Mostro lacustre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffigurazione artistica del mostro di Loch Ness

Mostro lacustre è il nome generico attribuito all'oggetto di avvistamenti di grandi animali che si specula siano presenti in alcuni laghi, nonostante la loro esistenza non sia stata scientificamente provata. L'indagine su queste creature è tra gli scopi della criptozoologia.

Avvistamenti[modifica | modifica sorgente]

Il più famoso e popolare mostro lacustre è il mostro di Loch Ness che si dice esistere nel Loch Ness in Scozia. Un mostro simile a questo è l'Ogopogo avvistato nel lago Okanagan, nel mezzo della British Columbia. Un certo numero di storie di mostri simili sono inoltre relative ad altri laghi americani come Manipogo nel lago Manitoba e Champ nel lago Champlain. Nel lago Nahuel Huapi, Argentina, si pensa viva Nahuelito.

Altri luoghi di avvistamenti sono il lago di Van in Turchia, il lago Flathead in Montana, il lago Tianchi in Cina e il Fiume Bianco in Alabama. Il lago di Fulk vicino a Churubusco nell'Indiana si dice sia abitato dalla bestia di Busco. Anche il lago più profondo, esteso ed antico del mondo, il lago Baikal in Siberia, è stato detto essere dimora di una di queste creature.

In Italia[modifica | modifica sorgente]

Lago di Como[modifica | modifica sorgente]

Si è parlato più volte di mostri nel lago di Como. Del Lariosaurus si comincia a scrivere e parlare in modo diffuso nel secondo dopoguerra (1946). Alcuni importanti quotidiani e periodici lombardi e non solo, come La Nazione,Il resto del Carlino, Il Tempo, La Domenica del Corriere ecc... Riportano allarmanti notizie di avvistamenti* nelle più varie località del Lario ed attacchi da parte del mostro; non casuale certamente la collocazione temporale, così, per una certa intensità per alcuni mesi, e poi in varie occasioni fino a fine millennio.

Il caso che ha fatto più scalpore è quello del 1946. I giornali parlarono di un misterioso animale lungo diversi metri che sarebbe apparso al Pian di Spagna, nella parte settentrionale del lago, e poi a Varenna. Nel 1954 fu avvistato ad Argegno un animale lungo 80-90 cm con muso e parte posteriore arrotondate e zampe "come un'anatra". Nell'agosto del 1957 un enorme mostro sarebbe apparso tra Dongo e Musso. Nel settembre del 1957 da una batisfera fu visto uno strano animale con una testa simile a quella di un coccodrillo. A questa vicenda si ispira il romanzo di Emanuele Pagani Il mostro del lago di Como.

Nel 2003 è la volta di un'anguilla gigantesca, lunga 10-12 metri, avvistata nelle acque di Lecco. Il ricercatore Giorgio Castiglioni ha studiato questi casi e ha tratto queste conclusioni: i "mostri" del 1946 e dell'agosto del 1957 sono invenzioni dei giornali, l'animale del 1954 era con ogni probabilità una lontra, animale allora presente sul lago, quello del settembre del 1957 poteva essere un grosso luccio e l'anguilla gigante del 2003 sarà stata facilmente un gruppo di pesci che nuotavano compatti in fila. Il Lariosauro torna in auge con la canzone dell'allora "menestrello lagheé" Davide Van de Sfroos (Davide Bernasconi) Ul Mustru. La ballata è stata in realtà suggerita dal romanziere-storico locale Giovanni Galli come testimoniato da una sua intervista rilasciata al periodico Il Genesio diretto dallo stesso Bernasconi.

Lago di Garda[modifica | modifica sorgente]

Alcuni pescatori segnalarono un mostro che ingoiava tutti i pesci impigliati nelle reti[1]. Nel 2001 due sub hanno avvistato un pesce siluro gigante davanti a Gargnano sulla sponda bresciana a circa 25 metri di profondità[2]. Altro avvistamento è quello di un pescatore di Garda davanti a Villa Canossa (aprile 2007)[3].

Ipotesi[modifica | modifica sorgente]

Ci sono diverse ipotesi sul fenomeno, che in mancanza di prove scientifiche molti considerano basato esclusivamente su esagerazioni e mistificazioni. Alcune teorie parlano di anguille giganti. Alcuni asseriscono che si tratti di storioni giganti, mentre un'altra teoria dice che i mostri avvistati siano la rara forma adulta di una specie anfibia che generalmente conduce nella forma larvale tutta la sua vita come l'axolotl. Il criptozoologo Bernard Heuvelmans ha sempre sostenuto che gli avvistamenti di creature simili a plesiosauri sono in realtà una specie sconosciuta di otaria dal collo lungo. Molte di queste zone, specialmente attorno al Loch Ness e nella valle di Okanagan, sono diventate popolari e prospere grazie alla presunta presenza dei mostri di forte richiamo turistico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'Arena, agosto 1965, http://forum.cosenascoste.com/strane-creature/38374-pesce-siluro-mostruoso-sul-garda-4.html#post249232
  2. ^ Brescia Oggi
  3. ^ Corriere della riviera, aprile 2007, http://www.corrieredellariviera.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia