Moria (Terra di Mezzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Moria (Tolkien))
Miniere di Moria
Nome originale Mines of Moria
Tipo Miniere
Saga Il Signore degli Anelli
Ideatore John Ronald Reuel Tolkien
Appare in
Illustrazione Alan Lee, John Howe
Scenografia Alan Lee, John Howe, Grant Major
Caratteristiche immaginarie
Fondatore Durin il Senzamorte
Nascita YT
Fine III 1981
Pianeta Arda
Continente Terra di Mezzo
Stato Regno dei Nani di Nanosterro
Città Nanosterro
Dimensioni 40 miglia (Porta Occidentale - Grandi Ponti)
Razze
Lingue
Nanosterro
Nome originale Dwarrowdelf
Nome locale Khazâd-Dûm
Altri nomi
Tipo Città, Fortezza
Saga Il Signore degli Anelli
Ideatore John Ronald Reuel Tolkien
Appare in
Illustrazione Alan Lee, John Howe
Scenografia Alan Lee, John Howe, Grant Major
Caratteristiche immaginarie
Capo Re dei Nani
Fondatore Durin il Senzamorte
Nascita YT
Fine III 1981
Pianeta Arda
Continente Terra di Mezzo
Stato Regno dei Nani di Nanosterro
Dimensioni 40 miglia (Porta Occidentale - Grandi Ponti)
Razze
Lingue
Regno dei Nani di Nanosterro
Nome originale Kingdom of the Darwes of the Dwarrowdelf
Nome locale Khuzgûn Khazâd-Dûmul
Altri nomi
Tipo Stato
Saga Il Signore degli Anelli
Ideatore John Ronald Reuel Tolkien
Appare in
Illustrazione Alan Lee, John Howe
Scenografia Alan Lee, John Howe, Grant Major
Caratteristiche immaginarie
Capo Re dei Nani
Fondatore Durin il Senzamorte
Nascita YT
Fine III 1981
Pianeta Arda
Continente Terra di Mezzo
Capitale Nanosterro
Dimensioni 40 miglia (Porta Occidentale - Grandi Ponti)
Razze
Lingue
« Questi non sono buchi. Qui è il grande reame e la città di Nanosterro. In antico non era tenebroso, bensì inondato di luce e di splendore, come ancora ricordano le nostre canzoni »
(Gimli in J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli, La Compagnia dell'Anello)

Nell'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien, quelle di Moria erano le più grandi miniere mai costruite dai nani, nonché uno dei loro reami più potenti e splendenti. Esse erano infatti note anche con il nome di Khazad-dum, il Reame di Nanosterro.

Situate nella parte centrale delle Montagne Nebbiose, furono fondate da Durin il senzamorte agli albori della Prima Era. Al tempo erano solamente della caverne di Azanulbizar, la Valle dei Rivi Tenebrosi, il successivo arrivo di nani della stessa stirpe di Durin, prima, e dalle distrutte Belegost e Nogrod, successivamente, contribuì all'espansione geografica delle miniere, tanto da raggiungere le quaranta miglia da un lato all'altro della montagna, e all'ascesa del Regno, che diventò così il più ricco e il più influente dei regni dei nani.

La ricchezza di Moria, a differenza di quelle degli altri regni nanici, non stava nei gioielli, ne nel ferro (seppur questi materiali siano stati abbondanti nelle miniere, i nani potevano ottenerli con il commercio), ma nel mithril, o veroargento, prezioso metallo bramato da molti popoli della Terra di Mezzo. Moria era infatti l'unico luogo conosciuto dove era possibile reperirlo, ma così come fu fonte di ricchezza, il mithril fu anche causa di rovina per la stirpe di Durin. Scavando sempre più in profondità, infatti, i nani risvegliarono un Balrog di Morgoth, un essere orrendo fuggito da Thangorodrim un'era prima e rifugiatosi nelle viscere delle Montagne Nebbiose. Esso decimò i nani e causò la fuga degli stessi dalle miniere. Ai tempi de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli, le miniere erano ormai un luogo tenebroso, dalla terribile fama, dimora di un innumerevole numero di Orchi, Troll e dello stesso Balrog.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome khuzdûl dell'antico regno nanico era Khazad-dûm, che significa letteralmente Casa dei nani. La parola è composta da Khazâd, che sta per "nani" e dûm, che sta per "casa". Gli elfi, inizialmente, usavano il termine sindarin Hadhodrond, traducibile come Sotterranei dei Nani, essendo Hadhod traducibile in "nani" e rond in "sotterranei" o case a volta. Casarrondo, termine usato dai Noldor, ha lo stesso significato. Nella lingua corrente, veniva utilizzato il termine Phurunargian (inglesizzato in the Dwarrowdelf, Nanosterro nella traduzione italiana). Dopo la fuga dei nani a causa del Balrog, e la successiva colonizzazione da parte di orchi e troll, le miniere presero il nome di Moria, termine sindarin, ma usato in tutte le lingue dell'ovest della Terra di Mezzo, traducibile in "Pozzo nero", essendo la parola composta da mor "nero", e -ia "pozzo, abisso". Nonostante il nome Moria richiami quello biblico di Moriah (il luogo dove Abramo avrebbe dovuto sacrificare il figlio Isacco), lo stesso Tolkien negò con fermezza ogni possibile analogia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età degli Alberi[modifica | modifica wikitesto]

La leggenda narra che Durin il Senzamorte, il più anziano dei padri dei nani, svegliatosi alle pendici del Monte Gundabad non molto tempo dopo che i primi Elfi si svegliassero, decise di incamminarsi da solo verso sud. Arrivato ad Azanulbizar, la Valle dei Rivi Tenebrosi, rimase stupito dalla bellezza della valle e delle circostanti caverne naturali, e giungendo infine sulle sponde del Mirolago (che chiamò Kheled-Zarâm), notò che quel grande lago ovale era dotato di capacità magiche: sebbene il sole brillasse alto nel cielo, nelle sue profondità oscure si scorgeva uno scintillare di stelle. Chinatosi, Durin vide quelle stelle riflettersi e brillare come una corona sulla sua testa, e lo prese come il segno che quel luogo sarebbe diventato la dimora del suo popolo. Alla fine della Terza Era era ancora presente un monolite istoriato in ricordo di quell'evento. Tornato alle pendici del Monte Gundabad, Durin condusse il suo popolo nella valle da lui scoperta, e si stabilì nelle grotte, che in poco tempo furono trasformate in grandi sale, corridoi infiniti e profondi labirinti che si estendevano in tutta la lunghezza e la larghezza delle viscere delle tre vette sovrastanti, Bundushathûr , Zirak-Zigil e Barazimbar "(...) ivi colpiva l'incudine il martello / ivi l'incisor scrivea operando lo scalpello / ivi il minator scavava e il murator costruiva con fatica (...)" (SdA, Libro II, Capitolo IV).

Prima Era[modifica | modifica wikitesto]

Per tutta la Prima Era, i nani fecero di Moria un importante centro commerciale. Ferro, gemme, e oro venivano venduti a Belegost e Nogrod, nel nord, nelle valli tra il Celduin e Carnen, ad est, o nella vicina valle dell'Anduin. Essi finirono anche per colonizzare le Montagne Grigie, controllandone anche i passi che conducevano nel Beleriand, e i Colli Ferrosi. Seppur citato nella lunga serie di reami coinvolti nelle Battaglie del Beleriand, esso fu sempre neutrale, ottenendo una tregua dagli ostinate e terribili incursioni degli Orchi che Morgoth riteneva più utile usare su altri fronti.

Con l'arrivo di popoli Edain nell'Eregion, regione sulla quale si affacciavano i cancelli occidentali di Khazad-dum, i Lungobarbi stabilirono forti relazioni con questi, beneficiandone: gli uomini gli fornivano cibo, e loro ricambiavano andando a lavorare nei loro villaggi come artigiani, e fornendo loro armi.

Per quanto riguarda i rapporti con gli Elfi Silvani della Grande Foresta Verde e di Lothlorien, non avendo sufficienti notizie, possiamo solo presupporre che vi fossero, anche se a volte non erano del tutto cordiali, come dimostrerebbe il fatto che, nella Seconda Era, gli Elfi Silvani di Oropher abbandonarono le loro abitazioni in prossimità di Amon Lanc per spostarsi più a sud.

Seconda Era[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi secoli della Seconda Era i nani avevano assunto il pieno controllo delle Montagne Grigie, di Erebor e dei Colli Ferrosi, nonché di tutta la parte orientale delle Montagne Nebbiose, fino ai confini con la terra di Lorien e, grazie all'arrivo dei Nani da Belegost e Nogrod, fuggiti dagli Ered Luin a causa della distruzione del Beleriand, alla scoperta del Mithril e al consolidamento delle relazioni con gli Uomini del Nord (grazie ai quali riuscirono a fronteggiare le invasioni degli orchi dopo la caduta di Angband, garantendo sicurezza e prosperità ad entrambi i popoli), Khazad-dûm accrebbe in potenza e influenza.

I rapporti con gli elfi silvani e quelli di Lorien rimasero controversi, ma lo stabilimento dei Noldor, gli elfi fabbri, in Eregion, intorno al 750, portò importanti cambiamenti nel rapporto tra i nani di Khazad-dum e gli Elfi. Furono avviati forti legami non solo a livello commerciale, ma anche livello di amicizia e reciproca ammirazione, con i Nani che aprirono una porta ad ovest per favorire il traffico tra le comunità. Il Mithril, ammirato ed apprezzato dai Noldor fu largamente utilizzato per la fabbricazione di splendidi gioielli, e da ambedue i popoli che contribuirono ad accrescere lo splendore della regione.

Terza Era[modifica | modifica wikitesto]

Con la Terza Era arrivò il declino di Khazad-Dum. Anche se per lungo tempo il regno dei nani furono un luogo sicuro, il numero dei suoi abitanti diminuì, sicché molti dei grandi palazzi, simboli dell'apogeo nella Seconda Era, rimasero vuoti e bui.

La crisi demografica non intaccò tuttavia la potenza commerciale, che rimase per secoli forte e florida. Ma quando Sauron si insediò a Dol Guldur, il Bosco Atro e molte zone circostanti caddero sotto la sua ombra. Gli orchi si insediarono e si moltiplicarono lungo nelle caverne delle Montagne Nebbiose, tagliando le comunicazioni con gli altri regni dei nani, essendo le strade nelle Valli dell'Anduin e nel Bosco Atro diventate pericolose, abbandonate o sorvegliate da creature mostruose arrivate insieme con il dominio del Negromante.

Nonostante la crisi, sia sul fronte demografico che su quello commerciale, i nani continuarono ad estrarre ed a esportare mithril. Essendo i filoni superficiali del prezioso metallo quasi tutti esauriti, essi scavarono sempre più in profondità e con sempre più cupidigia sotto il Caradhras, risvegliando un Balrog di Morgoth, un essere orrendo fuggito da Thangorodrim un'era prima e rifugiatosi nelle viscere delle Montagne Nebbiose: esso decimò nani, nell'anno 1980 della Terza Era questa creatura uccise il re di Moria Durin VI, e l'anno seguente suo figlio Nàin I[1]. I Lungobarbi, che vivevano per intero a Moria furono costretti a lasciare la loro patria e vagare per varie zone della Terra di Mezzo. La maggior parte dei discendenti di Durin si rifugiò nel Ered Mithrim, mentre Thrain I, figlio di Nain I e nipote di Durin VI fondò il regno di Erebor. Svuotata dai nani e scomparsi anche gli elfi che vivevano al confine occidentale, Moria divenne dimora di un gran numero di orchi e di troll.

Molti secoli dopo Thrór, ormai vecchio e disperato, si diresse a Moria. La sua mente ormai ottenebrata lo spinse a entrare in quella che era la "sua" dimora, solo per venire brutalmente assassinato da un orco di nome Azog. Nove anni dopo, suo figlio Thrain combatté gli Orchi ad Azanulbizar; la battaglia si trasformò in un massacro. Thrain fu storpiato, mentre il giovane Dain Piediferro decapitò Azog. La vittoria arrise ai Nani, ma non fu una vittoria da festeggiare. I morti erano innumerevoli, non vi era tempo per erigere un simile numero di tombe in pietra. Così i superstiti spogliarono i loro morti, prima di bruciarli su immensi roghi; per alimentarli i Nani disboscarono l'intera valle di Azanulbizar. Thrain non entrò nell'avita dimora, dietro consiglio di Dain.

« [...] "Al di là dell'ombra il Flagello di Durin è in agguato. Il mondo dovrà cambiare e qualche altro potere dovrà sopraggiungere prima che il popolo di Durin varchi di nuovo la soglia di Moria." »

Un tentativo importante per riconquistare Moria venne fatto da Balin, un nano amico di Bilbo Baggins, che guidando un gruppo di consanguinei rientrò a Moria e si proclamò re. Il tentativo fallì e tutti i nani vennero uccisi come si deduce dal libro che viene trovato vicino alla tomba di Balin dalla Compagnia dell'Anello durante il suo attraversamento delle miniere.

La profezia di Dain si avverò solo poco dopo il passaggio della Compagnia dell'Anello: quasi alla fine del loro viaggio nell'oscurità, infatti, la compagnia fu attaccata dagli orchi e dallo stesso Barlog, che precipitò insieme a Gandalf nell'abisso del ponte durante. Il duello continuò tuttavia nelle viscere delle montagne, per poi proseguire nella Scala Infinita e nella Torre di Durin, dove Gandalf sconfisse il suo nemico e gettò la sua carcassa contro il fianco di Zirakzigil. La battaglia prese il nome di "Battaglia del Picco".

Quarta Era[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del Balrog ad opera di Gandalf il Grigio, secoli dopo l'inizio della Quarta Era, il re Durin VII (discendente da Thorin III Elminpietra) riportò il suo popolo a Moria, ritrovando quanto rimaneva delle immense ricchezze di Khazad-Dum. Darà inizio alla nuova ricerca dell'Ascia di Durin.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Le miniere di Moria si estendevano per quaranta miglia in linea d'aria dai cancelli occidentali a quelli orientali, sotto tre delle più alte vette delle Montagne Nebbiose e dell'intera Terra di Mezzo: Celebdil il bianco, Fanuidhol il grigio e il Caradhras. Non è nota la sua estensione in altezza, anche se doveva sicuramente essere molto elevata. La parte più antica, situata nel versante orientale delle montagne, era caratterizzata da ampi saloni cavernosi con pilastri scolpiti nella pietra dura con le sembianze di maestosi alberi. La parte più recente era situata nel versante opposto ed aveva, probabilmente, saloni meno ampi. Le vie di comunicazione più importanti all'interno delle miniere si potevano distinguere dalle altre perché più larghe e non avevano aperture ai lati. Negli abissi più profondi, nonostante i nani non vi avessero mai lavorato, vi erano delle gallerie scavate da 'esseri che rodono la terra, che persino Sauron non conosce, essendo più vecchi di lui, come riferito da Gandalf.

Cancelli occidentali[modifica | modifica wikitesto]

Le Porte di Durin, o cancelli occidentali, erano l'ingresso occidentale al regno di Khazad-dum. Furono costruiti nella Seconda Era, quando l'amicizia tra i Nani e gli Elfi dell'Eregion erano maggiori di quanto non lo fossero mai stati.

Furono costruiti da Elfi e Nani. Fu Narvi, forse il più grande artigiano dei Nani, a progettare e costruire i cancelli; Celebrimbor, Signore dell'Eregion, li decorò con l'ithildin: fu inciso l'emblema di Durin, un martello e un'incudine coronata con sette stelle, gli alberi gli Alti Elfi e la stella della Casa di Fëanor.

I cancelli furono progettati in modo che, dall'interno, bastasse una semplice spinta per aprirli. Un nano, tuttavia, avrebbe avuto bisogno dell'ausilio di un compagno per aprirli. Per questo, i nani tennero sempre una guardia nei pressi di essi, che avrebbe aiutato un nano ad uscire, o avrebbe fermato qualsiasi intruso volesse fuggire. Dall'esterno, nessun nano, elfo o uomo avrebbe potuto aprire le porte, se non a conoscenza della parola magica.

Le porte rimasero aperte per parecchi anni, con delle sentinelle che sedevano ai lati, per velocizzare il commercio tra i Nani di Khazad-dum e la gente di Celebrimbor. Ma furono chiuse dopo che l'Eregion fu distrutto dalla guerra tra Sauron e gli Elfi. Anche se le porte non sono più menzionate fino ai fatti antecedenti la Guerra dell'Anello, senza dubbio il Popolo di Durin avrà aperto e chiuso le porte numerose volte prima dell'arrivo del Balrog nel 1980 TE, quando Moria era ancora, seppur scarsamente rispetto al passato, popolata.

Quando la Compagnia passò nei pressi dei cancelli, trovò che le arti di Sauron avevano profondamente trasformato il luogo: il Sirannon (un torrente che passava nei pressi delle porte) era stato arginato e riempiva l'intera vallata antistante, apparendo come un cupo e malsano stagno. Quest'ultimo era abitato dall'Osservatore nell'Acqua, una creatura senza nome, strisciata fuori delle profondità delle montagne, che attacca la compagnia, prima che questa avesse varcato le soglie di Moria.

Sulla porta d'ingresso di Moria c'è scritto: « Ennyn Durin Aran Moria / Pedo mellon a minno » cioè « Le porte di Durin Signore di Moria / Di' amico ed entra ». Gandalf prova per lunghi istanti con varie parole e incantesimi; infine Gandalf intuisce che il significato della frase è « Di' "amico" ed entra » e non « Di', amico, ed entra », perciò la parola chiave è "mellon" che significa appunto "amico". Nell'adattamento cinematografico di Peter Jackson è Frodo ad avere quest'intuizione.

Camera di Marzabul[modifica | modifica wikitesto]

La Camera di Marzabul era, anticamente, la camera degli scritti del regno. Era situata in un corridoio della ventunesima sala dell'estremità Nord, in cui la luce del giorno penetrava da profondi pozzi. Durante il viaggio nell'oscurità, la Compagnia dell'Anello entrò nella camera, dove trovarono la tomba di Balin, che li aveva deciso di stabilire la sua dimora durante l'ultimo tentativo di riconquistare le miniere. Oltre all'ingresso principale, che dava nella ventunesima sala, vi era un'altra porta, più piccola, che dava su delle scale che conducevano ai saloni dell'antica moria. Nella camera si trovavano varie casse di legno, distrutte dagli orchi, e varie asce e scimitarre, segno di una disperata resistenza, e Gandalf rinvenne il Libro di Marzabul, un'epopea del popolo di Balin. Proprio durante la lettura di quest'ultimo, un gruppo di orchi proruppero nella ventunesima sala e diedero battaglia alla compagnia, che riuscì infine a scappare. Una parte o la totalità della camera venne distrutta dalla tensione causata dai contro-incantesimi del Balrog e di Gandalf, durante il tentativo di quest'ultimo di chiudere la porta con la magia.

Il Ponte di Khazad-dum[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte di Khazad-dûm era un esiguo ponte di pietra che attraversava una voragine per condurre ai cancelli orientale delle miniere. Il ponte era stato concepito con un'esigua larghezza per facilitare la difesa: qualsiasi esercito nemico avesse preso le sale e i corridoi esterni, avrebbe potuto camminare solo in fila indiana per raggiungere l'interno delle miniere, il che avrebbe facilitato il compito dei difensori nani ed impedire al nemico di penetrare. Il ponte crollò durante il duello fra il Balrog e Gandalf, che precipitarono nell'abisso.

Cancelli Orientali[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso principale di Khazad-dûm era situato ad est delle Montagne Nebbiose, dove si affacciava su Azanulbizar. Questo ingresso era conosciuto come il Cancello di Dimrill. Le grandi porte erano precedute da un ampio salone, con enormi colonne ed alte finestre che consentivano la penetrazione della luce del giorno. Prima della loro distruzione, sui cancelli erano incise rune di diverse lingue con divieti ed ammonimenti per chiunque avesse intenzione di entrare nel regno nanico senza l’autorizzazione del re. Dopo la fuga dei nani, i grandi cancelli giacevano a terra, rotti e consunti dalle intemperie. Nel corso dei secoli, tanti avvenimenti, più o meno importanti, si svolsero nei pressi di queste porte: davanti a queste si svolse la guerra fra nani ed orchi per vendicare Thror, la cui testa decapitata e sfregiata fu gettata proprio da quella porta alcuni anni prima. Gandalf entrò a Moria attraverso il cancello di Dimrill per cercare Thráin II, scomparso nel 2845. Anche Aragorn passò attraverso questo cancello durante uno dei suoi viaggi nella terra di mezzo. Gollum varcò il cancello nell’agosto 3018 con lo scopo di raggiungere i cancelli occidentali per poi dirigersi verso la contea. Dopo il duello sul ponte di Khazad-dûm e la caduta nel baratro di Gandalf, Aragorn portò il resto della compagnia fuori dalle miniere attraverso questo cancello.

L'Interminabile Scala[modifica | modifica wikitesto]

L'Interminabile Scala partiva dall’abisso più basso delle miniere e terminava nella vetta di Celebdil. I nani dubitavano della sua esistenza, considerandola una leggenda, ma Gandalf confermò la sua esistenza a Gimli durante il racconto del suo duello con il Flagello di Durin, che, tra l’altro, causò la distruzione della parte superiore di esse. L'altezza della scala non è nota, ma Gandalf disse di essere salito per molte migliaia di passi in una spirale ininterrotta. La scala avrebbe dovuto avere proporzioni veramente colossali, infatti essa parte da abissi sconosciuti persino ai nani per condurre fino ad una delle più alte vette della Terra di Mezzo.

Moria nel viaggio della Compagnia dell'Anello[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La Compagnia dell'Anello (romanzo).

Durante il viaggio verso sud, Moria diviene per la Compagnia dell'Anello l'unico percorso possibile per attraversare le montagne: la breccia di Rohan è troppo vicina a Isengard e le terre lungo il mare sono sorvegliate; infine, il passo del Caradhras, la via proposta da Aragorn, si presenta subito ostile e pericolosa: la Compagnia è aggredita da una terribile tempesta di neve, certamente provocata da qualche malvagia volontà, che riduce all'impotenza gli hobbit e costringe i viaggiatori a tornare indietro. Dopo l'ascesa, non senza difficoltà, dal Caradhras, Gandalf riunisce la compagnia in consiglio e suggerisce l'attraversamento delle miniere, nonostante l'iniziale riluttanza della maggior parte dei viandanti.

Dopo un'incursione da parte di un branco di lupi, respinta dalle arti magiche di Gandalf, la Compagnia giunge alle porte occidentali delle miniere: chiuse e dimenticate, esse sono situate in una profonda gola montagnosa invasa da un lago oscuro e limaccioso creato artificialmente con l'ostruzione delle acque del fiume Sirannon, il Rivo del Cancello. L'apertura delle porte si rivela però più complessa del previsto, essendo porte magiche, che rispondono solo a parole segrete ormai dimenticate. Dopo ore di tentativi, Gandalf riesce a decifrare l'enigma delle porte (la cui parola-chiave è nascosta nell'iscrizione «Di' "amico" ed entra»), ma nello stesso istante in cui le porte si spalancano, dalle profondità dell'oscuro lago emergono dei tentacoli, che si avvinghiano alla gamba di Frodo. Dopo che lo hobbit è sottratto al mortale pericolo e tutti si sono posti in salvo oltre l'ingresso delle miniere, l'Osservatore nell'Acqua avvinghia i battenti delle porte e li chiude rovinosamente alle spalle dei fuggiaschi, che non hanno altra scelta che proseguire.

Un viaggio nell'oscurità[modifica | modifica wikitesto]

Per decine di miglia, Gandalf guida alla luce del suo magico bastone i viaggiatori per l'immensa città sotterranea dei nani, composta da un labirinto oscuro e pericoloso di scale, corridoi, sale disabitate disseminate di crepacci e trappole appositamente create per la difesa dagli invasori. Per esorcizzare il desolante silenzio, Pipino fa cadere un sasso in un profondo pozzo oscuro, con grande disappunto di Gandalf: dalle profondità della terra giunge un inquietante martellio, come un segnale, che ben presto, però, si perde nell'eco, tranquillizzando i nove viandanti. Dopo aver superato il primo serio scacco, quello di scegliere la via giusta, la compagnia si incammina verso la ventunesima sala dell'estremità nord, giungendovi a notte fonda. In questi luoghi, secondo Gandalf, grazie a profondi pozzi, era possibile vedere la luce del giorno. Durante il suo turno di guardia, a Frodo pare di scorgere due occhi gialli e pallidamente illuminati che lo spiano da lontano.

A fianco del salone, la Compagnia trova la Camera di Mazarbul, un vano fiocamente illuminato da un pozzo aperto verso il cielo, al cui centro giace la tomba di Balin, signore di Moria. È così che Gandalf e Gimli apprendono del fallimento dell'ultimo tentativo dei nani di reimpadronirsi del loro reame.

Il Ponte di Khazad-dûm[modifica | modifica wikitesto]

Nella Camera di Mazarbul i viaggiatori si attardano a leggere il diario degli ultimi giorni di vita della guarnigione di Balin, quando improvvisamente il battito di tamburi già udito in precedenza e momentaneamente assopitosi, rompe nuovamente il silenzio, facendosi rapidamente sempre più vicino. Dalla parte del salone centrale giunge un violento attacco di orchi, capeggiati da un gigantesco troll di caverna. La resistenza è accanita e serrata, e i nemici vengono sbaragliati facilmente, ma Frodo è colpito da un violento colpo di lancia, che lo lascia a terra come morto, rialzandosi poco dopo con grande sorpresa di tutti. La compagnia cerca di fuggire da una uscita secondaria, cercando di serrare la porta alle loro spalle, quando sopraggiunge un nuovo nemico, in grado di forzarla con la sola volontà. Con grande sforzo, Gandalf riesce a tenere bloccata la porta, ma la tensione è tale che la camera di Marzabul crolla, lasciando Gandalf stesso debole e quasi cieco. Incomincia la fuga disperata verso l'uscita est di Moria. Ancora guidati da un esausto Gandalf, i viaggiatori sbucano nell'ultimo salone, nel cui centro percorso da un'immensa voragine si alzano delle fiamme, e da lì, poco dopo, emerge il Balrog. La Compagnia si avventa sul ponte portandosi all'estremità opposta, mentre Gandalf, cerca di opporre resistenza al nemico, riuscendo a frantumare con la magia il sottile ponte di pietra sotto i piedi del Balrog: questi precipita nell'oscurità, ma prima di scomparire avvinghia con la sua frusta le ginocchia di Gandalf, che cade così con esso nelle immense profondità della terra. Gandalf è caduto, ma i suoi compagni sono salvi e possono correre, benché accecati dalle lacrime, fuori dalle miniere.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Nel film d'animazione di Ralph Bakshi, le miniere di Moria appaiono come un'interminabile labirinto fatto di archi, scale, e crepacci. Essendo una pellicola animata, i colori usati non danno l'idea dell'oscurità come nel libro o negli altri adattamenti. Nella trasposizione cinematografica di Peter Jackson, il regista neozelandese si è sostanzialmente basato sulle illustrazioni di Alan Lee, con la differenza che, a parte il Ponte, l'architettura è interamente costituita da poligoni, e non contiene minimamente curve.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Sulle miniere di Moria è anche basato un vecchio gioco in stile Rogue. Lo scopo del gioco è di raggiungere il fondo di un labirinto delle miniere e uccidere il Balrog. A questo gioco si sono ispirati anche altri videogiochi, come Angband e Diablo. Le miniere sono presenti anche sul gioco da tavolo de Il Signore degli Anelli, ideato da Reiner Knizia. La prima espansione al gioco MMORPG Lord of the rings Online è intitolato proprio Mines of Moria, contenente numerosi livelli ambientati in varie parti delle miniere, come l'Interminabile Scala, il Ponte di Kazad-dum e i vari cancelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J. R. R. Tolkien, Il Signore degli Anelli, Bompiani, 2002, p. 1298. ISBN 88-452-9005-0.
Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien