Musica house

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "House" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi House (disambigua).
House
Origini stilistiche Disco music
Electro
Synthpop
Musica elettronica
Funk
Origini culturali Anni ottanta a Chicago.
Strumenti tipici Sintetizzatore, Drum machine, Sequencer, tastiera, Campionatore, Sax, Piano, Violino, Basso, Chitarra acustica, Xilofono.
Popolarità più diffusa in Europa.
Sottogeneri
Acid house · Chicago house · Click house · Deep house · French house · Garage house · Microhouse · Progressive house · Dream house · Hard house · Latin house · Soulful house · Pumpin' house · Scouse house · Tribal house · UK Hard · Ambient house · Hip house · Funky House · Electro house
Generi derivati
Big beat · Madchester
Generi correlati
Techno · Dance · Eurodance
Categorie correlate

Gruppi musicali house · Musicisti house · Album house · EP house · Singoli house · Album video house

La musica house è un genere musicale appartenente alla electronic dance music (EDM), nato nelle discoteche di Chicago nella prima metà degli anni ottanta e fortemente influenzata dalla disco music e da elementi del funk dei tardi anni settanta.[1]. Il nome house deriva dal Warehouse[1][2], storico locale di Chicago il cui dj resident Frankie Knuckles, soprannominato The Godfather of House, è riconosciuto come il creatore.

Caratteristiche strutturali del genere[modifica | modifica sorgente]

Questo genere è caratterizzato da una metrica in 4/4 con cassa in battere su ogni quarto, arricchita talvolta da figurazioni ritmiche più elaborate. Una presenza fissa è lo "snare" (rullante) sui battiti pari e un "hat" (piatto) in controtempo, per accompagnare giri di basso in una o due battute. Il basso può essere acustico, elettrico o anche sintetico. Questa sezione ritmica fa da base per la parte melodica che è composta diversamente a seconda dei generi ma che ha elementi comuni come la presenza di semplici fraseggi melodici di pianoforte, chitarre acustiche o elettriche funky o jazz, complessi assoli di fiati, cordofoni e linee vocali con influenze funk e soul. La frequenza metronomica è tipicamente di 105/110 bpm con punte di 130/132. In media le canzoni house sono suonate intorno ai 125-130 bpm.[2]

La stesura di un pezzo house inizia quasi sempre con un "introduzione" composta dai soli suoni di batteria, che culmina in una pausa fatta di soli pad (in italiano detti "tappeti armonici": suoni elettronici di accompagnamento), fino a giungere al tema principale, con le sue variazioni. Segue poi pausa di lunghezza maggiore, respiro ed infine un nuovo tema centrale (magari ripetendo più volte il ritornello) e una coda per chiudere il pezzo. L'introduzione e la coda sono parti fondamentali perché permettono ai Dj di mettere due pezzi in sequenza senza che il pubblico possa avvertire il cambiamento.

Le origini[modifica | modifica sorgente]

La discoteca Paradise Garage a New York

Il precursore del genere fu il disc jockey David Mancuso, il quale con le sue serate private al club The Loft influenzò dj come Frankie Knuckles, Larry Levan e Nicky Siano, che agli inizi degli anni settanta dalla console del Gallery di New York furono i primi a sperimentare nuove strade musicali come il "beat matching", che consiste nel portare allo stesso "tempo" due dischi suonati consecutivamente, per poi passare dall'uno all'altro facendo proseguire la musica senza soluzione di continuità.[3]

Un'altra importante innovazione del Gallery fu quella di utilizzare una console munita di tre piatti: i primi due utilizzati per i dischi mentre il terzo permetteva di inserire nelle canzoni effetti e suoni scelti dal dj[3].

Nel 1976 Levan fu chiamato al locale che lo avrebbe reso uno dei più grandi dj di sempre: il garage al N°84 di King Street, che alla sua concreta inaugurazione (1978) venne ribattezzato Paradise Garage. Larry Levan e Paradise Garage diventarono grandi insieme, quasi una sola identità: Levan aveva un gusto musicale sopraffino ed innovativo, il Garage suonava come nessun locale aveva mai fatto grazie alle sue origini (era un vero e proprio garage per auto) e grazie al suo potentissimo sound system. Ne derivò la nascita di nuove sonorità, un nuovo genere musicale che oggi va sotto il nome di House Garage.

Nel 1977 Knuckles si trasferì a Chicago, diventando dj del Warehouse. Negli anni successivi il suo modo di mixare i dischi con pattern di drum machine e vocalizzi soul ottenne sempre maggior successo e iniziò ad essere imitato. La nascita ufficiale del genere si può convenzionalmente far risalire al 1983, quando la casa discografica Imports Etc di Chicago iniziò a vendere dischi con la denominazione di "musica house"[2], anche se lo stesso Knuckles, identifica il momento esatto della nascita del genere col giorno in cui si imbatté in un bar di Chicago che esponeva un cartello "Qui suoniamo musica House"[4]. La prima etichetta discografica di musica house fu la Trax Records dell'imprenditore Larry Sherman, nata nel 1985. Sempre nello stesso anno partì anche il catalogo della D.J. International di proprietà di Rocky Jones.

Fra i primi dischi pubblicati dalle etichette, oltre a Your Love (in questo primo momento in versione demo) di Jamie Principle, vanno ricordate anche On and On (1984) di Jesse Saunders (il primo disco house ufficiale della storia[5]) e "Set It Off" (1985) di Walter Gibbons. Questi primissimi dischi erano suonati fino al 1985 solo in determinate discoteche come il Music Box (ex Warehouse: dal 1983 Ron Hardy prese il posto di Frankie Knuckles) o il Paradise Garage. Nella città di Chicago però si potevano ascoltare con la radio WBMX e lo show radiofonico "Saturday Night Ain't No Jive Chicago Dance Party" dove si alternavano i dj più famosi di Chicago e New York (in maniera particolare quelli del famoso gruppo "Hot Mix 5"). Nella Grande Mela invece Tony Humphries e Kenny Carpenter, a metà anni ottanta suonavano la prima house su Radio Kiss FM. Mentre Knuckles era concentrato sullo stile della Chicago house, Levan, ispirato dalla scena dance di Chicago, inventò il genere "Garage": meno veloce e più legato alla musica Soul.

Nel 1986 il genere diventa popolare in tutto il mondo anche se ancora il termine "House music" era poco usato. Nell'estate di quell'anno I Can't Turn Around del progetto JM Silk diventa il primo disco house che arriva alla numero uno della classifica dance di Billboard. Nello stesso periodo diventò famosa nelle discoteche Move Your Body di Marshall Jefferson: il primo disco house importato in Europa. A livello internazionale la svolta decisiva avvenne quando tra gennaio e febbraio 1987 Jack Your Body di Steve "Silk" Hurley arrivò alla prima posizione della UK Chart (è stata anche la terza canzone house ad avere un videoclip dopo Love Can't Turn Around e Shadows of your Love).

Larry Heard lanciò Can you feel it, che aprì il filone deep house della quale Chicago si stava facendo portavoce. Altri grandi successi della metà degli anni ottanta furono Whatcha Gonna Do e If You Should Need A Friend dei Blaze, Music is the key di Steve Hurley, No Way Back di Adonis, Pleasure Control di On the House (Marshall Jefferson), Showin Out di Mel & Kim (il primo disco house inglese), House Train di Risse, Jack The Bass, House Nation e Love Can't Turn Around di Farley "Jackmaster" Funk.

Il sintetizzatore Roland TB-303

Sempre nel 1986, un altro disc-jockey di Chicago, DJ Pierre, inventò l'acid house[2], un tipo di house costruita attorno alle sonorità appunto "acide" e ipnotiche del sintetizzatore Roland TB-303. Il primo singolo ufficiale del nuovo genere fu Acid Tracks (1987) dei Phuture (di cui DJ Pierre era membro).

Nell'agosto 1987 uscì Pump Up The Volume dei MARRS (Cj Mackintosh e Dave Dorrell): uno strano disco house britannico che campionava vecchi pezzi funk dei primi anni settanta e alcune canzoni hip hop anni ottanta (una decina di brani in tutto). Riuscì a vendere quattro milioni di copie nel mondo verso la fine di quell'anno. Nello stesso periodo spopolò nella scena underground newyorkese Beat Dis del giovane Bomb the Bass: molto simile a Pump Up The Volume nella struttura musicale (ricampionamento continuo di vecchi pezzi e musiche di serie tv e western celebri degli anni sessanta, come il sample del film Il buono, il brutto, il cattivo). Il disco aveva uno smiley sulla copertina che in seguito caratterizzò l'iconografia dei rave e della cultura acid house inglese.

Nel 1988, anno d'oro della house, i protagonisti furono gli Inner City (da Detroit) e gli S'Express (dalla Gran Bretagna), che con le loro canzoni portarono questo genere al successo pop internazionale. Il produttore di musica house più attivo fu però Todd Terry (in alcuni casi con lo pseudonimo "Royal House") che dominò le classifiche dance con Can You Party, A Day In The Life, Bango e Weekend. Notevolissimi i tormentoni da club Your Love (versione radiofonica ufficiale) di Frankie Knuckles & Jamie Principle, Strings Of Life di Rhythim Is Rhythim, Devotion dei Ten City, Someday di Ce Ce Rogers, I Want You e You Used To Hold Me di Ralphi Rosario, Reachin' dei Phase II, Night Moves di Rickster, Can you feel it (versione cantata) dei Fingers Inc., Bass! di Simon Harris, The Party di Kraze, We Call It Acieed dei D-Mob, In-Ten-Si-T di Mickey Oliver, The Only Way Is Up di Yazz, Work It To The Bone di LNR, Stakker Humanoid di Humanoid e Promise Land di Joe Smooth. In autunno uscì anche lo storico disco hip house I'll House You dei Jungle Brothers, che conteneva il campione di Can You Party.

Nel 1989 si aprì così il filone hip house con Get Up On The Dance Floor Di Rob Base & Dj Ez Rok e Turn Up The Bass di Tyree Cooper. Lil' Louis pubblicò French Kiss che gli valse il contratto con la Epic e venne censurata in Inghilterra per il suo contenuto fortemente erotico. People Hold On dei Coldcut e Lisa Stansfield diventò la hit più ballata in Europa. Il potere di mercato di questo genere fu rappresentato meglio dal gruppo belga dei Technotronic, che con Pump Up The Jam arrivano alla seconda posizione della classifica di vendita americana. Sempre nel 1989 venne pubblicato il primo disco house italiano d'esportazione: Ride On Time dei Black Box (ottocentomila copie vendute solo in Inghilterra e prima posizione della U.S. Dance Chart di billboard).

Nel 1990 continuò la moda della hip house con Mr. Lee, i Beatmasters, Fast Eddie, Double Trouble, Deskee, i 2 In A Room e Tony Scott. I C & C Music Factory che già due anni prima avevano prodotto il riempipista A Deeper Love, ebbero il loro successo mondiale con Gonna Make You Sweat: canzone house sofisticata che conteneva alcuni elementi hip hop. In quell'anno esce inoltre il primo singolo house di una delle pop-star più famose del mondo: Vogue di Madonna. La canzone arriva alla posizione numero uno nella classifica di vendita americana, aiutando a far aumentare ulteriormente la popolarità del genere nel contesto musicale mainstream. Nel settore Garage house sono invece da citare i successi da club dei Deee-Lite (Groove Is in the Heart) ed Alison Limerick (Where Love Lives).

Nei primi anni novanta alla techno europea si sovrappose la house inglese (UK House), caratterizzata per lo più da un giro di piano deciso e spesso anche da una ritmica breakbeat. Vanno ricordati i Brothers In Rhythm, i Bizare-Inc., Crystal Waters, Jaydee, i K-Klass, Gat Dècore, Ce Ce Peniston e gli M-People.

Il successo in Europa e l'evoluzione del genere[modifica | modifica sorgente]

In Europa la musica house iniziò a diffondersi già dal 1986 in Inghilterra. Nel Marzo 1987 Marshall Jefferson, Frankie Knuckles, Adonis e Larry Heard fecero un tour in Gran Bretagna, dopo il grande successo da classifica di alcune tracce della Chicago House, come "Jack Your Body" e "Love Can't Turn Around". Nel frattempo anche a Ibiza, già nota da fine anni settanta per la sua vita notturna, il nuovo suono di Chicago si era diffuso in numerose discoteche come l'Amnesia, dove veniva suonato in feste all'aria aperta e accompagnato dall'assunzione di ecstasy, droga che divenne simbolo delle discoteche.[2]

L'anno chiave per l'esplosione dell'house in Inghilterra fu il 1987 quando dj come Paul Oakenfold e Danny Rampling importarono il suono di Ibiza nelle discoteche britanniche, in particolar modo a Londra (Shoom), a Birmingham (Heaven, il Future, Spectrum e il Purple Raines) e Manchester (Hacienda)[2]. L'anno seguente la moda dell'acid house, e con essa il consumo di ecstasy, si diffuse a macchia d'olio in tutto il paese[1], diventando un vero e proprio fenomeno culturale giovanile. Uno dei tratti caratteristici di questa "Second Summer of Love" (come fu definita dai mass media) furono i rave party, manifestazioni musicali molto spesso illegali organizzate all'interno di aree industriali abbandonate o in spazi aperti, che divennero in breve tempo un problema di ordine pubblico nella rigida Inghilterra dell'epoca Thatcher. Nonostante l'origine dei rave party illegali sia avvenuta all'interno della scena house, negli anni successivi la musica ascoltata all'interno di essi è diventata la techno con i suoi sottogeneri, e la musica trance. La house invece ne è stata esclusa.

Nel 1991 a Londra si inaugurerà il Ministry of Sound, il cui sound system era stato progettato su ispirazione del Paradise Garage di Larry Levan, e che con gli anni diventerà una delle discoteche più famose del Mondo per la cultura della House e della Dance in generale. Dal 1988 al 1993 la UK House otterrà nel Nord Europa un grande successo nelle classifiche di vendita tanto che molti gruppi (non solo inglesi) e crew di musica house o techno/rave spesso si esibivano nel programma Top of the Pops. Dal 1990 al 1993 l'emittente britannica BBC2 addirittura aggiunse al suo palinsesto un programma specifico sulla musica house e techno (con delle parentesi hip hop): "Dance Energy". Anche in questo caso gli artisti del settore più famosi si esibivano live. Diversi anni dopo, nel 1999, viene aperto a Londra un altro noto locale specializzato in questo genere: il Fabric, una discoteca con delle tecnologie all'avanguardia, come i trasduttori nella pavimentazione in grado emettere le basse frequenze della musica.

In Italia, anche se dall'inizio del 1987 suonavano nelle discoteche Love Can't Turn Around, Move Your Body, "House Nation e Jack Your Body, la musica house divenne famosa dall'estate del 1988 con pezzi come Theme To S'Express degli S'Express e pochi mesi dopo Good Life degli Inner City, Jack To The Sound Of The Underground di Hit House, Get Real di Paul Rutherford, Wait di Kym Mazelle e Say!Rayo! dei Brooklin Boyz Choir, che si inserirono ai vertici delle dance chart[6]. L'anno seguente poi nacque una vera e propria scena house italiana (definita "spaghetti house") da cui arrivarono numerosi successi internazionali come "Ride On Time" di Black Box, Numero Uno di Starlight Sensation e Touch Me di 49ers.[7].

Nei primi anni novanta la house si diffuse in tutta Europa e, fondendosi con altri generi musicali, diede vita a una serie di derivazioni, fra cui l'eurodance, che in breve tempo supererà come successo di vendite e di pubblico la house "classica". Brani come Rhythm is a Dancer degli Snap!, Please Don't Go di Double U e What is Love di Haddaway, segnarono l'ascesa nelle classifiche del nuovo genere. In questo periodo infatti le discoteche iniziarono a "specializzarsi" in un certo tipo di musica dance (eurodance, techno/rave, house), attirando al loro interno una determinata fascia di pubblico appassionato per ogni tipo di musica da discoteca.[6] Nel '95, comunque, The Bomb dei Bucketheads, "Your Loving Arms" di Billie Ray Martin, The World Go Around di Sandy B, e Hideaway di De'Lacy, raggiungono un grande successo nell'ambito della house più distaccata dal filone underground. Nel biennio '98/'99 seguiranno la stessa strada alcuni noti classici dance/house, come Music Sounds Better with You degli Stardust, Needin' U di David Morales, Don’t Call Me Baby dei Madison Avenue, Big Love di Pete Heller, Red Alert dei Basement Jaxx, Sing it Back di Moloko, e U Don't Know Me di Armand Van Helden.

Altri importanti sottogeneri sono la già citata Garage house, diffusa soprattutto negli USA, su ispirazione di Larry Levan e del suo locale (che intanto nel 1987 chiuderà i battenti, giusto cinque anni prima della morte del DJ per AIDS), che dà il nome al genere ed è caratterizzata da un minore uso di suoni elettronici e da una maggiore melodicità, incarnando quindi al meglio la derivazione "disco"; la Latin house (lanciata da Little Louie Vega nei primi anni novanta), nata dall'unione tra house music e sonorità latino americane. Particolare menzione merita anche la French house, nata a fine anni novanta, che rivisita la tradizione disco francese e che si pone all'interno di un contesto musicale definito "french touch", una scuola di DJ d'oltralpe che portano al successo oltre alla house, anche nu jazz e techno con forti contaminazioni funk. Importanti nomi di questa corrente sono i Daft Punk, Dimitri from Paris o gli Africanism, di cui fa parte Bob Sinclar, che alla fine degli anni 2000 riporterà la musica house nelle classifiche internazionali arricchendola di contaminazioni Dancehall; dai primi anni 2000 l'house assurge a vera e propria musica da tormentone, prendendo il ruolo avuto fino ad allora dall'eurodance, che iniziava a perdere colpi. Tra i successi più significativi dell'ultimo decennio ricordiamo "Another Chance" (2001) di Roger Sanchez e "The weekend" di Michael Gray (2004).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Enciclopedia britannica
  2. ^ a b c d e f The History of Rock Music: 1976-1989, scaruffi.com. (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2013).
  3. ^ a b Biografia di Frankie Knuckles su ondarock.it
  4. ^ FRANKIE KNUCKLES INTERVIEW PART 2 - YouTube
  5. ^ (EN) Articolo su flyglobalmusic.com
  6. ^ a b Hit parade dance charts 12/11/1988
  7. ^ Storia della musica - gli anni 80 (su scaruffi.com)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Love Saves the Day - La storia della dance music culture, 1970-1979, Tim Lawrence. Key Note Multimedia ISBN 88-902252-0-3
  • House Music 1985-2005, Christian Zingales Tuttle edizioni, 2005
  • (EN) Last Night a DJ Saved My Life: The History of the Disc Jockey, Grove Press 2000 ISBN 978-0-8021-3688-6
  • Io, DJ - Musica, moda, stili di vita. Perché il mondo è diventato una gigantesca pista da ballo? Claudio Coccoluto & Pierfrancesco Pacoda. Einaudi 2007 ISBN 88-06-18224-2
  • I love the nightlife - Corrado Rizza, Marco Trani, Wax Production (Roma), 2010
  • Positive Sensation - Planet feat. miki Cosmo 1993

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica