Morte a credito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morte a credito
Titolo originale Mort à crédit
Autore Louis-Ferdinand Céline
1ª ed. originale 1936
Genere romanzo
Sottogenere semi-autobiografico
Lingua originale francese
Protagonisti Ferdinand Bardamu

Morte a credito (in francese: Mort à crédit) è il secondo romanzo di Louis-Ferdinand Céline, pubblicato nel 1936. È considerato uno dei capolavori della letteratura francese del Novecento.

Esso è un antefatto di Viaggio al termine della notte, infatti racconta l'infanzia nel Passage Choiseul, le esperienze familiari, scolastiche, erotiche, di viaggio e di lavoro del suo personaggio, Ferdinand Bardamu, il suo alter ego, e termina con il suo arruolamento nell'esercito per la prima guerra mondiale. Il romanzo è una presa di distanze dalla vita, perché essa non è quello che l'uomo crede comunemente essa sia; perché alla fine la vita ci porta a conquistare quell'unico credito che siamo sicuri di poter riscuotere: la morte.

In Italia arriva più tardi, intorno agli anni sessanta, con la traduzione di Giorgio Caproni.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • trad. Giorgio Caproni, Morte a credito, Milano, Garzanti, 1964 [ed. censurata], con Carlo Bo, Saggio critico, pp. V-XXI
  • l'ed. Milano, Mondadori, 1987 [«Oscar» n. 1947] ha un'introduzione di Sebastiano Vassalli
  • trad. Giorgio Caproni, Morte a credito, Milano, TEA, 1997 [ed. integrale]
  • trad. Giorgio Caproni, Morte a credito, Milano, Garzanti, 2007, con Carlo Bo, Saggio critico
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura