Myotis austroriparius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis austroriparius
Myotis austroriparius 2.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.austroriparius
Nomenclatura binomiale
Myotis austroriparius
Rhoads, 1897
Sinonimi

M.a.gatesi, M.a.mumfordi

Areale
Distribution of Myotis austroriparius.png

Myotis austroriparius (Rhoads, 1897) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi endemico degli Stati Uniti d'America.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 77 e 97 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 33 e 40 mm, la lunghezza della coda tra 26 e 44 mm, la lunghezza del piede tra 7 e 12 mm, la lunghezza delle orecchie tra 9 e 16 mm e un peso fino a 8,1 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta, densa e lanosa. Le parti dorsali sono bruno-giallastre o bruno-grigiastre, mentre le parti ventrali sono giallo-brunastre. In estate effettua una muta del pelo che diviene inferiormente bianco. Negli esemplari osservati nello stato dell'Indiana, questo colore sembra persistere anche in inverno. Il muso è rosato. Le orecchie sono moderatamente lunghe, strette e arrotondate. Il trago è lungo circa la metà del padiglione auricolare, lanceolato, smussato e con un piccolo lobo rotondo alla base del bordo posteriore. Le ali sono attaccate posteriormente alla base delle dita del piede. Le dita dei piedi sono ricoperte di lunghi peli che si estendono fino alle punte degli artigli. La lunga coda è inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il calcar è privo di carenatura. Il cariotipo è 2n=44 FNa=50.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in gruppi all'interno di grotte, edifici, sotto ponti, in miniere o cavità degli alberi, talvolta insieme a Tadarida brasiliensis e Myotis grisescens. I siti variano secondo le stagioni, effettuando tuttavia brevi spostamenti non superiori a 80 km. Forma vivai di diverse migliaia di femmine con i loro piccoli, mentre i maschi tendono ad essere solitari o a formare piccole colonie di scapoli. Nella parte più settentrionale dell'areale entra in ibernazione. L'attività predatoria inizia in tarda serata.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di ditteri e in misura minore di coleotteri catturati in volo su specchi d'acqua.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli accoppiamenti avvengono tra metà febbraio e metà aprile e le nascite tra fine aprile e metà maggio. Danno alla luce 2 piccoli alla volta. Diventano indipendenti dopo tre settimane di vita.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica degli Stati Uniti d'America sud-orientali, negli stati del Texas orientale, Oklahoma sud-orientale, Louisiana, Mississippi; Arkansas meridionale ed orientale, Missouri sud-orientale, Illinois e Indiana meridionali; Kentucky e Tennessee occidentali; Alabama meridionale ed occidentale, Georgia, Florida settentrionale e centrale, South Carolina e North Carolina sud-orientale.

Vive nelle foreste ripariali.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica M.austroriparius come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Arroyo-Cabrales, J. & Ticul Alvarez Castaneda, S. 2008, Myotis austroriparius in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis austroriparius in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Jones & Manning, 1989

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clyde Jones & Richard W.Manning, Myotis austroriparius in Mammalian Species, nº 332, 1989.
  • John O.Whitaker, Jr. & William J.Hamilton, Jr. Mammals of the Eastern United States, Cornell University Press, 1998. ISBN 9780801434754

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi