Monti del Dachstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monti del Dachstein
Continente Europa
Stati Austria Austria
Catena principale Alpi del Salzkammergut e dell'Alta Austria (nelle Alpi)
Cima più elevata Hoher Dachstein (2.995 m s.l.m)

I Monti del Dachstein sono una sottosezione[1] delle Alpi del Salzkammergut e dell'Alta Austria. La vetta più alta è l'Hoher Dachstein che raggiunge i 2.955 m s.l.m..

Si trovano in Austria (Salisburghese, Alta Austria e Stiria).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I Monti del Dachstein secondo l'AVE sono individuati dal numero 14.

Secondo la SOIUSA i Monti del Dachstein sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

Secondo la Partizione delle Alpi sono parte delle Alpi Salisburghesi.

Secondo l'AVE costituiscono il gruppo n. 14 di 75 nelle Alpi Orientali.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Si suddividono in tre supergruppi, nove gruppi e ventiquattro sottogruppi[2]:

  • Gruppo del Gosau (A)
    • Costiera del Gosau (A.1)
      • Mützenstock (A.1.a)
      • Gruppo del Großwand (A.1.b)
      • Gruppo del Wasserkar (A.1.c)
      • Gruppo del Mandlkogel (A.1.d)
      • Gruppo dell'Angerstein (A.1.e)
      • Gruppo dello Strichkogel (A.1.f)
      • Gruppo del Donnerkogel (A.1.g)
      • Gruppo del Zwieselalm (A.1.h)
    • Gosaustein (A.2)
  • Gruppo del Dachstein (B)
    • Gruppo del Dachstein in senso stretto (B.3)
      • Gruppo dell'Eiskarl (B.3.a)
      • Catena principale del Dachstein (B.3.b)
      • Schneebergwandgrat (B.3.c)
      • Catena del Kreuz (B.3.d)
      • Schreiberwandgrat (B.3.e)
      • Gruppo Ochsenkogel-Grünberg (B.3.f)
        • Costiera dell'Ochsenkogel (B.3.f/a)
        • Gruppo del Grünberg (B.3.f/b)
      • Gruppo dell'Hoßwand (B.3.g)
      • Gruppo del Gjaidstein (B.3.h)
        • Massiccio del Gjaidstein (B.3.h/a)
        • Costiera Zwölferkogel-Hirlatz (B.3.h/b)
      • Gruppo dello Scheichenspitz (B.3.i)
    • Catena Schwarzkogel-Plassen (B.4)
      • Gruppo dello Schwarzkogel (B.4.a)
      • Massiccio del Plassen (B.4.b)
    • Catena Sinabell-Krippenstein-Speikberg (B.5)
      • Catena Sinabell-Mierberg (B.5.a)
      • Catena Modestein-Krippenstein-Speikberg (B.5.b)
    • Massiccio del Sarstein (B.6)
  • Gruppo del Kemet (C)
    • Catena Stoderzinken-Zinkenkogel-Kammspitze (C.7)
      • Catena dello Stoderzinken (C.7.a)
      • Catena Zinkenkogel-Rauer Koppen-Hochstube (C.7.b)
      • Catena del Kammspitze (C.7.c)
    • Oblarner Mitterberg (C.8)
    • Grimmingstock (C.9)

Vette principali[modifica | modifica wikitesto]

Vista dei Monti del Dachstein.
  • Hoher Dachstein, 2 995 m
  • Torstein, 2 948 m
  • Mitterspitz, 2 925 m
  • Koppenkarstein, 2 863 m
  • Hoher Gjaidstein, 2 792 m
  • Hunerkogel, 2 694 m
  • Scheichenspitze, 2 667 m
  • Bischofsmütze, 2 458 m
  • Grosse Bischofsmütze, 2 458 m
  • Grosswand, 2 415 m
  • Armkarwand, 2 348 m
  • Däumling, 2 322 m
  • Sternkogel, 2 320 m
  • Mandlkogel, 2 273 m
  • Wasserkarkogel, 2 268 m
  • Rötelstein, 2 247 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In accordo con le definizioni della SOIUSA.
  2. ^ Tra parentesi sono riportati i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi. Si tenga presente che alcuni sottogruppi sono ulteriormente suddivisi in settori di sottogruppo e quindi è stata aggiunta una lettera nel codice.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]