Morton Subotnick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morton Subotnick
Fotografia di Morton Subotnick
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica elettronica
Musica sperimentale
Periodo di attività 1958 – in attività
Sito web

Morton Subotnick (Los Angeles, 14 aprile 1933) è un compositore statunitense. Viene spesso citato fra i pionieri della musica elettronica[1][2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni sessanta studiò al Mills College e co-fondò con Ramon Sender il San Francisco Tape Music Center, al quale aderirono, fra gli altri, Terry Riley e Steve Reich.[2][3][4] Nel 1966, anno in cui il centro venne inglobato al Mills College, Subotnick si trasferì a New York.[4] Durante lo stesso periodo costruì, assieme a Sender e Donald Buchla, un sintetizzatore che venne più tardi adottato in molte sue uscite, quali Silver Apples of the Moon del 1967, The Wild Bull (1968) Touch (1969) Sidewinder (1971) e 4 Butterflies (1974). Oltre ad aver goduto di un notevole successo commerciale e di critica, Silver Apples viene ricordato per essere stato il primo album interamente composto con un sintetizzatore.[2][3] Nel 1969 iniziò a costruire l'Electronic Music Box, un'apparecchiatura elettronica di piccole dimensioni che adoperò in alcuni album che includono, oltre ai già citati Touch e Sidewinter, Until Spring (1975).[4] A partire dalla seconda metà degli anni settanta, incise dei "pezzi fantasma", ovvero composizioni per strumenti acustici ed apparecchiature elettroniche che seguono uno spartito prestabilito da un software. Queste composizioni vennero raccolte in pubblicazioni quali Parallel Lines (1979) e Liquid Strata (1979).[1] Durante la propria carriera, Subotnick ha inoltre composto musica per orchestre, lavori teatrali, e partecipato a performance multimediali.[2][3]

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Silver Apples Of The Moon (1967)
  • The Wild Bull (1968)
  • Touch (1969)
  • Sidewinder (1971)
  • 4 Butterflies (1974)
  • Until Spring (1976)
  • Parallel Lines (1979)
  • Liquid Strata (1979)
  • A Sky Of Cloudless Sulphur / After The Butterfly (1980)
  • Axolotl / The Wild Beasts (1981)
  • Ascent Into Air / A Fluttering Of Wings (1984)
  • The Key To Songs (1986)
  • Return (1986)
  • Touch / Jacob's Room (1989)
  • Silver Apples Of The Moon / The Wild Bull (1994)
  • All My Hummingbirds Have Alibis / And the Butterflies Begin to Sing (1997)
  • Echoes from the Silent Call of Girona / A Flutterting of Wings (2000)
  • Touch / A Sky of Cloudless Sulfur / Gestures (2001)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Avantgarde Music. Morton Subotnick: biography, discography. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  2. ^ a b c d Morton Subotnick, padre dell'anti-moog: "Sogno la fine di pianoforti e violini" - Repubblica.it. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  3. ^ a b c About Morton Subotnick. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  4. ^ a b c Morton Subotnick-Biography-AllMusic.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Harvard Biographical Dictionary of Music (a cura di Don Michael Randel, Harvard University Press, 1996, pag. 664-665)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]