Mutazione consonantica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La mutazione consonantica nella linguistica e in sincronia è una modificazione fonetica riguardante il cambiamento della consonante di una parola secondo il suo contesto morfologico o sintattico.

Il fenomeno compare in numerose lingue del mondo. Il suo esempio tipico è la mutazione consonantica dell'iniziale in tutte le lingue celtiche moderne, ma si riscontra anche nella lingua dei Paiute del sud e in diverse lingue del'Africa occidentale, come la lingua fula. Le lingue baltofinniche (finlandese, estone, lappone) presentano invece mutazioni interne alle parole, chiamate gradazione consonantica. La lingua dei Luo, una lingua nilo-sahariana parlata in Kenia, fa mutare le consonanti finali delle radici, come, in misura minore, l'inglese. Mutazioni di consonanti iniziali, mediane e finali si ritrovano anche nell'ebraico moderno. Nella lingua giapponese possono mutare alcune iniziali nelle parole composte, con un fenomeno che ha preso il none di rendaku.

Il termine di "mutazione consonantica" può inoltre essere utilizzato in prospettiva diacronica nella fonetica storica, che descrive sistematicamente l'evoluzione nel'articolazione di serie di consonanti, come nelle lingue germaniche (legge di Grimm e rotazione consonantica).

La mutazione consonantica deve essere distinta dal fenomeno del sandhi (alterazione sistematica dell'iniziale della parola in funzione del contesto fonetico).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • François Falc'hun, Études sur la langue bretonne : système consonnantique, mutations et accentuation, Label LN, 2005, ISBN 2-915915-06-7
  • D. W. Arnott, The Nominal and Verbal Systems of Fula. Oxford: Oxford University Press, 1970.
  • Martin J. Ball e James Fife (a cura di). The Celtic Languages. London ; New York : Routledge, 2002.
  • Juliette Blevins, "Gilyak lenition as a phonological rule." Australian Journal of Linguistics 13 (1993): 1–21
  • Michael Branch, "Finnish." in The World's Major Languages, a cura di Bernard Comrie, 593-617. Oxford: Oxford University Press, 1987.
  • James Fife et Gareth King. "Celtic (Indo-European)." in The Handbook of Morphology, a cura di Andrew Spencer e Arnold M. Zwicky, 477–99. Oxford: Blackwell, 1998.
  • L. Glinert, The Grammar of Modern Hebrew. Cambridge: Cambridge University Press, 1989.
  • Ekaterina Gruzdeva, "Aspects of Nivkh morphophonology: initial consonant alternation after sonants." Journal de la Société Finno-Ougrienne 87 (1997): 79–96.
  • Edward Sapir, "The Southern Paiute Language (Part I): Southern Paiute, a Shoshonean Language." Proceedings of the American Academy of Arts and Sciences 65 (1930): 1–296.