Museo diocesano (Reggio Emilia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo Diocesano
Tipo arte sacra
Data fondazione 1994
Indirizzo Palazzo Vescovile

Via Vittorio Veneto, 6 - 42121 Reggio Emilia

Il Museo Diocesano di Reggio Emilia, situato al piano terra del Palazzo Vescovile, è stato istituito per conservare le opere d'arte e la suppellettile liturgica provenienti dalla Cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine e dalle chiese del territorio diocesano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fin dagli anni Trenta del XX secolo è documentata la volontà della Curia reggiana di raccogliere le opere d'arte di particolare interesse artistico o a rischio di dispersione in Museo diocesano. Un primo allestimento venne realizzato in alcuni ambienti dell’appartamento vescovile nel 1994 ed è stato aperto al pubblico fino al 2000, quando il sisma rese inagibile l’ala dell’Episcopio che ospitava il percorso. Il 16 dicembre 2006 è stato inaugurato il nuovo Museo Diocesano di Reggio Emilia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Il percorso espositivo è organizzato in modo che le opere presentate narrano la storia della Chiesa reggiana attraverso le strutture ecclesiastiche che qui hanno operato per il radicamento e la crescita della fede: la chiesa cattedrale segno dell’unità della comunità dei credenti e sede del magistero del Vescovo; le pievi deputate al ministero dell’evangelizzazione e dell’amministrazione dei sacramenti; i monasteri centri di preghiera, accoglienza, lavoro e cultura.

L'itinerario museale presenta oggetti, databili dal I al XVI secolo, secondo le diverse tipologie di materiali (dipinti, sculture, vetri, metalli, tessuti, ceramiche e documenti cartacei) che, al di là del valore storico-artistico, sono la testimonianza viva del rito liturgico e della devozione popolare. Tra le opere di maggior interesse:


Inoltre, completano il percorso espositivo alcuni importanti e rarissimi documenti storici e cartacei. Di rilievo:

  • una pergamena con la firma autografa di Matilde di Canossa (XII secolo);
  • un Liber Figurarum (XIII secolo) di Gioacchino da Fiore;
  • una serie di sigilli vescovili in ceralacca (XIII - XVI secolo).

Il percorso si conclude all'ultimo piano del Palazzo Vescovile con opere del XVII° e XVIII° secolo (Palma il Giovane, Paolo Piazza, Aureliano Milani, Andrea Celesti) e collezioni donate in epoche più o meno recenti; tra di esse spicca la raccolta di dipinti e opere su carta del pittore reggiano Marco Gerra.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Milano 2005, pp. 79 – 80
  • Stefano Zuffi, I Musei Diocesani in Italia. Secondo volume, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 10 – 13

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]