Mun coreano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mun coreano
Nome coreano
Hangul
Hanja
Latinizzazione riveduta mun
McCune-Reischauer mun
Sangpyeong Tongbo

Il mun fu introdotto come valuta principale della Corea nel 1633 e rimase in uso fino al 1892. Assomigliava e derivava dal wén cinese (imparentato anche con il mon giapponese). Le monete denominate in mun erano in rame o bronzo ed avevano forma circolare con un foro quadrato al centro. Nel 1888 fu coniato un numero limitato di monete denominate in mun e won (pari a 1 000 mun). Il mun fu sostituito nel 1892 con l'introduzione dello yang.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia delle valute coreane.

Il primo uso documentato di moneta in Corea appare nell'era Goryeo (9181392). All'inizio di tale periodo, sebbene fossero in circolazione alcune monete di importazione cinese, venivano comunemente usate monete in natura, come i cereali e il lino. Nei secoli X e XI, furono emesse monete di ferro e rame, insieme a monete d'argento a forma di vaso, ma non ebbero mai ampia circolazione.

Fu solo all'inizio dell'era Joseon (13921910) che le monete di rame vennero coniate per l'ampia circolazione. Il jeohwa (저화/楮貨), realizzato all'inizio del periodo Joseon utilizzando la carta ottenuta con la corteccia del gelso, divenne la prima moneta cartacea legale e fu usato come mezzo di scambio in luogo delle monete fino alla sua scomparsa, avvenuta all'inizio del XVI secolo. Dal XVII secolo fino alla fine del XIX, le monete denominate in mun riportanti l'iscrizione Sangpyeong Tongbo (상평통보, 常平通寶) furono la valuta che ebbe la più ampia circolazione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kurt Schuler, Tables of modern monetary history: Asia in Currency Boards and Dollarization, 29 febbraio 2004. URL consultato il 10 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2007).


Preceduta da:
Senza precedenti moderni
Valuta di Corea
16331892
Assieme a: Valute cinesi
Seguita da:
Yang coreano
Motivo: Riforma monetaria