Murder at 1600 - Delitto alla Casa Bianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Murder at 1600 - Delitto alla Casa Bianca
Titolo originale Murder at 1600
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1997
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Dwight H. Little
Sceneggiatura Wayne Beach e David Hodgin
Fotografia Steven Bernstein
Montaggio Leslie Jones e Billy Weber
Interpreti e personaggi

Murder at 1600 - Delitto alla Casa Bianca è un film del 1997 diretto da Dwight H. Little, interpretato da Wesley Snipes e Diane Lane.

Il film è basato sul romanzo Murder in the White House scritto da Margaret Truman, figlia dell'ex Presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman. Il titolo si riferisce al numero 1600 di Pennsylvania Avenue, l'indirizzo della Casa Bianca.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una giovane segretaria del presidente degli Stati Uniti viene uccisa a coltellate; il caso viene affidato al detective Alan Regis della squadra omicidi di Washington e a Nina Chance, ex atleta olimpica ed ora agente dei servizi segreti in servizio alla Casa Bianca. Tutti i sospetti ricadono sul figlio del presidente che poi si scopre essere innocente. Durante la vicenda viene assassinato anche Nicholas Spikins dirigente dei servizi segreti che scopre chi è realmente il mandante dell'assassinio di Carla Town. Alla fine della storia si scopre che il mandante dell'assassinio è il consigliere presidenziale per la sicurezza nazionale Alvin Jordan, amico fidato del presidente. Lui fece entrare negli uffici della Casa Bianca il marine che uccise la donna. Jordan ha architettato il piano per costringere il presidente a dimettersi. Il Detective Regis scopre il piano di Jordan, ma è troppo tardi perché il presidente ha già dato le dimissioni e mentre va alla sala stampa per il discorso sulle sue dimissioni, il detective Regis riesce ad entrare dai sotterranei della Casa Bianca e a sventare il piano di Jordan che, dopo essere stato scoperto, cerca con un ultimo tentativo di uccidere il presidente prendendo una pistola di un agente che lo stava arrestando; la Chance si lancia sul presidente salvandolo e Jordan viene ucciso da cinque colpi di arma da fuoco degli agenti della scorta presidenziale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]