Monti Volsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monti Volsini
Stato Italia Italia
Regione Lazio LazioUmbria UmbriaToscana Toscana
Provincia Viterbo ViterboTerni TerniGrosseto Grosseto
Altezza 690 m s.l.m.
Catena Antiappennino Laziale
Coordinate 42°39′20.16″N 11°59′00.24″E / 42.6556°N 11.9834°E42.6556; 11.9834Coordinate: 42°39′20.16″N 11°59′00.24″E / 42.6556°N 11.9834°E42.6556; 11.9834
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monti Volsini
Panoramica
Vista dalla località San Vittore nei pressi di Gradoli, con ben visibile il Lago di Bolsena

I Monti Volsini sono una catena collinare di origine vulcanica che si trova intorno al bacino del Lago di Bolsena.

I Monti Volsini (o Vulsini), gruppo montuoso dell'Antiappennino laziale, sono compresi per la maggior parte nella provincia di Viterbo, ma sconfinano anche nella provincia di Grosseto e in quella di Terni.

La massima altezza è nel Poggio del Torrone, 690 m[1], fra i comuni di Bolsena e Castel Giorgio, dove si trova la cima.

Monti[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio[modifica | modifica wikitesto]

I suoi fianchi sono coltivati a vigneti (in particolare vi si producono i vini Aleatico di Gradoli e Est! Est!! Est!!! di Montefiascone) e a oliveti (Olio Extravergine d'Oliva "Alta Tuscia"). Le cime sono ricoperte da boschi di querce, castagni, ontani che negli ultimi anni, a causa dell'abbandono dei campi, si sono estesi. Vi vivono volpi, ricci, cinghiali, cerbiatti, falchi, barbagianni.

La natura vulcanica delle colline[modifica | modifica wikitesto]

I Monti Volsini appartenevano, nel Pleistocene medio-superiore, al complesso vulcanico, ribattezzato "Vulsinio", da cui sono nati il lago di Bolsena e le colline stesse. A ricordo di quella attività vulcanica è rimasta la conca di Latera, ultimo residuo di un antico vulcano, denominato dagli studiosi "apparato Vulsinio".

Recentemente si è parlato anche di sfruttare gli ultimi residui di attività vulcanica con la costruzione di una centrale geotermica a Latera, ma la centrale si è rilevata controproducente. Infatti, le emissioni della centrale, ricche di zolfo e altri acidi, hanno prodotto danni all'agricoltura e al turismo. Nel 1997 l'ENEL decise di chiudere la centrale e di portare le risorse geotermiche sul Monte Amiata.

Comuni compresi nei Monti Volsini[modifica | modifica wikitesto]

SIC[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 i Monti Vulsini sono stati proposti come sito di interesse comunitario[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monti Volsini su Sapere.it
  2. ^ Decreto 25 marzo 2005 (G.U. della Repubblica Italiana n. 157 dell'8 luglio 2005) recante Elenco dei proposti siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica mediterranea, ai sensi della direttiva 92/43/CEE. Codice pSIC: IT6010008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]