Moonacre - I segreti dell'ultima luna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moonacre - I segreti dell'ultima luna
Titolo originale The Secret of Moonacre
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, Francia, Ungheria
Anno 2008
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, fantastico
Regia Gábor Csupó
Soggetto Elizabeth Goudge
Sceneggiatura Graham Alborough, Lucy Shuttleworth
Distribuzione (Italia) Moviemax
Fotografia David Eggby
Montaggio Julian Rodd
Musiche Christian Henson
Scenografia Sophie Becher
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Moonacre - I segreti dell'ultima luna è un film del 2008 diretto da Gábor Csupó, adattamento cinematografico del romanzo fantasy della scrittrice gallese Elizabeth Goudge Moonacre - I segreti dell'ultima luna (The Secret of Moonacre).

Protagonista del film è la giovane Dakota Blue Richards, già protagonista del fantasy La bussola d'oro, anche il regista Gabor Csupo ha precedentemente diretto un fantasy, Un ponte per Terabithia.

Il film è stato distribuito in Italia il 12 giugno 2009.

Trama[modifica | modifica sorgente]

1842. In seguito alla morte del padre e della madre la tredicenne Maria Merryweather va a vivere assieme alla sua istitutrice, miss Heliotrope, da suo zio, sir Benjamin Merryweather. Lo zio abita in una valle il cui nome è Moonacre. Durante il viaggio Maria e la sua istitutrice vengono attaccate da una banda di ragazzi mascherati, uno dei quali viene ferito da Maria e si scoprirà essere Robin De Noir. Purtroppo sir Benjamin si rivela ottuso, introverso e riservato: questo intralcia subito il rapporto con Maria, adolescente impulsiva, coraggiosa, testarda e ribelle. Tutto ciò si complica ancora di più quando lo zio le sequestra un libro, unica eredità lasciatale dal padre: "Le antiche cronache della valle di Moonacre". Maria, intenzionata a riprenderlo, riesce a recuperarlo con l'aiuto del cuoco, Marmaduke Scarlett.

Grazie alla lettura del libro, Maria scopre un fatto inquietante: la valle dove risiede è stata maledetta. Maria scopre di essere la prescelta, la nuova Principessa, e che dovrà ritrovare le perle, ormai andate perdute, prima della cinquemillesima Luna. Se lei fallirà, l'intera valle verrà distrutta.

Per compiere questa ardua impresa, la giovane crede di non poter contare sullo zio: la sua ipotesi diventa certezza quando sir Benjamin sembra intralciarla ponendole vari divieti, tra cui quello di non entrare nella foresta circostante la valle. Proprio qui, invece, la giovane Maria troverà un alleato molto improbabile: Robin De Noir. Tra i due da prima nascerà un rapporto conflittuale che poi si trasformerà in amore e la aiuterà a trovare le perle nascoste Oltre a lui però, un'altra De Noir l'aiuterà nella sua missione: la bella quanto misteriosa Loveday, che si dimostrerà leale verso Maria, e si scoprirà in seguito essere l'ex fidanzata del burbero sir Benjamin. Grazie al coraggio di Robin la ragazza viene portata al luogo dove presume siano le perle, le recupera ma per poter salvare la valle le due famiglie si dovranno ricongiungere. Questo non accadrà e la giovane dovrà buttarsi giù dall'antica rupe dove tutto ebbe inizio molti secoli orsono. Sembra tutto finito, una grossa onda avanza per travolgere la valle, ma la ragazza dal cuore puro viene riportata a terra da una mandria di cavalli bianchi che la salverà. La maledizione viene rotta e sir Benjamin finalmente potrà sposarsi con Loveday.

Romanzo[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo da cui è tratto il film è stato pubblicato per la prima volta nel 1946 con il nome "Il cavallino bianco", nello stesso anno vinse la Carnegie Medal per la letteratura per bambini. La scrittrice J. K. Rowling ha più volte affermano che il romanzo della Goudge è il suo preferito fin da bambina e che è stato proprio questo a darle l'ispirazione per la celeberrima saga di Harry Potter.[1]

In concomitanza con l'uscita del film il romanzo è stato ripubblicato da Rizzoli usando lo stesso titolo del film.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda, moviemax.it. URL consultato il 21-06-2009.
  2. ^ Moonacre - I segreti dell'ultima luna, rizzoli.rcslibri.corriere.it. URL consultato il 21-06-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema