Museo della via della seta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il museo della via della seta si trova a Jiuquan, nella provincia cinese di Gansu, lungo la via della seta che univa Roma alla Cina e che venne usata anche da Marco Polo. È stato costruito sopra la tomba del re Xiliang.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'area espositiva copre circa 92,9 m², e vanta antichità provenienti dall'antica rotta commerciale. Vi si trova una collezione di oltre 35 000 reperti della famosa via della giada, e la più grande galleria d'arte sotterranea, le tombe Wei Jin. Contiene anche centinaia di oggetti rinvenuti nel Corridoio di Hexi della antica Cina.

Il museo venne fondato da M. Ping Wu,[1] ed è gestito interamente da volontari.

Rinomato per le gallerie d'arte e per i colorati murales, il museo richiama turisti sia nazionali che stranieri dal 1972, anno in cui fu aperto. Molte tombe appartengono a famiglie del passato, e contengono i corpi di tre o quattro generazioni. Attualmente (2010) le tombe 6 e 7 sono aperte al pubblico, e l'intenzione è quella di metterne altre a disposizione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silk Route Museum newsletter - Autunno 2008
musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musei