Moschea di Hirami Ahmet Pascià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°01′40.28″N 28°56′44.84″E / 41.027856°N 28.945789°E41.027856; 28.945789

Άγιος Ίωάννης ο Πρόδρομος έν τώ Τρούλλω /Hirami Ahmet Pasha
La moschea vista da Est
La moschea vista da Est
Stato Turchia Turchia
Località Istanbul
Religione Cristianesimo / Islam
Stile architettonico bizantino
Inizio costruzione XII secolo

La Moschea di Hirami Ahmet Pasha (in turco: Hırami Ahmet Paşa Mescidi), era in origine una chiesa ortodossa (San Giovanni Battista in Trullo) più tardi convertita in moschea dagli Ottomani. Il piccolo edificio, uno dei 36 dedicati a San Giovanni Battista a Costantinopoli, era parte dell'omonimo monastero.[1] Il suo nome completo era Άγιος Ίωάννης ο Πρόδρομος έν τώ Τρούλλω, Hagios Ioannis ho Prodromos en tō Trullō. È la più piccola chiesa bizantina di Costantinopoli ancora esistente.

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio si trova a Istanbul, nel distretto di Fatih, nel quartiere di Çarşamba. È inserita nella Koltutçu Sokak, una piccola piazza quadrata, circondata da edifici recenti, a meno di 400 m dal complesso della chiesa di Theotokos Pammacaristos.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Poco si conosce della storia del luogo di culto prima della Caduta di Costantinopoli nel 1453. La denominazione "troullos" (in latino: trullus, in italiano: trullo, cupola) probabilmente deriva da un edificio a cupola che sorgeva nelle vicinanze.[2] La datazione stilistica suggerisce un'edificazione nel XII secolo.

Tra il 1454 e il 1456, quando il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli fu trasferito dalla chiesa dei Santi Apostoli alla Chiesa di Theotokos Pammacaristos, il patriarca Gennadios II Scholarios trasferì le monache in questo complesso religioso, probabilmente fondato per l'occasione.[3] Alla fine del XVI secolo, durante il regno del sultano Murad III, Hırami Amet Pasha, già Agha dei Giannizzeri, trasformò la chiesa del Pammacaristos in una moschea.[4] Egli fece lo stesso con questo luogo di culto, chiudendo nel contempo il monastero e allontanando le religiose. Questi avvenimenti possono essere collocati tra il 1587/1588 (anno della chiusura del Pammacaristos) e il 1598, anno della morte del sultano.[5] Agli inizi del XX secolo l'edificio era in rovina: venne restaurato nel 1961 e restituito al culto islamico.[5]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è costruito in muratura con pietre e mattoni. Ha pianta a croce inscritta sormontata da una cupola, con un bema diviso in tre parti e un nartece. Ha una lunghezza di soli 15 m, compreso il nartece.[6] I bracci Nord e Sud sono voltati a botte e l'interno è illuminato da trifore. Quattro colonne con capitelli sostengono un tamburo ottagonale, sovrastato da una cupola. Le tre absidi sono semicircolari. L'abside centrale ha una grande finestra divisa da tre pilastrini con capitelli.[7] Il diaconicon è stato riutilizzato come mihrab della moschea. La Protesi, cioè l'ambiente posto a sinistra dell'altare, è sovrastata da una volta a botte. La moschea non ha minareti.

Prima dei restauri, l'edificio si trovava in pessime condizioni: il nartece era pressoché completamente crollato, le colonne scomparse e gli affreschi quasi del tutto illeggibili.[6] Le quattro colonne disperse sono state rimpiazzate con altre antiche ma di incerta provenienza.[8] L'edificio non è stato sinora oggetto di uno studio sistematico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Janin, p. 423.
  2. ^ Van Millingen, p. 202.
  3. ^ Janin, p. 456.
  4. ^ Mamboury, p. 263.
  5. ^ a b Müller-Wiener, p. 146.
  6. ^ a b Janin, p. 457.
  7. ^ Van Millingen, p. 204.
  8. ^ Müller-Wiener, p. 145.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexander Van Millingen, Byzantine Churches of Constantinople, London, MacMillan & Co, 1912.
  • Ernest Mamboury, The Tourists' Istanbul, Istanbul, Çituri Biraderler Basımevi, 1953.
  • Raymond Janin, La Géographie Ecclésiastique de l'Empire Byzantin. 1. Part: Le Siège de Constantinople et le Patriarcat Oecuménique. 3rd Vol. : Les Églises et les Monastères., Paris, Institut Français d'Etudes Byzantines, 1953.
  • Wolfgang Müller-Wiener, Bildlexikon Zur Topographie Istanbuls: Byzantion, Konstantinupolis, Istanbul Bis Zum Beginn D. 17 Jh, Tübingen, Wasmuth, 1977, ISBN 978-3-8030-1022-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]