Monteroni d'Arbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monteroni d'Arbia
comune
Monteroni d'Arbia – Stemma Monteroni d'Arbia – Bandiera
Tenuta di Suvignano, nelle campagne del paese
Tenuta di Suvignano, nelle campagne del paese
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Siena-Stemma.png Siena
Amministrazione
Sindaco Gabriele Berni (centrosinistra) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°14′00″N 11°25′00″E / 43.233333°N 11.416667°E43.233333; 11.416667 (Monteroni d'Arbia)Coordinate: 43°14′00″N 11°25′00″E / 43.233333°N 11.416667°E43.233333; 11.416667 (Monteroni d'Arbia)
Altitudine 161 m s.l.m.
Superficie 105,91 km²
Abitanti 8 812[1] (31-12-2010)
Densità 83,2 ab./km²
Frazioni Cuna, Lucignano d'Arbia, Ponte a Tressa, Ponte d'Arbia, Quinciano, Radi, Ville di Corsano
Comuni confinanti Asciano, Buonconvento, Murlo, Siena, Sovicille
Altre informazioni
Cod. postale 53014
Prefisso 0577
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 052017
Cod. catastale F605
Targa SI
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 621 GG[2]
Nome abitanti monteronesi
Patrono santi Giusto e Donato
Giorno festivo 25 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monteroni d'Arbia
Monteroni d'Arbia
Posizione del comune di Monteroni d'Arbia all'interno della provincia di Siena
Posizione del comune di Monteroni d'Arbia all'interno della provincia di Siena
Sito istituzionale

Monteroni d'Arbia è un comune italiano di 8.572 abitanti[3] della provincia di Siena in Toscana. Sorge a circa 13 km da Siena.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Monteroni d'Arbia sorge a sud di Siena. All'esterno del paese scorre il fiume chiamato Arbia, che dà il nome alla valle, val d'Arbia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costituzione del Comune è avvenuta nel 1810, durante il periodo Napoleonico, a seguito delle decisioni prese dalla Giunta Straordinaria del governo della Toscana. Fino a quel momento il territorio faceva parte della podesteria di Buonconvento.

Il nome deriva da una delle colline che domina il paese, chiamata appunto Monte Roni, e dal fatto che vi scorre il fiume Arbia. Lo studioso di toponomastica storica medievale Gaetano Barbarulo, che ha studiato la forma Tirone/ Monterone, presente in gran parte del territorio italiano fa derivare Monteroni da un composto di monte, derivato dal latino mons, e tirone, esito del latino tardo toro -onis, vocabolo dal significato di "altura"[4]. L'apparente duplicazione si spiegherebbe con una perdita di coscienza in età medievale del significato originario del vocabolo tirone, che avrebbe acquisito la valenza di nome proprio e si sarebbe così sentita l'esigenza di anteporgli il nome comune "monte".

il Sommo Poeta Dante Alighieri nel X Canto della Divina Commedia citando la cruenta battaglia di Monte aperti " lo strazio e il grande scempio che fece l'Arbia colorar in rosso".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiese parrocchiali[modifica | modifica wikitesto]

Chiese minori[modifica | modifica wikitesto]

Cappelle[modifica | modifica wikitesto]

Altri edifici sacri[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 1.112 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Feste popolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Mercatino annuale di Natale nella vecchia tabaccaia e nel centro storico
  • Sagra del fritto
  • Carnevale

Persone legate a Monteroni d'Arbia[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte del comune di Monteroni d'Arbia, ad eccezione del capoluogo, le seguenti frazioni:

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Tra le numerose località che compongono il territorio comunale di Monteroni d'Arbia sono da ricordare: Barottoli, Grotti, Grotti Alto, Le More, Mugnano, Ponzano, San Fabiano, Sovignano, Stine.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La Ss2 Cassia costruita 2200 anni fa dal Console Romano Cassius, attraversa il Centro Storico, ove si trovano il Comune, il Mulino, i negozi ed i ristoranti. La Nuova Cassia in sopraelevata passa fuori dal centro storico dalla rotonda di Lucignano d'Arbia fino a dopo lHotel More di Cuna. Da anni è in costruzione il prolungamento della Nuova Cassia fino a Monsindoli per ricollegarla alla Grande viabilita verso Grosseto e verso Firenze. Infine è in progetto la pista ciclabile da Siena, localita Due Ponti,fino a Lucignano d'Arbia.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Prima della loro chiusura, il comune di Monteroni poteva contare anche sulle stazioni ferroviarie di Ponte d'Arbia, Lucignano, Monteroni sud e Cuna.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2009 2014 Jacopo Armini centrosinistra Sindaco
2014 in carica Gabriele Berni centrosinistra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Monteroni d'Arbia è gemellato con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Le principali squadre di calcio della città sono l'A.S.D. Valdarbia Calcio e l'U.S. Ponte D'Arbia; entrambe militano nel girone F toscano di Prima Categoria.

Altra squadra di calcio è l'A.S.D. Tressa, rifondata nel 2012, che milita nel campionato provinciale di Siena di Terza Categoria.

Nel territorio comunale, nella tenuta di Bagnaia, sorge un Golf Club con percorso 18 buche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat all'1/1/2010.
  4. ^ Le denominazioni Monterone e Tirone nella toponomastica medievale napoletana, in "Archivio Storico per le Provincie Napoletane" 1996.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana