Museo di antichità egiziane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo di antichità egiziane
Ingresso del Museo Egizio del Cairo
Ingresso del Museo Egizio del Cairo
Tipo Archeologia dell'Antico Egitto
Indirizzo Piazza Tahrir, Il Cairo, Egitto
Sito Sito ufficiale del Museo, aggiornato solo al 2003

Il Museo di antichità egiziane, comunemente conosciuto come Museo egizio del Cairo, ospita la più completa collezione di reperti archeologici dell'antico Egitto del mondo. Gli oggetti in mostra sono 136.000 e molte altre centinaia di migliaia sono conservate nei magazzini.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il museo è un'emanazione del servizio egiziano delle antichità costituito dal governo nel 1835 nel tentativo di fermare l'esportazione selvaggia di reperti e manufatti.

Il museo aprì nel 1858 con le collezioni raccolte da Auguste Mariette, archeologo francese al servizio di Isma'il Pascià. Nel 1880 venne spostato all'interno del palazzo di Isma'il Pascià a Giza. Nel 1900 il museo raggiunse l'attuale sede, un edificio in stile neoclassico, appositamente costruito in Piazza Tahrir, nel centro del Cairo.

Nonostante la sua grande fama, il museo egizio del Cairo non è molto esteso come superficie. Consta di due piani, entrambi di forma rettangolare, con una serie di stanze disposte attorno ad un atrio centrale e collegate da un corridoio. Gli oggetti esposti al piano terreno sono raggruppati per ordine cronologico. Appena entrati, a sinistra sono disposte le sale dell'Antico Regno. Continuando in senso orario si trovano le sale del Medio e Nuovo Regno ed infine quelle dell'età greco-romana. Salendo lo scalone si arriva al primo piano, organizzato in aree tematiche.

Il museo ha subito un saccheggio nel corso delle sommosse popolari del 2011, che hanno portato alla distruzione di due mummie faraoniche[1]. Durante le stesse proteste, è stato colpito da alcune bombe molotov. L'esercito è immediatamente intervenuto per spegnere le fiamme[2].

Collezioni[modifica | modifica sorgente]

I pezzi di maggior pregio sono rappresentati dalla collezione dei reperti trovati nella tomba di Tutankhamon, rinvenuta intatta nella Valle dei Re, dall'archeologo inglese Howard Carter nel 1923.

La "sala delle mummie" che contiene 27 mummie reali di epoca antica, fu chiusa al pubblico, nel 1981, per ordine del presidente egiziano Anwar Sadat. Nel 1985 è stata riaperta al pubblico una selezione di mummie di re e regine del Nuovo Regno di cui è visibile solamente il volto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Looters destroy mummies during Egypt protests, ABCnews, 29 gennaio 2011
  2. ^ Egitto, morti negli scontri. Molotov contro il museo egizio, Corriere della Sera, 2 febbraio 2011

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]