Myotis hasseltii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis hasseltii
Immagine di Myotis hasseltii mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.hasseltii
Nomenclatura binomiale
Myotis hasseltii
Temminck, 1840
Sinonimi

M.berdmorei

Myotis hasseltii (Temminck, 1840) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nell'Ecozona orientale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 52 e 58 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 38 e 43 mm, la lunghezza della coda tra 35 e 42 mm, la lunghezza del piede tra 10 e 11 mm, la lunghezza delle orecchie tra 15,5 e 16,5 mm e un peso fino a 12,5 g.[3][4]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è corta e vellutata. Le parti dorsali variano dal marrone scuro al grigio scuro, con le punte dei peli grigio pallido, mentre le parti ventrali sono bianco-grigiastre, con la base dei peli scura. Il muso è rosato e cosparso di pochi peli. Le orecchie sono relativamente lunghe, strette e con l'estremità arrotondata. Il trago è lungo meno della metà del padiglione auricolare, sottile, smussato e con un lobo triangolare alla base. Le membrane alari sono bruno-grigiastre e attaccate posteriormente sulle caviglie. I piedi sono grandi. La coda è lunga ed inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il secondo premolare superiore è piccolo e disposto internamente alla linea alveolare, in maniera tale che il primo ed il terzo entrano in contatto tra loro. Il cariotipo è 2n=44 FNa=52.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia nelle grotte e tra le rocce solitariamente o in piccoli gruppi fino a 25 individui. Talvolta è stato osservato anche all'interno di bambù, cavità degli alberi, in edifici abbandonati e rovine. forma vivai durante la stagione riproduttiva.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti come zanzare, mosche, falene, moscerini e probabilmente di piccoli pesci catturati sulla superficie di specchi d'acqua.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Danno alla luce un piccolo alla volta l'anno. Nella Penisola malese le nascite avvengono in gennaio, mentre in Vietnam sono stati osservati maschi sessualmente attivi, femmine gravide e in allattamento ad aprile.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa in maniera discontinua nello Sri Lanka, India nord-orientale, Indocina e Indonesia fino al Borneo e Sumbawa.

Vive nelle foreste secche e nelle mangrovie fino a 1.000 metri di altitudine. È stato osservato anche nei grossi centri urbani come Yangon, Bangkok ed Hanoi.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 4 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa, la presenza in diverse aree protette e la tolleranza alle modifiche ambientali, classifica M.hasseltii come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Bates, P., Hutson, A.M., Cariño, A., Kingston, T., Maryanto, I., Molur, S. & Srinivasulu, C. 2008, Myotis hasseltii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis hasseltii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Francis, 2008, op. cit.
  4. ^ Srinivasulu & Al., 2010, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi