Morgante (poema)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morgante
Luigi Pulci by Giuseppe Benaglia.jpg
ritratto di Luigi Pulci
Autore Luigi Pulci
1ª ed. originale 1478
Genere poema
Lingua originale italiano

Il Morgante è il poema più importante di Luigi Pulci. L'opera, in 28 cantàri (o canti) in ottave, è costituito da due parti: la prima, in 23 cantari, edita nel 1478, sembra seguire da vicino la narrazione di un cantare popolaresco dell'epoca, l'Orlando, scoperto da Pio Rajna nel 1868 e contenuto nel manoscritto Mediceo Palatino 78 della Biblioteca Laurenziana di Firenze; la seconda, in 5 cantari, apparsa nel 1483, prende spunto dalla materia di un altro poemetto, La Spagna, ed è incentrata sulla rotta di Roncisvalle. La derivazione del Morgante dalla sua supposta fonte, l'Orlando, sebbene in un primo tempo accolta unanimemente dagli studiosi, è stata recentemente messa in dubbio da Paolo Orvieto, che ha portato valide motivazioni in sostegno della tesi che considera l'Orlando una derivazione dal Morgante e non viceversa.

È un poema comico, la trama procede per colpi di scena, predomina una gran fantasia animata da spirito burlesco, talvolta spregiudicato, espresso in un linguaggio pungente tipico dei cantari popolari, ossia componimenti cavallereschi del '400 e '500 accompagnati dalla musica destinati ad una esecuzione in pubblico (basti pensare per esempio agli aedi in Antica Grecia).

Il titolo di Morgante fu imposto a furor di popolo, come si desume dal lungo titolo imposto all'edizione del 1481, proprio per il dirompente successo riscosso dall'inedita figura del gigante convertito, sebbene la maggior parte del poema abbia per oggetto le peripezie dei paladini della corte carolingia.

Fu iniziato per sollecitazione di Lucrezia Tornabuoni (madre di Lorenzo il Magnifico): ella avrebbe desiderato dal Pulci un poema cavalleresco, in linea con la tendenza alla rifeudalizzazione che in quel tempo era presente in Firenze. Il poeta invece dimentica ben presto l'impegno epico e scrive una parodia del poema cavalleresco.

Pulci non perde l'occasione per attaccare il suo nemico, Marsilio Ficino, identificandolo con quel Marsilio che d'accordo con Gano farà cadere i due eroi nell’imboscata.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Orlando e il suo compare si recano in Pagania (in Asia e in Egitto), fra gli infedeli musulmani. Orlando capita in un convento minacciato da tre giganti, e dopo averne uccisi due converte il terzo al cristianesimo, proprio Morgante, che diverrà il suo scudiero. Dopo un rapido susseguirsi di peripezie e avventure d’ogni genere, sapendo che Carlo Magno è in difficoltà, Orlando e Rinaldo tornano in Francia per aiutarlo, trasportati da due demoni. Ma nella gola di Roncisvalle, per tradimento del perfido Gano, sono accerchiati dai saraceni e successivamente vengono uccisi. Il re Carlo scopre il tradimento e condanna Gano ad essere squartato. Altra figura che compare nel poema in ottava rima è Margutte, il "gigante nano" (cosiddetto per la sua statura di "soli" 4 metri, a differenza dei tradizionali 8 degli altri giganti del poema), anch'egli soggetto pseudo-eroico come Morgante. Entrambi, dopo epiche e ardue imprese, risultano essere una parodia della tradizione cavalleresca e del ciclo carolingio in quanto muoiono in maniera del tutto banale (Morgante muore per una puntura di granchio; Margutte "scoppia" letteralmente dal ridere dopo aver visto i suoi stivali rubati da una bertuccia che per gioco se li mette e se li leva).

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il motore del poema risulta Gano, descritto come un folle che non fa altro che progettare congiure; Carlo Magno sembra un vecchio rimbambito che condanna e poi perdona Gano senza motivo. La vena burlesca del poeta si anima soprattutto a contatto con i personaggi prediletti: Morgante, gigante di proporzioni ma fanciullo di sentimenti, e Margutte, mezzo-gigante scaltro d'ingegno, spavalda incarnazione di un mondo furfantesco, irridente di ogni limite religioso e morale, divertita e originale creazione del poeta, ma anche raffigurazione estrosa del suo temperamento anticonformista e provocatorio. Astarotte invece è un demone (manifestazione del diavolo) colto che tratta argomenti teologici e scientifici. Creazione originale del poeta, è in antitesi col gusto burlesco del poema: rappresenta la volontà di sradicare le concezioni medievali e di liberarsi dalle credenze medievali. Espone alcune teorie che sono le stesse del Pulci nella realtà e incarna la curiosità umana, il gusto della scoperta.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Pulci segue la sinuosità di un narrare avventuroso, privo di un centro ideale, propria di un modello popolaresco, dentro il quale si proietta, con gusto ben altrimenti educato, l'estro comico e bizzarro di Pulci e soprattutto la sua inesauribile vivacità linguistica. La prima parte è più burlesca, libera e spregiudicata nello stile e nella struttura; la seconda parte invece è nettamente di tono più serio, incentrata sulle vicende eroiche dei paladini e sulla morte di Orlando. Pulci è indifferente, o comunque scarsamente commosso, da buon borghese fiorentino, per l'eroismo cristiano e cavalleresco dei tradizionali campioni della fede, è un poeta rigido quando si sforza di essere serio. Sa però ambientare e orchestrare situazioni di tono comico o dimesso col suo linguaggio allusivo e motteggiatore di impasto popolare. La struttura del poema non si delinea affatto regolare, piuttosto si configura come una sorta di "zibaldone" composto da una serie di scene che si susseguono quasi un flusso di pensieri in maniera casuale e caotica; anche da questi elementi è possibile rintracciare la natura popolaresca dell'Orlando da cui il Pulci trae ispirazione per questo suo poema. Lo stile ed il linguaggio, quanto il disegno delle vicende stesse, è soggetto alla mutevolezza nonché a questa molteplicità variegata, combinando termini dialettali prettamente toscani, umili, bassi e talvolta scurrili assieme all'enfasi di un linguaggio alto e letterario oppure vocaboli scientifici; l'obiettivo della parola è quello di essere d'impatto, di violenta espressività, di rappresentare al meglio i continui cambiamenti di toni del poemetto. Insomma, Pulci estremizza quello sperimentalismo linguistico che era inteso a demolire un linguaggio unilinguistico petrarchesco (e ripreso da Poliziano) molto amato dai rinascimentali per contrapporre un filone tematico maggiormente prossimo alle istanze borghesi e popolari. Pulci si era anche avvicinato ai testi delle dottrine di Averroé, al misticismo della cabala ebraica, alle scienze occulte così come aveva dimostrato di non credere troppo ai miracoli narrati nella Bibbia, all'immortalità dell'anima, al dogma della Trinità. A tal proposito il diavolo Astarotte professa grande tolleranza religiosa e afferma che a Dio piace ogni religione purché accolta in modo sincero e osservata fedelmente. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Natalino Sapegno, Compendio di storia della letteratura italiana, ed. La Nuova Italia, Firenze, 1982, vol. 1, pag. 294.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morgante, ed. Franca Ageno, (Mondadori, 1994)
  • Morgante: The Epic Adventures of Orlando and His Giant Friend (Morgante: le avvenure epiche di Orlando e del suo amico gigante), traduzione inglese di Joseph Tusiani. Note e introduzione di Edoardo Lebano. (Tipografia Indiana University, 1998)
  • Massimo Colella, L'episodio del liocorno: un'impresa 'eroicomica' nel pellegrinaggio gastronomico di Morgante e Margutte (Morgante, XVIII, 188-200), in 'Studi Rinascimentali', 11, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura