Moody Blue (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moody Blue
Artista Elvis Presley
Tipo album Singolo
Pubblicazione dicembre 1976
Durata 2:53
Album di provenienza Moody Blue
Dischi 1
Tracce 2
Genere Country rock
Etichetta RCA Records
Produttore Felton Jarvis
Elvis Presley - cronologia
Singolo precedente
Hurt
(1976)
Singolo successivo
(1977)

Moody Blue è il titolo di un brano musicale composto da Mark James[1] ed eseguito da Elvis Presley. È la title track dell'omonimo album di Presley del 1977.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Pubblicata come singolo, la canzone divenne l'ultimo numero 1 in classifica di Presley in vita, raggiungendo negli Stati Uniti la vetta della classifica di Billboard Hot Country Singles nel febbraio 1977.[2] Moody Blue raggiunse anche la posizione numero 31 nella classifica Billboard Hot 100.[3] La RCA Records pubblicò anche una serie limitata di copie del singolo Moody Blue in vinile blu traslucido, con il brano She Thinks I Still Care come B-side. Sei mesi dopo l'ingresso in classifica di Moody Blue, Presley morì.

Il brano venne registrato nel febbraio 1976 nello studio casalingo costruito nella "Jungle Room" di Graceland, la residenza di Presley.

L'ultima occasione nella quale Elvis interpretò la canzone dal vivo in concerto fu il 21 febbraio 1977, a Charlotte, North Carolina.

Tracce singolo[modifica | modifica sorgente]

  1. Moody Blue - 2:53
  2. She Thinks I Still Care - 3:54

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Classifiche (1976–1977) Posizione
più alta
U.S. Billboard Hot Country Singles 1
U.S. Billboard Hot 100 31
U.S. Billboard Hot Adult Contemporary Tracks 2
Canadian RPM Country Tracks 3
Canadian RPM Top Singles 57
Canadian RPM Adult Contemporary Tracks 2

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Moody Blue in Allmusic, 21 giugno 2007.
  2. ^ Joel Whitburn, The Billboard Book Of Top 40 Country Hits: 1944-2006, Second edition, Record Research, 2004, p. 273.
  3. ^ Joel Whitburn, The Billboard Book of Top 40 Hits: Eighth Edition, Record Research, 2004, p. 504.