Myeongseong di Joseon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Myeongseong di Joseon
Nome coreano
Hangul 명성황후
Hanja 明成皇后
Latinizzazione riveduta Meongseong Hwanghu
McCune-Reischauer KMyŏngsŏng Hwanghu

Myeongseong (19 ottobre 18518 ottobre 1895) fu regina di Corea, nominata postumamente imperatrice. Il suo nome per esteso suonava Hyoja Weonseong Jonghwa Hapcheon Myeongseong Taehwanghu (hangŭl 孝慈元聖正化合天明成太皇后, 효자원성정화합천명성태황후)[1], che però viene per lo più abbreviato in Myeongseong Hwanghu, che significa imperatrice Myeongseong.

Quando era in vita era chiamata regina Min (hangŭl 민비, Minbi). Questo nome si fa derivare dal suo nome di famiglia; ella discendeva infatti dal casato dei Min. Su iniziativa della regina madre di Corea, una parente dei Min, sposò il figlio di quest'ultima, re Gojong, il 20 marzo 1866[2]. Entro breve tempo la regina Min ascese al ruolo di vera padrona della Corea della dinastia Joseon e ne dominò la politica. Min era una donna forte, che combatté contro l'influenza giapponese in Corea. Propendeva invece per i Russi ed i Cinesi, dalla cui regina madre Cixi Min si attendeva aiuto.

A causa dell'atteggiamento contrario della regina Min riguardo al Giappone, ella fu assassinata mediante sicari giapponesi e coreani l'8 ottobre 1895 nel palazzo reale di Gyeongbokgung.[3]

A Seoul vi è oggi un monumento molto visitato che la ricorda.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://e-kyujanggak.snu.ac.kr/GAN/GAN_SEOJILST.jsp?ptype=list&subtype=01&lclass=1902&mclass=3&xmlfilename=GK17289_00I0079_0011.xml&nav=7The (Koreanisch)
  2. ^ 20 marzo 1866 (basato sul calendario (lunare) esistente all'epoca http://www.gkn-la.net/history_resources/queen_min_tmsimbirtseva_1996.htm)
  3. ^ Byong-Kuk Kim, "Assassination of Empress Myongsong", Korea Times, 28 dicembre 2001

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie