Monumenti storici dell'antica Kyoto (città di Kyoto, Uji ed Ōtsu)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Monumenti storici dell'antica Kyoto (città di Kyoto, Uji e Otsu)
(EN) Historic Monuments of Ancient Kyoto (Kyoto, Uji and Otsu Cities)
Kinkaku3402CBcropped.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1994
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

I monumenti storici dell'antica Kyoto (città di Kyoto, Uji e Ōtsu) comprendono 17 siti in Giappone; sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1994 e sono situati in 3 diverse città: Kyoto, Uji (nella prefettura di Kyōto) ed Ōtsu (nella prefettura di Shiga). Di questi monumenti, 13 sono templi buddhisti, 3 sono santuari shintoisti ed 1 è un castello. La lista di beni include 38 edifici indicati dal governo giapponese come Patrimonio nazionale del Giappone, 160 definiti Importanti proprietà culturali del Giappone, 8 giardini come Luoghi di particolare bellezza paesaggistica e 4 come Luoghi di grande bellezza naturalistica.

Criteri di selezione[modifica | modifica wikitesto]

Kyoto ha un patrimonio culturale incredibilmente consistente, a differenza di altre città giapponesi che hanno perso edifici a causa di invasioni straniere o di guerre, ed ha la più alta concentrazione di beni culturali del Giappone. Anche se devastata da guerre, incendi e terremoti nel corso dei suoi undici secoli come capitale imperiale, Kyoto è stata graziata dalle distruzioni della seconda guerra mondiale; fu infatti risparmiata dai bombardamenti alleati effettuati sulle grandi città giapponesi per preservarla integra ed utilizzarla come possibile bersaglio di un attacco nucleare. Successivamente fu rimossa dalla lista degli obiettivi della bomba atomica (nella quale appariva all'inizio) grazie al personale intervento del segretario di stato per la guerra Henry L. Stimson, che si impose per salvare un centro culturale di tale importanza, conosciuto durante la propria luna di miele e nelle successive visite diplomatiche (fu quindi sostituita da Nagasaki)[1].

Le 17 località del Patrimonio Mondiale dell'Umanità hanno origine in un periodo compreso tra il X ed il XIX secolo, e ciascuna è fortemente rappresentativa del periodo in cui fu costruita. L'importanza storica della regione di Kyoto è stata tenuta in considerazione dall'UNESCO nel processo di selezione[2].

Elenco delle località[modifica | modifica wikitesto]

Nome Tipologia Posizione Immagine
Santuario di Kamowakeikazuchi (賀茂別雷神社 Kamo Wake-ikazuchi Jinja?) o
Santuario di Kamigamo (上賀茂神社 Kamigamo Jinja?)
shrineSantuario shintoista Kyoto Kyoto Kita-kuKita-ku, Kyoto, 35°03′37″N 135°45′10″E / 35.060278°N 135.752778°E35.060278; 135.752778 (Kamigamo Shrine) Kamo-wakeikazuchi-jinja12n4272.jpg
Santuario di Kamomioya ( 賀茂御祖神社 Kamo Mioya Jinja?) o
Santuario di Shimogamo (下鴨神社 Shimogamo Jinja?)
shrineSantuario shintoista Kyoto Kyoto Sakyou-kuSakyō-ku, Kyoto, 35°02′20″N 135°46′21″E / 35.038889°N 135.7725°E35.038889; 135.7725 (Shimogamo Shrine) Shimogamo Shrine gate 2973645 c325c328e4 o.jpg
Kyōōgokoku-ji (教王護国寺?) o
Tō-ji (東寺?)
temple ShingonTempio buddhista Shingon Kyoto Kyoto Minami-kuMinami-ku, Kyoto, 34°58′51.48″N 135°44′48.02″E / 34.980967°N 135.746672°E34.980967; 135.746672 (Tō-ji) Japan 2006 - Kyoto - Toji Pagoda.JPG
Kiyomizu-dera (清水寺?) temple IndependentTempio buddhista indipendente Kyoto Kyoto Higashiyama-kuHigashiyama-ku, Kyoto, 34°59′41.39″N 135°47′06.01″E / 34.994831°N 135.785003°E34.994831; 135.785003 (Kiyomizu-dera) Kiyomizu-dera in Kyoto-r.jpg
Enryaku-ji (延暦寺?) temple TendaiTempio buddhista Tendai Shiga OotsuŌtsu, Shiga, 35°04′13.62″N 135°50′27.33″E / 35.07045°N 135.840925°E35.07045; 135.840925 (Enryaku-ji) Enryakuji Konponchudo04n4272.jpg
Daigo-ji (醍醐寺?) temple ShingonTempio buddhista Shingon Kyoto Kyoto Fushimi-kuFushimi-ku, Kyoto, 34°57′03.57″N 135°49′10.51″E / 34.950992°N 135.819586°E34.950992; 135.819586 (Daigo-ji) Daigoji Kyoto01s5s4110.jpg
Ninna-ji (仁和寺?) temple ShingonTempio buddhista Shingon Kyoto Kyoto Ukyou-kuUkyō-ku, Kyoto, 35°01′51.63″N 135°42′49.58″E / 35.031008°N 135.713772°E35.031008; 135.713772 (Ninna-ji) Ninnaji -garden.jpg
Byōdō-in (平等院?) temple Jodo shu TendaiTempio buddista gestito congiuntamente da Jōdo shū e Tendai Kyoto UjiUji, Kyoto, 34°53′21.45″N 135°48′27.69″E / 34.889292°N 135.807692°E34.889292; 135.807692 (Byōdō-in) Byodoin Phoenix Hall Uji 2009.jpg
Santuario di Ujigami (宇治上神社 Ujigami Jinja?) shrineSantuario shintoista Kyoto UjiUji, Kyoto, 34°53′31″N 135°48′41″E / 34.891944°N 135.811389°E34.891944; 135.811389 (Ujigami Shrine) Ujigami jinja01 2816.jpg
Kōzan-ji (高山寺?) temple ShingonTempio buddhista Shingon della scuola Omuro-ha Kyoto Kyoto Ukyou-kuUkyō-ku, Kyoto, 35°03′36.39″N 135°40′42.85″E / 35.060108°N 135.678569°E35.060108; 135.678569 (Kōzan-ji) Kozanji Kyoto Kyoto11s5s4592.jpg
Saihō-ji (西芳寺?) o Koke-dera (苔寺?) temple RinzaiTempio buddhista Zen Rinzai-shū Kyoto Kyoto Nishikyou-kuNishikyō-ku, Kyoto, 34°59′31.06″N 135°40′59.93″E / 34.991961°N 135.683314°E34.991961; 135.683314 (Saihō-ji) Saihouji-kokedera01.jpg
Tenryū-ji (天龍寺?) temple Rinzai TenryuTempio buddhista Zen Rinzai-shu della scuola Tenryū Kyoto Kyoto Ukyou-kuUkyō-ku, Kyoto, 35°00′57.47″N 135°40′25.58″E / 35.015964°N 135.673772°E35.015964; 135.673772 (Tenryū-ji) Tenryu-Ji Garden.jpg
Rokuon-ji (鹿苑寺?) o Kinkaku-ji (金閣寺?) temple RinzaiTempio buddhista Zen Rinzai-shu Kyoto Kyoto Kita-kuKita-ku, Kyoto, 35°02′21.85″N 135°43′45.71″E / 35.039403°N 135.729364°E35.039403; 135.729364 (Kinkaku-ji) Kinkaku-ji best.jpg
Jishō-ji (慈照寺?) o Ginkaku-ji (銀閣寺?) temple RinzaiTempio buddhista Zen Rinzai-shu Kyoto Kyoto Sakyou-kuSakyō-ku, Kyoto, 35°01′36.75″N 135°47′53.7″E / 35.026875°N 135.79825°E35.026875; 135.79825 (Ginkaku-ji) Ginkakuji Temple mars 2009 053.jpg
Ryōan-ji (Shinjitai: 竜安寺, Kyūjitai: 龍安寺? Il tempio del drago pacifico) temple Rinzai MyoushinjiTempio buddhista Zen Rinzai-shu della scuola Myōshinji Kyoto Kyoto Ukyou-kuUkyō-ku, Kyoto, 35°02′04.18″N 135°43′05.71″E / 35.034494°N 135.718253°E35.034494; 135.718253 (Ryōan-ji) RyoanJi-Dry garden.jpg
Nishi Hongan-ji (西本願寺?) temple Jodo ShinshuTempio buddhista Jodo Shinshu Kyoto Kyoto Shimogyou-kuShimogyō-ku, Kyoto, 34°59′31.37″N 135°45′05.81″E / 34.992047°N 135.751614°E34.992047; 135.751614 (Nishi Hongan-ji) Hiunkaku Nishi Honganji.jpg
Castello Nijō (二条城 Nijō-jō?) castleCastello Kyoto Kyoto Nakagyou-kuNakagyō-ku, Kyoto, 35°00′50.96″N 135°44′51″E / 35.014156°N 135.7475°E35.014156; 135.7475 (Nijō Castle) Nijo-jo Ninomaru-goten 2009.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HyperHistory.net, Henry Lewis Stimson, 22 dicembre 2009. URL consultato il 20 giugno 2011.
  2. ^ ICOMOS, Advisory Body Evaluation (PDF), 28 settembre 1993. URL consultato il 20 giugno 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Lodi, Kyoto nei periodi Muromachi e Momoyama 1334-1600, Il padiglione d'oro e il padiglione d'argento. in Le capitali del Giappone, 2ª ed., ilmiolibro.it, 2014, ISBN 978-88-910-8155-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]