Movimento Democratico (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Movimento Democratico (Mo-DEM) è la corrente del Partito Democratico che hanno come riferimento l'ex segretario Walter Veltroni eletto alle elezioni primarie del 14 ottobre 2007, Giuseppe Fioroni esponente di riferimento dell'ala cattolica democratica del PD e Paolo Gentiloni referente dell'ala liberale progressista.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nasce nel settembre 2010 come scissione da Area Democratica, non condividendo l'apertura al segretario Pier Luigi Bersani, con il manifesto dei 75[1][2] che critica lo stato attuale del partito considerato come "senza bussola"[3] e che rischia di compromettere la sua azione politica. Per tale motivo il Mo-Dem si pone come movimento trasversale all'interno del partito i cui componenti sono uniti per sostenere il Partito Democratico come principale forza di una coalizione contraria al centrodestra. Raccoglie principalmente settori moderati e già rutelliani dell'ex Margherita e gli ex diesse rimasti legati a Veltroni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Manifesto dei 75
  2. ^ Il manifesto di Veltroni per il Pd ha raccolto 75 firme di parlamentari.
  3. ^ Pd, Veltroni: partito senza bussola Bersani: così è pacco dono a Berlusconi

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sito ufficiale