Movimento per un'Ungheria Migliore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Movimento per un'Ungheria Migliore
Jobbik Magyarországért Mozgalom
Leader Gábor Vona
Stato Ungheria Ungheria
Fondazione 24 ottobre 2003
Sede Budapest
Ideologia Nazionalismo magiaro[1],
Anti-global[2][3],
Antisemitismo[4][5],
Euroscetticismo[6]
Collocazione Estrema destra[7][8]
Partito europeo Alleanza Europea dei Movimenti Nazionalisti
Affiliazione internazionale Nessuna
Sito web http://jobbik.hu/

Il Movimento per una Ungheria Migliore (in ungherese: Jobbik Magyarországért Mozgalom - Jobbik) è un partito politico attivo in Ungheria dal 2003. Raccoglie le istanze che aveva fatto proprie il Partito Ungherese Giustizia e Vita (Magyar Igazság és Élet Pártja - MIÉP), fondato nel 1993. Alle elezioni parlamentari del 2010 Jobbik si conferma terzo partito, aumentando i consensi al 16,67.

Il partito si presenta di matrice nazionalconservatrice, populista, nazionalista e di estrema destra. È stato accusato dai suoi avversari politici e da molti giornali occidentali di essere fascista[9] e antisemita[10].

Detiene 3 dei 22 seggi dei deputati europei ungheresi al Parlamento europeo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 2002 come Associazione dei Giovani di Estrema Destra (Jobboldali Ifjúsági Közösség) su iniziativa di alcuni studenti universitari cattolici e protestanti, diventa partito nell'ottobre del 2003 con Gergely Pongrátz e debutta alla elezioni parlamentari ungheresi del 2006 presentandosi insieme al MIÉP: il risultato è del 2,2%.

Alle successive elezioni europee del 2009 risulta il terzo partito nazionale con il 14,8% ed ottiene tre seggi; alle elezioni parlamentari del 2010 si conferma terzo partito, aumentando i consensi al 16,67 % e ottenendo, per la prima volta, 47 seggi al parlamento ungherese.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Molto controverse sono le relazioni tra lo Jobbik e la Guardia Ungherese, movimento nazionalista e para-militare sostenuto dal partito, che Ferenc Gyurcsány paragonò alle Sturmabteilungen[11]. Il partito viene spesso accusato di essere razzista, omofobo e anti-Rom.

Controversa anche la natura di partito, più che euroscettico, anti europeista; come dimostra il fatto che sabato 14 gennaio 2012 migliaia di militanti siano scesi in piazza a Budapest a chiedere un referendum per uscire dall'Unione Europea. E che durante il comizio finale, il parlamentare Elod Novak abbia addirittura bruciato una bandiera europea[12].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nationalist Jobbik Party Doubles Voter Base In Hungary, xpatloop.com
  2. ^ A Jobbik szembefordul a globális kapitalizmussal, mandiner.hu
  3. ^ Vona megmondta: befellegzett a globális kapitalizmusnak, nol.hu
  4. ^ Jobbik “anti-Zionist” demo goes ahead in Budapest, politics.hu
  5. ^ Hungary's Jobbik party hold anti-semitic rally in Budapest after ban attempts fail, telegraph.co.uk
  6. ^ Freeman, Colin (2009-05-24), "Feminine face of Hungary's far-Right Jobbik movement seeks MEP's seat", London: The Daily Telegraph
  7. ^ Huggan, Graham; Law, Ian (2009), Racism Postcolonialism Europe, Liverpool University Press
  8. ^ Schori Liang, Christina (2007),Europe for the Europeans: The Foreign and Security Policy of the Populist Radical Right, Ashgate
  9. ^ Jobbik: Meet the BNP's fascist friends in Hungary TIMESONLINE 9 giugno 2009
  10. ^ Feminine face of Hungary's far-Right Jobbik movement seeks MEP's seat TELEGRAPH.CO.UK 24 maggio 2009
  11. ^ Brown Shirts March in Budapest as Gyurcsany Condemns `Fascists'BLOOMBERG.COM 5 settembre 2007
  12. ^ Corriere della Sera: Budapest, bruciate le bandiere Ue

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]