Mullá Abu'l-Hasan-i-Ardikání

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Abu'l-Hasan.jpg

Mullá Abu'l-Hasan-i-Ardikání (farsi ملا أبو الحسن أرديكاني), soprannominato Amín-i-Iláhí, ma conosciuto come Hájí Amín, 1831-1928, fu un eminente seguace di Bahá'u'lláh, il fondatore della fede bahai[1].

Amín, che fu amministratore del Huqúqu'lláh, fu nominato postumo Mano della Causa da Shoghi Effendi e quindi inserito tra i diciannove Apostoli di Bahá'u'lláh[2].

La fede[modifica | modifica wikitesto]

Aderì al messaggio di Bahá'u'lláh non appena ne venne a conoscenza e si dedicò alla sua diffusione viaggiando per tutta la Persia[3].

Amín era un letterato e si guadagnò da vivere, durante i suoi viaggi per la fede, insegnando a leggere e a scrivere agli analfabeti[4]. Raccoglieva le lettere che la gente voleva inviare a Bahá'u'lláh di cui diffondeva le tavole[5].

Si recò ad Acri e fu il primo Bahai non residente ad Acri a incontrare Bahá'u'lláh[6].

Nel 1880 divenne amministratore del Huqúqu'lláh dopo l'uccisione di Haji Shah-Muhammad Manshadi suo predecessore nelle predetta funzione[7].

Nel 1891, a causa della sua fede, fu detenuto per tre anni nelle prigioni di Teheran e di Qazvin. Dopo la liberazione e al tempo di `Abdu'l-Bahá continuò a viaggiare, visitando Acri e Haifa[8].

Si ritirò nella tarda età a Teheran[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Balyuzi, H.M., Op. cit. in bibliografia.
  2. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  3. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  4. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  5. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  6. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  7. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  8. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.
  9. ^ Balyuzi, H.M., Ibidem.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Balyuzi, H.M., Eminent Bahá'ís in the time of Bahá'u'lláh, The Camelot Press Ltd, Southampton, 1985, ISBN 0-85398-152-3.
  • Barron Harper, Lights of Fortitude, Paperback, Oxford, UK, George Ronald, 1997, ISBN 0-85398-413-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Bahai Portale Bahai: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bahai