Morelia spilota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pitone tappeto
Morelia spilota.jpg
Morelia spilota
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Pythonidae
Genere Morelia
Specie M. spilota
Nomenclatura binomiale
Morelia spilota
Lacépède, 1804
Sinonimi

Coluber spilotus, Morelia argus, Morelia metcalfei, Morelia variegata, Python perronii, Python punctatus, Python spilotes

Sottospecie
  • Morelia spilota cheynei
  • Morelia spilota imbricata
  • Morelia spilota mcdowelli
  • Morelia spilota metcalfei
  • Morelia spilota spilota
  • Morelia spilota variegata

Il Pitone tappeto (Morelia spilota) è un serpente della famiglia dei Pythonidae, molto comune in Australia[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Una caratteristica comune a ogni sottospecie è un appariscente disegno della livrea, costituito da segni irregolari, che possono essere color marrone, marrone-rossiccio, grigio o nero, disposti su sfondi diversi.Mangia normalmente numbat.

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Sono classificate 6 sottospecie[2]:

  • Morelia spilota cheynei
  • Morelia spilota imbricata
  • Morelia spilota mcdowelli
  • Morelia spilota metcalfei
  • Morelia spilota spilota
  • Morelia spilota variegata

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I pitoni tappeto, attivi di giorno come di notte, sempre alla ricerca di lucertole, uccelli e piccoli mammiferi. Come gli altri pitoni, non sono velenosi, eppure infliggono morsi dolorosi. Le femmine depongono nidiate di anche 50 uova fra resti fermentari di vegetazione o in tronchi cavi e le circondano con le proprie spire fino alla schiusa.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Lo si può trovare in una varietà di ambienti insolitamente ampia[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Morelia spilota in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b The European Molecular Biology Laboratory Reptile Database.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili