Myopterus whitleyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myopterus whitleyi
Immagine di Myopterus whitleyi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Myopterus
Specie M.whitleyi
Nomenclatura binomiale
Myopterus whitleyi
Scharff, 1900

Myopterus whitleyi (Scharff, 1900) è un pipistrello della famiglia dei Molossidi diffuso nell'Africa subsahariana.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 78 e 87 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 35 e 37 mm, la lunghezza della coda tra 25 e 31 mm, la lunghezza del piede tra 5 e 8,3 mm, la lunghezza delle orecchie tra 14 e 16 mm e un peso fino a 12 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è corta. Le parti dorsali sono marroni scure con la base dei peli bianca e prive di bande più chiare, mentre le parti ventrali sono bianche o color crema. La testa non è particolarmente appiattita. Il muso è cilindrico, liscio e privo di peli eccetto diverse setole spatolate sul labbro superiore sotto le narici. Le orecchie sono erette, strette, appuntite ben separate e con l'estremità biancastra. Il trago è grande, squadrato e visibile dietro l'antitrago. I maschi hanno delle ghiandole golari. Le membrane alari sono bianco-giallastre tra le dita e semi-trasparenti tra l'avambraccio ed il corpo. La coda è lunga, tozza e si estende per più della metà oltre l'uropatagio, il quale è grigio o marrone chiaro dorsalmente e biancastro ventralmente.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia tra le foglie di piante e nelle case. Un individuo è stato catturato all'interno di una trappola posta sul terreno.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa in Ghana, Nigeria meridionale, Camerun occidentale, Repubblica Centrafricana sud-occidentale, Gabon orientale, Repubblica Democratica del Congo occidentale e Uganda.

Vive in savane miste a foreste pluviali, foreste costiere, di palude e mangrovie. Alcuni individui sono stati catturati in boschi di Isoberlnia e in un giardino.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione presumibilmente numerosa, classifica M.whitleyi come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Mickleburgh, S., Hutson, A.M., Bergmans, W. & Fahr, J. 2008, Myopterus whitleyi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myopterus whitleyi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold & Happold, 2013, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi