Mullet (acconciatura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Visuale frontale e laterale del taglio mullet.

Il termine mullet (in italiano, per indicare il pesce, muggine o cefalo) indica un particolare tipo di acconciatura, sia maschile sia femminile, ma soprattutto maschile, tipica della moda degli anni ottanta.

L'origine del termine viene spesso individuata nella frase australiana looking like a stunned mullet (sembrare un cefalo stordito). Tuttavia altre fonti indicano che la prima volta che il termine è stato utilizzato sia in una canzone del 1994 dei Beastie Boys, tanto che l'anno successivo fu inserito nell'Oxford English Dictionary.

Il taglio di capelli mullet si caratterizza per essere corto davanti, sopra e sui lati e lungo dietro. Fu particolarmente di moda indistintamente sia fra gli uomini sia fra le donne negli anni ottanta, benché David Bowie li sfoggiasse già negli anni settanta, mentre Tom Jones addirittura nei tardi anni sessanta. Fu però solo in seguito grazie all'ampia diffusione mediatica data da serial televisivi come General Hospital o McGyver e popstar come Michael Bolton, Phil Collins, Bono Vox o Paul King che il taglio divenne popolare. Nell'ambito giornalistico l'acconciatura mullet è portata anche dal teorico della cospirazione David Icke.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda