Muhammad Najib al-Ruba'i

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Muhammad Najīb al-Rubaʿī
( in arabo: محمد نجيب الربيعي )

Presidente dell'Iraq
Durata mandato 14 luglio 1958 -- 8 febbraio 1966
Predecessore --
Successore ʿAbd al-Salām ʿĀrif

Dati generali
Partito politico Unione Socialista Araba
Professione militare

Primo Presidente della Repubblica dell'Iraq e Presidente del Consiglio del Comando della Rivoluzione dal 14 luglio 1958 all'8 febbraio 1963.[1]

Insieme a ʿAbd al-Karīm Qāsim,[2], il generale al-Rubāʿī - che era entrato nell'Accademia Militare di Baghdad trent'anni prima della sua promozione a generale del 1957 - fu uno dei leader che portarono a segno il colpo di Stato che, il 14 luglio 1958, rovesciò la monarchia hascemita del giovane re Faysal II d'Iraq.

Mentre Qāsim (conosciuto in Occidente come Kassem) divenne Primo Ministro, gestendo sostanzialmente il potere, al-Rubāʿī fu eletto Capo della giovane Repubblica Irachena, col titolo d'ispirazione nasseriana, di Consiglio del Comando della Rivoluzione. Il Consiglio del Comando della Rivoluzione intendeva rappresentare le tre maggiori comunità etnico-religiose del Paese e al-Rubāʿī rappresentava in esso la comunità sunnita.

Nel 1963, quando Qāsim fu trucidato dal colpo di Stato guidato dal suo amico ed alleato Abd al-Salam Arif, al-Rubāʿī si ritirò dalla vita politica.

Morì 20 anni più tardi, nel 1983.[1]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dei due fiumi - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dei due fiumi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ben Cahoon19(1904-83, Iraq - Chronology (web), worldstatesmen.org, 2000. URL consultato il 25 maggio 2008.
  2. ^ Iraq PROFILE (web), U.S. Department of State. URL consultato il 25 maggio 2008.