Mycobacterium leprae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mycobacterium leprae
Mycobacterium leprae.jpeg
Microfotografia del Mycobacterium leprae
presa da una lesione cutanea. Fonte: CDC
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Phylum Actinobacteria
Ordine Actinomycetales
Sottordine Corynebacterineae
Famiglia Mycobacteriaceae
Genere Mycobacterium
Specie M. leprae
Nomenclatura binomiale
Mycobacterium leprae
Hansen, 1874
Nomi comuni

Bacillo di Hansen

Il Mycobacterium leprae (conosciuto anche come Bacillo di Hansen), è l'agente eziologico della lebbra. Il bacillo fu scoperto dal dottor Gerhard Armauer Hansen in Norvegia nel 1873.

Ha forma bacillare e dimensioni comprese tra i 3-5 μm di lunghezza e 0,2-0,4 μm di diametro. Alcol-acido resistente (si colora con la metodica di Ziehl-Neelsen), molto simile al Mycobacterium tuberculosis o bacillo di Koch (BK), intracellulare obbligato, poco patogeno ma molto immunogeno. È difficile stabilirne la contagiosità perché è difficile diagnosticare i quadri asintomatici.

Il BH si moltiplica molto lentamente e raddoppia in 18-42 giorni, molto meglio nelle parti più fredde del corpo (la pelle, le orecchie, le vie respiratorie superiori, la camera anteriore dell'occhio, i nervi periferici, i testicoli). Il BH non è in grado di crescere in terreni di coltura artificiali. Fatica a crescere in coltura (in vitro) per le difficili esigenze nutritive, ma si sviluppa bene in vivo, soprattutto a temperature minori di 37 °C come, nell'uomo, a carico del naso, delle orecchie, delle dita, ecc.

Le temperature caldo-umide favoriscono un habitat naturale per il bacillo; altre situazioni che ne favoriscono la crescita sono la denutrizione, la mancanza minima d'igiene e il sottosviluppo. Gli agenti di trasmissione sono soprattutto l'aria, il sangue e la saliva.

In particolare bacillo tende a distruggere i nervi periferici causando insensibilità, che espone il contagiato a ferite e conseguente distruzione dei tessuti. Se la malattia non viene curata velocemente può provocare danni progressivi e permanenti a pelle, nervi, arti ed occhi.

La forma tubercolare è il tipo di lebbra che provoca molto rapidamente le disabilità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]