Movimento per l'Unicità e il Jihad nell'Africa Occidentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Movimento per l'Unicità e il Jihad in Africa Occidentale (MUJAO) (in in arabo: جماعة التوحيد والجهاد في غرب أفريقيا, Jamāʿat al-tawḥīd wa l-Jihād fī gharb Ifrīqiyā) è un gruppo terrorista islamista nato nel 2011 a seguito di una scissione dal gruppo al-Qāʿida nel Maghreb Islamico, con l'obiettivo di portare il jihad anche nei territori dell'Africa nord-occidentale.

La sua nascita è stata annunciata da un video il 12 dicembre 2011 in cui rivendicava il rapimento di tre cooperanti dal campo profughi sahrawi di Hassi Raduni[1]. Il terrorista mauritano Hamada Ould Mohamed Kheirou, che è comparso nel video di rivendicazione come portavoce del gruppo, è considerato il comandante dell'organizzazione, e dal 28 dicembre dello stesso anno pende sulla sua testa un mandato di arresto internazionale. Altri membri chiave dell'organizzazione sono gli algerini Ahmed al-Talmasi e Khaled Aboul Abbas e il sultano maliano Ould Badi, che è considerato dalle autorità del suo Stato un trafficante di droga.[2][3].

Il gruppo è stato coinvolto nella Guerra in Mali del 2012 a fianco del Movimento Nazionale di Liberazione dell'Azawad e di Ansar Dine. Nell'agosto 2013 il MUJAO si è unito al gruppo terroristico Masked Men Brigade per formare un nuovo gruppo chiamato Al-Mourabitoun.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rossella Urru, un sequestro che ha commosso gli italiani Il sole 24 ore, 3 marzo 2012
  2. ^ Terrorists, traffickers forge union in African desert, Maghaberia.com, 24 febbraio 2012. URL consultato il 6 aprile 2012.
  3. ^ Al-Qaeda splinter group reveals internal erosion, Maghaberia.com, 30 dicembre 2011. URL consultato il 6 aprile 2012.
  4. ^ Belmokhtar's militants 'merge' with Mali's Mujao, BBC, 22 agosto 2013. URL consultato il 22 agosto 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]