Mutismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il mutismo è la condizione che non permette all'essere umano e animale di comunicare per mezzo della voce e della parola.

È piuttosto raro che una persona nasca di per sé senza l'uso della sola parola; invece, spesso il mutismo si associa alla sordità, per cui il bimbo diventa sordomuto. Sono molto rari i casi in cui questa patologia dipende da malformazioni congenite nell'area delle corde vocali o infezioni pre o postnatali, casi in cui si ha un paziente muto ma non sordo dalla nascita.

Nella maggior parte dei casi il mutismo è la conseguenza di traumi (che possono essere di qualsiasi tipo, ad esempio ma non solo per danni all'Area di Broca) contratti in età giovanile e adolescenziale e meno frequentemente in quella adulta.

Le persone sordo-cieche possono diventare mute facilmente se non vengono istruite subito e adeguatamente poiché essendo cieche non possono riconoscere visivamente i segni e leggere le labbra ed essendo sorde non possono neanche sentire ciò che viene loro detto.

Mutismo "acquisito"[modifica | modifica sorgente]

Il mutismo si può inoltre contrarre per il semplice fatto che una persona soprattutto taciturna e/o isolata si possa ridurre a parlare sempre meno, pur dipendendo dai casi riscontrati. Tale evenienza può accadere principalmente a soggetti già affetti da sordità, che, abituati a comunicare con il linguaggio dei segni perdono pian piano la parola, oppure a soggetti molto giovani che non parlando perdono la capacità di riprodurre i suoni, il che porta in entrambi i casi alla non più produzione di suoni completi che si riducono a gutturali e quindi praticamente incomprensibili.

Mutismo selettivo[modifica | modifica sorgente]

Il mutismo selettivo (o elettivo) è un disturbo dell'infanzia, della fanciullezza e dell'adolescenza riconosciuto dal DSM-IV (quarta versione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) e caratterizzato da una persistente incapacità di parlare in certi contesti (per esempio all'asilo o a scuola) nonostante la capacità di parlare in altri contesti sia preservata (per esempio a casa con i genitori). In alcuni casi più gravi il mutismo persiste anche nell'ambiente familiare anche se questi casi sono rari. Esistono molti centri di diagnosi. Colpisce prevalentemente le bambine e si manifesta o all'ingresso della scuola materna o della scuola primaria. Nel 2009 si è costituita l'AIMUSE - onlus - Associazione Italiana Mutismo Selettivo, per la diffusione di informazioni su questo disturbo.

Mutismo Selettivo in Psicologia dello Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il Mutismo Selettivo (MS) è un disturbo raro dell’infanzia, caratterizzato dall’assenza del linguaggio in una o più importanti situazioni sociali (per esempio a scuola), nonostante eloquio, sviluppo e comprensione del linguaggio siano spesso del tutto adeguati. Allo stato attuale non esiste una teoria uniforme ed esaustiva circa l’eziologia, l'assessment e il trattamento del MS. In generale, tuttavia, le scoperte riguardo alla fenomenologia del MS indicano un’eziologia complessa e multidimensionale. La psicopatologia dello sviluppo, pertanto, rappresenta un’utile euristica per la concettualizzazione del MS ed offre una cornice unica per l’organizzazione dei risultati degli studi, talvolta eterogenei, che permeano la letteratura sull’argomento. Sin dalla sua prima comparsa nella letteratura, il MS è stato accompagnato da pregiudizi e atteggiamenti colpevolizzanti, rivolti sia ai genitori, sia al bambino stesso. Ancora oggi nella scuola vi è una sostanziale incomprensione del MS e, di conseguenza, una gestione dei casi spesso inadeguata, se non del tutto controproducente. Accade così che questi rari bambini o adolescenti silenziosi, che fanno di tutto per passare inosservati, che temono il giudizio altrui al punto da abolire qualsiasi occasione di scambio comunicativo di tipo verbale, si vedano attribuire pensieri, intenzioni e atteggiamenti addirittura opposti rispetto ai propri, senza nemmeno la possibilità di esprimere disappunto per il frainteso. [1]

Mutismo Selettivo: una prospettiva storica[modifica | modifica sorgente]

Sin dalle origini della psicologia e della psichiatria si è cercato di differenziare i vari tipi di disturbi comportamentali e di descriverne le caratteristiche. Un importante passo nello studio del comportamento, in particolar modo di quello deviante come il mutismo, è rappresentato dal raggruppamento delle osservazioni in un sistema organizzato. La classificazione ha fornito un processo per l’identificazione dei fenomeni, che possono quindi essere misurati e divulgati alla comunità scientifica. Sfortunatamente, la psicologia e la psichiatria non hanno ancora prodotto una classificazione definitiva che unifichi e trascenda le singole aree specialistiche. Da oltre un secolo, diversi studiosi si sono dedicati alla ricerca, alla descrizione e al trattamento dei disturbi comportamentali infantili caratterizzati, nelle loro manifestazioni comportamentali, dall’assenza di linguaggio funzionale se non in talune particolari situazioni e/o con determinate persone. Nel caso del mutismo, gli studiosi hanno spesso usato etichette molto diverse per indicare questo pattern comportamentale o altri pattern molto simili ad esso. Difatti, mentre Moritz Tramer è comunemente indicato come colui che, nel 1934, introdusse il termine mutismo elettivo nella letteratura clinica, il medico tedesco Adolf Kussmaul aveva descritto una “aphasia voluntaria”, associata a infermità mentale, già nel 1885. Si tratta solo di alcuni dei termini usati per descrivere il pattern comportamentale in base al quale un bambino non parla in determinate situazioni e/o con determinate persone. La grande maggioranza di questi termini, tuttavia, non si discosta molto dalla definizione originale di Tramer, che indicava, come manifestazione comportamentale, un comportamento anormalmente mutacico, tranne che in presenza di un gruppo di parenti stretti o di coetanei. [2].

Mutismo selettivo: la diagnosi tradizionale[modifica | modifica sorgente]

I tradizionali orientamenti della psicopatologia hanno sostenuto a lungo una concezione del disturbo mentale come basato su sindromi, alla cui origine poteva essere rintracciato un substrato anatomo-funzionale. Tale riduzionismo biologico ed un ridotto interesse per i fattori psicologici e sociali nello studio dell’eziologia del disturbo hanno limitato per molto tempo la possibilità di una piena comprensione del funzionamento psichico e dei fattori che possono ostacolarlo (Michael Rutter, 2000). «Un simile approccio è risultato tanto più inapplicabile allo studio della psicopatologia infantile, che si caratterizza […] per la grande flessibilità e mutevolezza dei sintomi e del loro significato diagnostico» (Speranza, 1996). Sebbene le recenti classificazioni diagnostiche si siano aperte ad una visione più complessa e multidimensionale del disturbo psichico, esse sono ancora distanti dal fornire una visione esaustiva della psicopatologia, in particolare per quanto concerne gli aspetti evolutivi e relazionali (Speranza, 1996). La visione tradizionale del disturbo mentale è stata dunque teorizzata all’interno di concetti riguardanti la natura della malattia (il cosiddetto modello “medico”). In questo contesto, l’individuo che manifesta un comportamento disturbato o deviante è considerato malato e affetto da una malattia che impedisce il suo normale adattamento alla società. Le moderne classificazioni diagnostiche vengono fatte risalire allo psichiatra tedesco Emil Kraepelin (1856-1926), il quale realizzò un sistema diagnostico che ebbe una grande influenza sulla psichiatria. Le principali caratteristiche del sistema di Kraepelin e il suo approccio alla devianza mentale sono stati ampiamente mantenuti nel tempo. Dell’influenza kraepeliniana risentono infatti tutte le edizioni del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), così come gli altri manuali di psicologia anormale e di psichiatria.

[3] [4]

Mutismo Selettivo secondo il DSM[modifica | modifica sorgente]

Il Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali è giunto, nel 2000, alla IV edizione con revisione del testo, attualmente in vigore ed espressa con la sigla DSM-IV-TR. Il DSM-V è stato pubblicato negli Stati Uniti nel 2013. Il primo DSM (I) fu pubblicato nel 1952, con l’intento di fornire classi diagnostiche descrittive che potessero fungere da utile guida nella diagnosi dei disturbi mentali. Il DSM II, pubblicato nel 1968, era simile al DSM I e nessuna delle due pubblicazioni conteneva riferimenti al Mutismo Selettivo. Nel 1980, anno di pubblicazione del DSM III (terza edizione), esso includeva il “Mutismo Elettivo” e un sistema diagnostico più definito. Con il passare del tempo, tuttavia, ci si rese conto che il sistema del DSM III conteneva discrepanze e che alcuni dei criteri enunciati erano poco chiari. La American Psychiatric Association, pertanto, assegnò a un gruppo di lavoro la revisione del DSM III, onde apportare correzioni e miglioramenti. Il frutto di questo lavoro portò alla pubblicazione, nel 1987, del DSM III-R (revisionato). L’edizione successiva, il DSM IV (pubblicato nel 1994), fu notevolmente migliorata, grazie all’analisi e all’inclusione di ricerche progressive credibili, al riesame delle scoperte precedenti e alla valutazione di migliaia di soggetti. Questa titanica impresa fu realizzata grazie alla task force sul DSM IV e ai suoi gruppi di lavoro. Il MS, tuttavia, non fu interessato da questo generale perfezionamento del manuale.Il DSM IV-TR è stato pubblicato nel 2000 con l’intento di migliorare i criteri diagnostici dei disturbi mentali, sulla scorta di legittime scoperte. Il contenuto diagnostico relativo al Mutismo Selettivo, rispetto al DSM IV, mostra cambiamenti di modesta entità, ma sostanzialmente positivi. È importante notare che l’intento del DSM è quello di fare il primo passo verso una valutazione completa, arricchita da ulteriori dati delle ricerche. Esso fornisce linee guida per un efficace giudizio clinico e include anche considerazioni di natura etnica e culturale al fine di evitare il più possibile diagnosi errate. [5]

L’impatto del DSM sulla concettualizzazione e il trattamento del Mutismo Selettivo[modifica | modifica sorgente]

Il DSM, insieme alla Classificazione Internazionale dei Disturbi (ICD-10), è il manuale di classificazione diagnostica psichiatrica più autorevole al mondo. All’inizio degli anni ’50, quando fu pubblicato il primo DSM, i trattamenti rivolti a bambini e adolescenti erano contraddistinti dalla tendenza ad attribuire ai genitori la causa dei disturbi del bambino; si pensi, ad esempio, al concetto di madre schizofrenogena per il disturbo di schizofrenia e di madre “frigorifero” per l’autismo (Caffo, 2003). Di conseguenza, anche le caratteristiche del Mutismo Selettivo riportate nel primo DSM ebbero un impatto devastante sulla maggioranza delle famiglie in cerca di aiuto specialistico per i loro figli. Particolarmente preoccupante fu il modo in cui vennero trattati molti alunni con Mutismo Selettivo, in quanto il personale scolastico era influenzato dall’erronea descrizione del disturbo presentata dal DSM, che derivava a sua volta dalla letteratura disponibile. Alcuni genitori furono accusati o sospettati di abuso, altri furono identificati come responsabili del mutismo per aver avuto troppi figli, o non abbastanza, perché lavoravano a tempo pieno, perché non erano stati in grado di stabilire un legame affettivo o, le madri, per non aver allattato al seno il bambino durante la prima infanzia. Ad altri ancora fu detto che i figli tenevano dentro segreti riguardanti una disfunzione familiare, che erano viziati, arrabbiati, in cerca di attenzione, ostinati e via dicendo (Stanley C., 2008). L’effetto domino della diagnosi errata iniziava con le teorie documentate e coinvolgeva, a catena, gli psicologi scolastici, gli insegnanti e l’intero personale scolastico, creando pregiudizi intorno agli alunni con Mutismo Selettivo. Tutto ciò provocò classificazioni inadeguate e il trattamento con la terapia logopedica, con i programmi per i Disturbi Emotivi o per i Disturbi Specifici di Apprendimento e via dicendo. Alcuni alunni furono rimproverati, ridicolizzati o fu loro impedito di frequentare le attività extracurricolari a causa del loro “rifiuto di parlare”, mentre altri furono semplicemente ignorati, in quanto non erano di disturbo alla classe. Nonostante alcuni specialisti avessero intuito e riconosciuto la componente di ansia sociale del MS, la colpa del silenzio dei figli veniva generalmente attribuita soprattutto ai genitori. Essi furono incolpati e si sentirono colpevoli di qualcosa che essi stessi non comprendevano. Molti riferirono di aver sofferto a loro volta di mutismo, tuttavia si sentivano confusi dalle teorie e non avevano ancora a disposizione studi credibili pubblicati che consentissero loro di difendere se stessi e i loro figli. Oggi, grazie alla ricerca e alla partecipazione di associazioni costituite da genitori di bambini con MS, come ad esempio la Selective Mutism Foundation, Inc., si spera di poter influenzare positivamente i criteri del Mutismo Selettivo che verranno inseriti nel prossimo DSM. [6] [7] [8]

Selective Mutism Foundation, Inc.[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1991, anno di costituzione della Selective Mutism Foundation, Inc., negli Stati Uniti, come nel resto del mondo, il Mutismo Selettivo era praticamente ignorato o considerato di scarso interesse pubblico. Le descrizioni per il DSM III e il DSM III-R furono tratte dalla letteratura disponibile. Non esistevano, tuttavia, ricerche complete, ma soltanto alcuni studi di casi singoli. La letteratura disponibile, inoltre, presentava teorie conflittuali che indicavano come caratteristica principale del Mutismo elettivo il “rifiuto” di parlare, associato a comportamenti ostinati, dominanti e manipolativi, che si riteneva fossero causati da iperprotettività materna, abuso, trauma o disfunzioni familiari. Persino il nome, Mutismo elettivo, suggeriva un deliberato rifiuto di parlare con chiunque e in qualsivoglia ambiente. Inoltre, non si faceva alcuna distinzione fra mutismo improvviso, probabilmente causato da un evento traumatico, e timidezza o ansia sociale, né fra mutismo, disturbo dell’eloquio o del linguaggio e fobia sociale. La fondazione, primo e unico organismo senza scopo di lucro e con finalità caritatevoli volto ad offrire conoscenze, supporto e ricerca su questo disturbo, è nata negli USA ad opera di Sue Newman e Carolyn Miller, entrambe madri di bambini con MS, allo scopo di fornire un quadro più corretto e meno stigmatizzante del disturbo. Un loro articolo sull’argomento, pubblicato in una rivista a diffusione nazionale, attrasse l’attenzione di alcuni produttori televisivi e, nell’ottobre del 1991, fu presentato il primo servizio televisivo dedicato al Mutismo Selettivo. Dopo la messa in onda all’interno di un popolare programma americano, centinaia di famiglie si misero in contatto con loro, creando così una rete nazionale che si è poi ampliata all’intera comunità globale grazie al sito della fondazione www.selectivemutismfoundation.org. Attualmente, in Internet sono attivi numerosi siti dedicati al Mutismo Selettivo nelle principali lingue europee (per esempio www.mutismoselettivo.info in italiano, www.mutismeselectif.org in francese, www.selektiver-mutismus.de in tedesco, asociacionmutismoselectivo.blogspot.com in spagnolo, etc.). L'incessante impegno della fondazione americana in questi anni ha prodotto il cambiamento definitivo delle quattro principali dimensioni del MS, vale a dire: 1. la consapevolezza e il riconoscimento del disturbo attraverso i media; 2. la prevenzione dell’isolamento delle famiglie negli USA e all’estero; 3.cambiamenti radicali nel DSM IV: la ridenominazione del disturbo in Mutismo Selettivo e la revisione dei criteri diagnostici per una migliore assistenza ai professionisti e alle famiglie; 4. la promozione delle ricerche scientifiche. [9]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vivo, D. R. (2009) Tesi di Laurea in Scienze e Tecniche dello Sviluppo e dell'Educazione, Università Sapienza, Roma
  2. ^ Kratochwill T.(1981). Selective Mutism. Implications for Research and Treatment. Lawrence Earlbaum Associates, Hillsdale
  3. ^ Rutter M., (2000), Psychosocial influences: critique, findings and research needs. Development and Psychopathology, 12, 375-405
  4. ^ Speranza A.M. (1996), Verso un nuovo paradigma concettuale: la psicopatologia dello sviluppo, in www.psychomedia.it
  5. ^ American Psychiatric Association (2001). DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali con CASI CLINICI. Masson S.p.A., Milano
  6. ^ www.selectivemutismfoundation.org
  7. ^ Stanley C. (2008). Dieci luoghi comuni sul mutismo selettivo, in www.mutismoselettivo.info
  8. ^ Forresi B., Capitolo III - Un nuovo approccio alla relazione d’aiuto: la psicopatologia dello sviluppo in Caffo E.,(2003)Consulenza telefonica e relazione d’aiuto. La qualità dell’ascolto e dell’intervento con i bambini e gli adolescenti. McGraw-Hill, Milano
  9. ^ www.selectivemutismfoundation.org

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

1. American Psychiatric Association (2001). DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali con CASI CLINICI. Masson S.p.A., Milano.

2. Arie, M., Henkin, Y., Lamy, D., Tetin-Schneider, S., Apter, A., Sadeh, A., et al. (2006). Reduced auditory processing capacity during vocalization in children with selective mutism. Biological psychiatry, 61, 419−421.

3. Boyle, C. (2006). Social phobia, anxiety, oppositional behaviour, social skills, and self-concept in children with specific selective mutism, generalized selective mutism, and community controls. European Child e Adolescent Psychiatry, 15 (5), 245-55.

4. Beidel, D. C., & Turner, S. M. (2005). Childhood anxiety disorders: A guide to research and treatment. New York, NY: Taylor & Francis Group.

5. Black, B., & Uhde, T. W. (1992). Elective mutism as a variant of social phobia. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 31, 1090−1094.

6. Black, B., & Uhde, T. W. (1995). Psychiatric characteristics of children with selective mutism: A pilot study. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 34, 847−856.

7. Carlson, J. S., Mitchell, A. D., Segool, N. (2008). The current state of empirical support for the pharmacological treatment of selective mutism. School Psychology Quarterly, 23 (3), 354-372.

8. Chavira, D. A., Shipon-Blum, E., Hitchcock, C., Cohan, S., e Stein, M. B. (2007). Selective Mutism and social anxiety disorder: All in the family?. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 46 (11), 1464-1472.

9. Cicchetti D. (1984), The emergence of developmental psychopathology. Child Development, 55, 1-7.

10. Cicchetti D. (1989), Developmental psychopathology: some thoughts on its evolutions. Development and Psychopathology, 1, 1-4.

11. Cunningham, C. E., McHolm, A. E., & Boyle, M. H. (2006). Social phobia, anxiety, oppositional behavior, social skills, and self-concept in children with specific selective mutism, generalized selective mutism, and community controls. European child & adolescent psychiatry, 15, 245−255.

12. Cunningham, C. E., McHolm, A., Boyle, M. H. e Patel, S. (2004). Behavioral and emotional adjustment, family functioning, academic performance, and social relationships in children with selective mutism. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 45, 1363−1372.

13. D’Ambrosio M., Coletti B.(2002). L’intervento cognitivo-comportamentale nel trattamento del Mutismo Selettivo. I care, 27 (3), 97-103.

14. Didden, R. (2008). Examination of a Social Problem-Solving Intervention to Treat Selective Mutism. Behaviour Modification, 32 (2), 182-95.

15. Fiorenza A., Nardone G. (1995). L’intervento strategico nei contesti educativi. Comunicazione e problem-solving per i problemi scolastici. Giuffrè Editore, Milano.

16. Ford, M. A., Sladeczek, I. E., Carlson, J., Kratochwill, T. R. (1998). Selective Mutism: Phenomenological characteristics. School Psychology Quarterly, 13, 192–227.

17. Forresi B., Capitolo III - Un nuovo approccio alla relazione d’aiuto: la psicopatologia dello sviluppo in Caffo E., (2003). Consulenza telefonica e relazione d’aiuto. La qualità dell’ascolto e dell’intervento con i bambini e gli adolescenti. McGraw-Hill, Milano.

18. Giddan, J. J., Ross, G. J., Sechler, L. L., & Becker, B. R. (1997). Selective mutism in elementary school: Multidisciplinary interventions. Language, Speech, and Hearing Services in Schools, 28, 127−133.

19. Kaakeh, Y., e Stumpf, J. L. (2008). Treatment of Selective Mutism: Focus on selective serotonin reuptake inhibitors. Pharmacotherapy, 28 (2), 214-224.

20. Kratochwill T.(1981). Selective Mutism. Implications for Research and Treatment. Lawrence Earlbaum Associates, Hillsdale.

21. Kristensen, H., Torgersen, S. (2001). MCMI-II personality traits and symptom traits in parents of children with Selective Mutism: A case-control study. Journal of Abnormal Psychology, 110 (4), 648-652.

22. Kristensen, H. (2000). Selective mutism and comorbidity with developmental disorder/delay, anxiety disorder, and elimination disorder. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 39, 249−256.

23. Manassis, K. (2009). Silent suffering: Understanding and treating children with Selective Mutism. Expert Review of Neurotherapeutics, 9 (2), 235-243.

24. Manassis, K., Tannock, R., Garland, E. J., Minde, K., McInnes, A., e Clark, S. (2007). The sounds of silence: Language, cognition, and anxiety in Selective Mutism. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 46 (9), 1187-1195.

25. McInnes, A., Fung, D., Manassis, K., Fiksenbaum, L., & Tannock, R. (2004). Narrative skills in children with selective mutism: An exploratory study. American Journal of Speech-Language Pathology, 13, 304−315.

26. Organizzazione Mondiale della Sanità (1992). ICD-10/International Classification of Diseases. Masson S.p.A., Milano.

27. Pionek Stone, Beth, Kratochwill, Thomas R., Sladezcek, Ingrid, Serlin, Ronald C. (2002). Treatment of selective mutism: A best-evidence synthesis. School Psychology Quarterly, 17(2), 168-190.

28. Remschmidt, H., Poller, M., Herpertz-Dahlmann, B., Hennighausen, K., & Gutenbrunner, C. (2001). A follow-up study of 45 patients with elective mutism. European Archives of Psychiatry and Clinical Neuroscience, 251, 284−296.

29. Rutter M., (2000), Psychosocial influences: critique, findings and research needs. Development and Psychopathology, 12, 375-405.

30. Rutter M. (1988), Epidemiological approach to developmental psychopathology. Archives of General Psychiatry, 45, 486-495.

31. Rye, M. (1999). The successful treatment of long-term selective mutism: a case study Source: Journal Of Behavior Therapy And Experimental Psychiatry, 30 (4), 313-23.

32. Scorpiniti, M. (2008). Un disturbo d’ansia dell’età evolutiva: il mutismo selettivo, in www.web.i2000net.it/mscorpinitipsicologo

33. Scorpiniti, M. (2009). Dare voce al silenzio: un obiettivo condiviso dalle famiglie dei bambini con Mutismo Selettivo, in www.web.i2000net.it/mscorpinitipsicologo

34. Sharkey, L., Mc Nicholas, F., Barry, E., Begley, M., e Ahern, S. (2008). Group therapy for Selective Mutism - a parents' and children's treatment group. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 39 (4), 538-545.

35. Sharp, W. G., Sherman, C., e Gross, A. M. (2007). Selective Mutism and anxiety: A review of the current conceptualization of the disorder. Journal of Anxiety Disorders, 21 (4), 568-579.

36. Shipon-Blum E. (2008). Comprendere il “mutismo selettivo”. Una guida per aiutare gli insegnanti a capire, in www.selectivemutism.org

37. Speranza A.M. (1996), Verso un nuovo paradigma concettuale: la psicopatologia dello sviluppo, in www.psychomedia.it

38. Spitzer R. L., Klein D. F. (1978). Critical issues in psychiatric diagnosis. Raven Press, New York.

39. Sroufe A.L., Rutter M., (1984). The domain of developmental psychopathology. Child Development, 55, 17-29.

40. Stanley C. (2008). Dieci luoghi comuni sul mutismo selettivo, in www.mutismoselettivo.info

41. Stein, M. (2006). Suffering in Silence: Why a Developmental Psychopathology Perspective on Selective Mutism Is Needed. Journal Of Developmental And Behavioral Pediatrics : JDBP, 27 (4), 341-55.

42. Stein, S., (2006). Practitioner review: Psychosocial interventions for children with Selective Mutism: A critical evaluation of the literature from 1990-2005. Journal Of Child Psychology And Psychiatry, 47 (11), 1085-97.

43. Steinhausen, H., & Juzi, C. (1996). Elective mutism: An analysis of 100 cases. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 35, 606−614.

44. Steinhausen, H., Wachter, M., Laimböck, K., & Winkler Metzke, C. (2006). A long-term outcome study of selective mutism in childhood. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 47, 751−756.

45. Stumpf, J, (2008). Treatment of Selective Mutism: Focus on Selective Serotonin Reuptake Inhibitors Source: Pharmacotherapy, 28 (2), 214-24.

46. Tannock, K. (2008). Comparing interventions for Selective Mutism: A pilot study. Canadian Journal of Psychiatry. Revue Canadienne De Psychiatrie, 53 (10), 700-3.

47. Viana, A. G., Beidel, D. C., Rabian, B. (2009). Selective Mutism: A review and integration of the last 15 years. Clinical Psychology Review, 29 (1), 57-67.

48. Vivanti, D., Rydelius P. A., Caffo E. (2007). Un approccio all’autismo basato sui diritti e sull’evidenza. VIII International Congress Autism-Europe, Oslo, 31/08 – 2/09/2007, in www.arturomona.it/html/informautismo.html

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]