Motore Stoddard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il motore Stoddard del 1919.

Elliott J. Stoddard inventò e brevettò due versioni del cosiddetto motore Stoddard, la prima nel 1919 e la seconda nel 1933. La classificazione generica del motore è quella di motore a combustione esterna con valvole e fluido lavorante stato singolo gassoso (ad esempio un "motore ad aria calda"). Il fluido lavorante era originariamente l'aria, anche se in versioni moderne possono essere usati altri gas, come elio o idrogeno.

Un vantaggio termodinamico potenziale nell'uso delle valvole è il minimizzare gli effetti negativi del "volume non spazzato" negli scambiatori di calore (a volte chiamato "volume morto"), il quale è risaputo che riduce l'efficienza del motore e la potenza in uscita dal motore Stirling senza valvole.

Il motore Stoddard del 1919[modifica | modifica sorgente]

Le trasformazioni termodinamiche generalizzate nel motore Stoddard del 1919 sono[1]:

Il motore Stoddard del 1933[modifica | modifica sorgente]

Nel progetto del 1933 [2], Stoddard ridusse il volume interno degli scambiatori di calore.

Le trasformazioni termodinamiche nel ciclo Stoddard del 1933 sono le stesse di quello del 1919.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1919 Stoddard Engine US Patent
  2. ^ 1933 Stoddard Engine US Patent


fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica