Morsetto (elettricità)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In elettrotecnica il termine morsetto designa un dispositivo meccanico per il collegamento elettrico al terminale di uno o più cavi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il collegamento viene realizzato in modo esclusivamente meccanico, ossia senza saldature. Tipicamente, l'estremità del filo elettrico, privata dell'isolante, viene inserita in un apposito alloggiamento del morsetto. Un sistema meccanico (a vite o a clip), realizzato in materiale metallico e conduttivo, provvede da un lato al blocco meccanico del terminale del conduttore, dall'altra a chiudere il contatto elettrico tra il filo elettrico e il resto del dispositivo.

Per motivi di sicurezza, i morsetti sono rivestiti di materiale isolante e congegnati in modo che, a blocco serrato, non siano possibili contatti accidentali con il meccanismo di blocco, che in condizioni di lavoro si trova a essere sotto tensione.

Tipi[modifica | modifica wikitesto]

Esistono vari tipi di morsetti elettrici:

  • morsetti di tipo terminale per quadri elettrici o circuiti stampati
  • morsetti di tipo terminale per dispositivi da impianto (interruttori, deviatori, pulsanti eccetera)
  • morsetti di tipo terminale per collegamento a strumenti di misura
  • morsetti per l'interconnessione diretta di cavi tra loro (mammouth, cappucci eccetera)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

elettrotecnica Portale Elettrotecnica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettrotecnica