, S. & Srinivasulu, C. 2008, Myotis longipes in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis longipes in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Smith & Xie, 2008, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrew T.Smith & Yan Xie, A guide to the Mammals of China, Princeton University Press, 2008, ISBN 9780691099842.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi