Museo dell'acropoli di Atene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°58′06.6″N 23°43′42.5″E / 37.9685°N 23.728473°E37.9685; 23.728473

Museo dell'Acropoli
Μουσείο Ακρόπολης
Interno della nuova sede del museo progettata da Bernard Tschumi
Interno della nuova sede del museo progettata da Bernard Tschumi
Tipo Archeologia
Data fondazione 2008
Indirizzo Via Dionysiou Areopagitou - Atene, Grecia
Direttore Dimitrios Pandermalis
Sito ufficiale
Disegni per il progetto dell'edificio originale del museo progettato da Theophil Hansen

Il Museo dell'Acropoli di Atene, costruito a fine Ottocento, raccoglie esclusivamente materiali rinvenuti sull'Acropoli: nucleo principale della collezione sono le statue e i frammenti di decorazione architettonica arcaica profanati dai persiani nel 480 a.C., cui si aggiungono sculture del periodo classico.

Data la ricchezza delle collezioni, nel 2002 sono cominciati i lavori di costruzione di una nuova e più ampia sede alle pendici dell'Acropoli. Nel giugno 2007 la vecchia sede è stata chiusa per permettere la ricollocazione della collezione nella nuova, più ampia e moderna sede del museo, in corso di completamento nella città bassa, ai piedi dell'acropoli, la cui apertura è stata effettuata a giugno 2009[1].

Il nuovo museo dell'Acropoli al suo interno riunisce - in uno spazio ricostruito delle esatte dimensioni e orientamento del Partenone - tutte le parti del fregio appartenenti al governo greco e quelle in corso di restituzione. Il governo greco e buona parte della comunità internazionale richiedono infatti da molti anni la restituzione dei marmi di Elgin, la parte più consistente delle decorazioni del Partenone all'estero, attualmente in esposizione al British Museum di Londra.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Rilievo detto dell'"Atena pensosa". (circa 460 a.C.) Museo dell'Acropoli di Atene, n°695.

La collezione del museo presenta molte opere famose tra cui:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Museum History in sito ufficiale del museo. URL consultato il 10-03-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]