Musa balbisiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Musa balbisiana
Inside a wild-type banana.jpg
Frutto di Musa balbisiana
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Zingiberales
Famiglia Musaceae
Genere Musa
Specie M. balbisiana
Nomenclatura binomiale
Musa balbisiana
Colla, 1820
Sinonimi
  • Musa troglodytarum L.
  • Musa seminifera Lour.
  • Musa sapientum L. sensu Roxb. non L.
  • Musa brachycarpa Backer
  • Musa sapientum subsp. seminifera forma pruinosa King
  • Musa sapientum var. pruinosa
  • Musa liukiuensis (Matsum.) Makino
  • Musa paradisiaca subsp. seminifera var. pruinosa King ex K. Schum.
  • Musa sapientum var. pruinosa (King ex K. Schum.) A. M. Cowan & Cowan
  • Musa x sapientum var. liukiuensis Matsum.
  • Musa seminifera Lour.
  • Musa dechangensis J. L. Liu & M. G. Liu
  • Musa lushanensis J. L. Liu
  • Musa luteola J. L. Liu

La Musa balbisiana è una specie selvatica di banana nativa del Sud-est Asiatico. Insieme alla Musa acuminata è una delle specie che hanno dato origine a molte delle banane coltivate oggi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Areale originale delle specie Musa balbisiana (in giallo) e acuminata (in verde)

Si presenta con foglie lussureggianti e tendenzialmente più erette che in Musa acuminata. I fiori crescono in infiorescenze che hanno un colore che va dal rosso al bordeaux. I frutti invece hanno colori che variano tra il blu e il verde; a causa della numerosissima quantità di semi che contengono, e della scarsità di polpa, sono generalmente considerati non commestibili. In ogni caso si può supporre che anticamente questi frutti venissero in qualche modo utilizzati per l'alimentazione umana, altrimenti difficilmente sarebbe stato possibile arrivare alla banana domestica.

A causa della poliploidia infatti compaiono cloni naturalmente partenocarpici che quindi producono banane commestibili. Esempi di questo si ritrovano nelle banane Saba.[1]

Le piante che hanno frutti con semi, sono chiamate "butuhan" ('con semi') nelle Filippine.[2]

Fu descritta per la prima volta dal botanico italiano Luigi Colla.[3]

Nel folklore tailandese si crede che questo tipo di banana sia abitata da uno spirito, Nang Tani, un tipo di fantasma legato all'albero che si mostrò sotto l'aspetto di una giovane donna.[4] A causa di questo spesso le persone legano un piccolo pezzo di tessuto satinato al tronco dell'albero di banana.[5]

Propagazione[modifica | modifica sorgente]

La pianta di Musa balbisiana, a differenza delle banane commerciali che possono essere moltiplicate solo per divisione del cespo e micropropagazione, può essere riprodotta anche per seme.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Le foglie di questa banana sono spesso usate in Thailandia per avvolgere dolci locali e le infiorescenze vengono usate nella medicina tradizionale per il trattamento delle ulcere.[6]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michel H. Porcher e Prof. Snow Barlow, Sorting Musa names, The University of Melbourne, Multilingual Multiscripted Plant Name Database (M.M.P.N.D.) - A showcase for Distributed databases related to plant names, 19/07/2002. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  2. ^ Progenitors of Edible Bananas, Guide to Growing Bananas, http://www.bananacrop.com/, 11/01/2010. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  3. ^ Musa paradisiaca, http://www.users.globalnet.co.uk/.
  4. ^ Banana Tree Prai Lady Ghost, Thailand-amulets.net, 19 marzo 2012. URL consultato il 26 agosto 2012.
  5. ^ Spirits, Thaiworldview.com. URL consultato il 26 agosto 2012.
  6. ^ Plant use in Southern Thailand

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica