Mousepad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mousepad con poggiapolso in gel di silicone

Il mousepad, dall'inglese tappetino da mouse, è un piccolo tappetino da scrivania sul quale scorre il mouse durante le consuete fasi di lavoro a computer. Il suo scopo è quello di proteggere i meccanismi interni del mouse dalla polvere e dalle impurità che potrebbero rovinarli.

La prima pubblicazione conosciuta che accenna all'esistenza del mousepad è della Xerox, nel 1979 Armando M. Fernandez, allora tecnico della nota casa di produzione elettronica fu il primo a nominarlo[senza fonte]. Al tempo i computer dotati di mouse avevano appena visto l'introduzione di una miglioria notevole. Il mouse, infatti, era stato integrato con una sfera d'acciaio rotante inversa. Tuttavia, i residui raccolti della sfera d'acciaio nel suo lavoro, inducevano i rulli interni ad attaccarsi alle pareti e generavano salti imprevisti al puntatore, che perdeva di precisione ed affidabilità.

Ben presto il mouse pad si trasformò in un oggetto diffusissimo, composto da un foglio di gomma stampato con soggetti a scelta e un supporto di silicone. Quest'ultimo si rese necessario per sviluppare la corretta trazione del mousepad stesso rispetto alle spinte impresse al mouse con i movimenti. L'invenzione garantì maggiore velocità, stabilità e risparmio, considerando che non salvaguardava solo i mouse, ma anche i mobili che dai mouse venivano graffiati. Ad oggi i vecchi mouse pad vengono abbandonati in favore dei vari modelli che si accompagnano ai nuovi mouse a puntamento ottico.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]