Museum of Fine Arts (Boston)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°20′21″N 71°05′39″W / 42.339167°N 71.094167°W42.339167; -71.094167

Museum of Fine Arts
MFABoston1.jpg
Tipo arte
Data fondazione 1870
Indirizzo Huntington Avenue 465 Boston, Stati Uniti d'America
Direttore Malcolm Rogers
Sito Museum of Fine Arts Sito ufficiale

Il Museum of Fine Arts di Boston, nel Massachusetts, è uno dei più grandi musei degli Stati Uniti d'America. Possiede più di 450.000 opere d'arte che fanno di questa collezione una delle più complete del continente americano. Conta più di un milione di visitatori l'anno e, nel 2013, è stato il 62º museo di belle arti più visitato al mondo.

Il museo fu fondato nel 1870 ma occupò la sede attuale a partire dal 1909. Il museo è associato ad un'accademia d'arte, la Boston School of the Museum of Fine Arts, nonché al Nagoya Museum of Fine Arts che si trova, appunto, a Nagoya, in Giappone. Il direttore del museo è Malcolm Rogers.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

1870–1907[modifica | modifica sorgente]

Il museo fu fondato nel 1870 e inaugurato nel 1876. Gran parte della sua collezione proveniva dalla galleria d'arte del Boston Athenaeum. Francis Davis Millet ricoprì un ruolo fondamentale nell'avvio della scuola d'arte associata al museo e nominò Emil Otto Grundmann (1844–1890) come primo direttore.[1]

La prima sede del museo era un edificio in muratura dall'architettura neogotica, disegnato da John Hubbard Sturgis e Charles Brigham, considerato particolarmente significativo per l'uso delle terrecotte architettoniche, la cui quantità era decisamente inusuale per un edificio statunitense. L'edificio si trovava a Copley Square, nel quartiere bostoniano di Back Bay.

1907–2000[modifica | modifica sorgente]

Nel 1907 furono avviati i progetti necessari per dare al museo una nuova sede su Huntington Avenue, il viale di Boston dedicato alle arti. Il consiglio di amministrazione del museo affidò all'architetto Guy Lowell l'incarico di creare un progetto di massima che consentisse una costruzione progressiva del museo, giacché i finanziamenti venivano reperiti ad hoc per ogni fase specifica del progetto. Nel 1909, fu posta in essere la prima parte del progetto neoclassico di Lowell; essa è composta da una facciata di oltre 150 metri in granito (il cui ingresso è proprio su Huntington Avenue), dalla grande rotonda e dalle gallerie attigue. La collezione vera e propria fu trasferita in questa nuova sede verso la fine del 1909.

La seconda fase di costruzione, interamente finanziata dalla Signora Robert Dawson Evans, riguardò l'ala lungo il Back Bay Fens che ospitò la pinacoteca. L'ala fu inaugurata nel 1915. Dal 1916 fino al 1925, John Singer Sargent decorò la rotonda e l'attiguo colonnato. Nel corso degli anni, molte altre migliorie ingrandirono l'edificio e tra queste vi è l'ala dedicata alle Arti decorative (inaugurata nel 1928 e ingrandita nel 1968) e il Norma Jean Calderwood Garden Court nonché la Terrazza (1997). La West Wing, progettata da I. M. Pei e inaugurata nel 1981, fu rinominata - nel 2008 - la Linde Family Wing for Contemporary Art. Quest'ala ospita la caffetteria del museo, il ristorante, il negozio di souvenir e anche uno spazio espositivo.[2]

Le opere maggiori[modifica | modifica sorgente]

Gustave Caillebotte Fruits sur un étalage (1881-1882)
Gustave Caillebotte
  • Fruits sur un étalage, 1881-1882
Mary Cassatt
Carlo Crivelli
Edgar Degas
Fra Carnevale
Donatello
Paul Gauguin
Giovanni di Paolo
Carlo Maratta
  • Flagellazione di Cristo
Rembrandt Harmenszoon Van Rijn
Rosso Fiorentino
Pierre-Auguste Renoir
Maurice Utrillo
Vincent Van Gogh

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francis Davis Millet, jssgallery.org.
  2. ^ Architectural History | Museum of Fine Arts, Boston

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]