Movimento dei paesi non allineati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Movimento dei Non-Allineati)
Movimento dei paesi non allineati
(EN) Non-Aligned Movement
(ES) Movimiento de Países No Alineados
Abbreviazione NAM
Fondazione 1961
Fondatore Sukarno, Tito, Nehru e Nasser
Sede centrale Stati Uniti New York
Area di azione Globale
Presidente Iran Hassan Rouhani
Sito web
Stati membri

██ 

membri osservatori

██ 

Il Movimento dei paesi non allineati (o, più raramente, Movimento dei non allineati)[1] è un'organizzazione internazionale di 120 Stati, più altri 17 Stati osservatori, che si considerano non allineati con, o contro, le principali potenze mondiali. Rappresentano oltre due terzi di tutti gli Stati del mondo e costituiscono la seconda organizzazione di Stati dopo l'ONU. Segretario generale, dal 2013, è Hassan Rouhani, presidente dell'Iran.

Il NAM iniziò a prendere forma nel 1956 su iniziativa di Tito, Jawaharlal Nehru, Sukarno e Gamal Abd el-Nasser per proteggere gli stati che non volevano schierarsi con le due superpotenze della guerra fredda (Stati Uniti e URSS) o che non volevano esserne influenzati. Membri principali furono l'India, l'Egitto, il Brasile e, per un certo periodo, la Cina. Sebbene l'organizzazione intendesse diventare un'alleanza del tipo della NATO o del Patto di Varsavia, non raggiunse mai un elevato livello di coesione e molti dei suoi membri furono dipendenti da qualcuno dei due blocchi.

Il primo vertice si tenne a Belgrado nel 1961, con la partecipazione di 25 membri, che dichiararono la loro opposizione a colonialismo, imperialismo, e neocolonialismo.

Il vertice successivo si tenne al Cairo nel 1964, tra 46 nazioni, molte delle quali erano stati africani che avevano appena raggiunto l'indipendenza; tra gli argomenti principali di discussione ci fu il conflitto arabo-israeliano.

Il vertice del 1969 a Lusaka fu uno dei più importanti, con la realizzazione di una struttura permanente su temi economici e politici.

Membri[2][3][modifica | modifica wikitesto]

Paese Adesione Note
Afghanistan Afghanistan 1961
Algeria Algeria 1961
Angola Angola 1964
Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda 2006
Arabia Saudita Arabia Saudita 1961
Azerbaigian Azerbaigian 2011
Bahamas Bahamas 1983
Bahrein Bahrein 1973
Bangladesh Bangladesh 1973 In precedenza parte del Pakistan.
Barbados Barbados 1983
Belize Belize 1976
Benin Benin 1964
Bhutan Bhutan 1973
Bielorussia Bielorussia 1998
Bolivia Bolivia 1979
Botswana Botswana 1970
Brunei Brunei 1993
Cambogia Cambogia 1961
Capo Verde Capo Verde 1976
Ciad Ciad 1964
Cile Cile 1973
Colombia Colombia 1983
Comore Comore 1976
Flag of the Republic of the Congo.svg Congo 1961
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 1973
Cuba Cuba 1961
Dominica Dominica 2006
Ecuador Ecuador 1983
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 1970
Egitto Egitto 1961
Eritrea Eritrea 1995 In precedenza parte dell'Etiopia.
Etiopia Etiopia 1961
Figi Figi 2011
Filippine Filippine 1993
Gabon Gabon 1970
Gambia Gambia 1973
Ghana Ghana 1961
Gibuti Gibuti 1983
Giamaica Giamaica 1970
Giordania Giordania 1964
Grenada Grenada 1979
Guatemala Guatemala 1993
Guinea Guinea 1961
Guinea-Bissau Guinea-Bissau 1976
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale 1970
Guyana Guyana 1970
Haiti Haiti 2006
Honduras Honduras 1995
India India 1961
Indonesia Indonesia 1961
Iran Iran 1979
Iraq Iraq 1961
Kenya Kenya 1964
Kuwait Kuwait 1964
Laos Laos 1964
Lesotho Lesotho 1970
Libano Libano 1961
Liberia Liberia 1964
Libia Libia 1964
Madagascar Madagascar 1973
Malawi Malawi 1964
Maldive Maldive 1976
Malesia Malesia 1970
Mali Mali 1961
Marocco Marocco 1961
Mauritania Mauritania 1964
Mauritius Mauritius 1973
Mongolia Mongolia 1993
Mozambico Mozambico 1976
Flag of Myanmar.svg Myanmar 1961
Namibia Namibia 1979 Rappresentata dalla SWAPO fino al 21 marzo 1990.
Nepal Nepal 1961
Nicaragua Nicaragua 1979
Niger Niger 1973
Nigeria Nigeria 1964
Oman Oman 1973
Pakistan Pakistan 1979
Palestina Palestina 1976
Panamá Panamá 1976
Papua Nuova Guinea Papua Nuova Guinea 1993
Perù Perù 1973
Qatar Qatar 1973
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana 1964
RD del Congo RD del Congo 1961
Rep. Dominicana Rep. Dominicana 2000
Flag of North Korea.svg Repubblica Popolare Democratica di Corea 1976
Ruanda Ruanda 1970
Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis 2006
Santa Lucia Santa Lucia 1983
São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe 2003
Senegal Senegal 1964
Seychelles Seychelles 1976
Sierra Leone Sierra Leone 1964
Singapore Singapore 1970
Siria Siria 1964
Somalia Somalia 1961
Sudafrica Sudafrica 1994
Sri Lanka Sri Lanka 1961
Sudan Sudan 1961
Suriname Suriname 1983
Swaziland Swaziland 1970
Thailandia Thailandia 1993
Tanzania Tanzania 1964
Timor Est Timor Est 2003 Sotto amministrazione indonesiana dal 1975 al 1999.
Togo Togo 1964
Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago 1970
Tunisia Tunisia 1961
Turkmenistan Turkmenistan 1995
Uganda Uganda 1964
Uzbekistan Uzbekistan 1993
Vanuatu Vanuatu 1983
Venezuela Venezuela 1989
Vietnam Vietnam 1976 Il Vietnam del Sud, rappresentato dal Fronte di Liberazione Nazionale, aveva aderito nel 1973.
Yemen Yemen 1961 Yemen del Nord fino al 22 maggio 1990. Lo Yemen del Sud aderì separatamente nel 1970.
Zambia Zambia 1964
Zimbabwe Zimbabwe 1979

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

Vertici[modifica | modifica wikitesto]

  1. Jugoslavia Belgrado, 1-6 settembre 1961
  2. Rep. Araba Unita Il Cairo, 5-10 ottobre 1964
  3. Zambia Lusaka, 8-10 settembre 1970
  4. Algeria Algeri, 5-9 settembre 1973
  5. Sri Lanka Colombo, 16-19 agosto 1976
  6. Cuba L'Avana, 3-9 settembre 1979
  7. India New Delhi (originariamente programmato a Baghdad), 7-12 marzo 1983
  8. Zimbabwe Harare, 1-6 settembre 1986
  9. Jugoslavia Belgrado, 4-7 settembre 1989
  10. Indonesia Giacarta, 1-6 settembre 1992
  11. Colombia Cartagena de Indias, 18-20 ottobre 1995
  12. Sudafrica Durban 2-3 settembre 1998
  13. Malesia Kuala Lumpur, 20-25 febbraio 2003
  14. Cuba L'Avana, 15-16 settembre 2006
  15. Egitto Sharm El Sheikh, 11-16 luglio 2009
  16. Iran Teheran, 26-31 agosto 2012
  17. Venezuela Caracas, 2015

Elenco dei segretari generali[modifica | modifica wikitesto]

Segretari generali del movimento dei non allineati
Nome Paese Inizio mandato Termine mandato
Josip Broz Tito Jugoslavia Jugoslavia 1961 1964
Gamal Abd el-Nasser Rep. Araba Unita Rep. Araba Unita 1964 1970
Kenneth Kaunda Zambia Zambia 1970 1973
Houari Boumedienne Algeria Algeria 1973 1976
William Gopllawa Sri Lanka Sri Lanka 1976 1978
Junius Richard Jayawardene Sri Lanka Sri Lanka 1978 1979
Fidel Castro Cuba Cuba 1979 1983
Neelam Sanjiva Reddy India India 1983
Giani Zail Singh India India 1983 1986
Robert Mugabe Zimbabwe Zimbabwe 1986 1989
Janez Drnovšek Jugoslavia Jugoslavia 1989 1990
Stjepan Mesić Jugoslavia Jugoslavia 1991
Branko Kostić Jugoslavia Jugoslavia 1991 1992
Dobrica Ćosić Serbia e Montenegro Jugoslavia 1992
Suharto Indonesia Indonesia 1992 1995
Ernesto Samper Colombia Colombia 1995 1998
Andrés Pastrana Arango Colombia Colombia 1998
Nelson Mandela Sudafrica Sudafrica 1998 1999
Thabo Mbeki Sudafrica Sudafrica 1999 2003
Mahathir Mohamad Malesia Malesia 2003
Abdullah Ahmad Badawi Malesia Malesia 2003 2006
Fidel Castro Cuba Cuba 2006 2008
Raúl Castro Cuba Cuba 2008 2009
Hosni Mubarak Egitto Egitto 2009 2011
Mohammed Hoseyn Tantawi Egitto Egitto 2011 2012
Mohamed Morsi Egitto Egitto 2012
Mahmud Ahmadinejad Iran Iran 2012 2013
Hassan Rouhani Iran Iran 2013 In carica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In inglese NAM, Non-Aligned Movement ; in spagnolo MNOAL, Movimiento de Países No Alineados
  2. ^ 16th Summit of the Non-Aligned Movement | NAM Members & Observers, maggio 2012. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  3. ^ Ben Cahoon, Non-Aligned Movement (NAM), World Statesmen.org. URL consultato il 2 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]