Muliphein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Muliphein
Classificazione Gigante brillante blu
Classe spettrale B8 II
Distanza dal Sole 401 anni luce
Costellazione Cane Maggiore
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 7h 03m 45.5s
Declinazione -15° 38' 00"
Dati fisici
Raggio medio 5,6 R
Massa
Velocità di rotazione 32 km/s
Temperatura
superficiale
13700 K (media)
Luminosità
Dati osservativi
Magnitudine app. +4.11
Magnitudine ass. -1,55
Parallasse 7.38 mas
Moto proprio AR: -0.14 mas/anno
Dec: {{{dec}}} mas/anno
Velocità radiale 32 km/s
Nomenclature alternative
Gamma CMa - 23 CMa - HD 53244 - HIP 34045 - SAO 152303

Gamma Canis Majoris, conosciuta anche come Muliphein o Muliphen, è una stella della costellazione del Cane Maggiore. La sua magnitudine apparente è di 4,01 ma le è stata assegnata la terza lettera dell'alfabeto. Probabilmente questo deriva dal fatto che Muliphein è nella parte della costellazione della brillante Sirio e di Mirzam, la stella Beta del Cane Maggiore. La sua distanza dalla Terra è di 401 anni luce[3]

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La stella viene classificata di tipo spettrale B8II, cioè come stella gigante brillante, oppure, come in altre pubblicazioni, di classe B6III, il che indicherebbe invece che sia una gigante blu[2]. Ha una raggio di 5,6 volte quello del Sole ed una massa 4,3 volte superiore, mentre la sua tempaeratura superficiale è di 16700 K. [4]

Muliphein è una stella peculiare, ha una bassa rotazione rispetto alle stelle della sua classe, circa 30 km/s, ed è una stella al mercurio-manganese, come ad esempio Alpheratz, con ampi rilevamenti di metalli sulla superficie stellare. La quantità di ferro e di cromo è del 40% rispetto al Sole, ma è la sovrabbondanza di mercurio, 2000 volte quella solare, la caratteristica rilevante di queste stelle al mercurio-manganese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Muliphein (stars, Jim Kaler)
  2. ^ a b Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson, 2012)
  3. ^ Interstellar NaI D-line (Lallement, 2003) Dati su VizieR
  4. ^ Catalogue of Stellar Diameters (CADARS) (Pasinetti-Fracassini 2001)
stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni